Quanto costa fare il passaporto

Per viaggiare fuori da confine dell’Unione europea, dove basta un documento d’identità valido per l’espatrio, i viaggiatori necessitano del passaporto, ovvero del documento di riconoscimento formale emesso da un governo nazionale affinché un cittadino possa entrare o passare in altri Stati. Si tratta dunque di un documento molto importante che, per essere ottenuto, prevede una serie di passaggi e spese di cui dovrà farsi carico il viaggiatore. Proviamo dunque a capire quanto costa fare il passaporto e qual è la procedura da seguire.

Quanto costa fare il passaporto?

In base a quanto previsto dall’ordinamento italiano, per poter ottenere il passaporto è necessario rivolgersi agli uffici della questura del luogo di residenza o, preferibilmente, del luogo di domicilio. In questa sede andranno presentati una serie di documenti: modulo stampato per la richiesta del passaporto; documento di riconoscimento valido più una fotocopia dello stesso; due foto tessere; ricevuta del pagamento a mezzo c/c di 42,50 € della tassa prevista per la richiesta del passaporto ordinario.

Per quanto riguarda il costo del primo passaporto, questo nel 2022 in Italia a pari 116 euro. È composto dalla marca da bollo di 73,50 euro e dal bollettino postale di importo pari a 42,50 euro intestato al Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro su conto corrente numero 67422808. Si tratta di un prezzo che non prevede la consegna a domicilio del documento che ha invece un sovrapprezzo di 9 euro che andranno pagati alla consegna. Il costo sostenuto per ottenere per la prima volta il passaporto è lo stesso che si dovrà sostenere in caso di rinnovo.

Una volta ottenuto il passaporto questo avrà validità di 10 anni, termine oltre il quale andrà rinnovato sempre presso gli uffici della questura. I tempi di rilascio del documento sono solitamente compresi tra i 10 e i 15 giorni.