FUNERALI DI LEONARDO DEL VECCHIO: CAMILLO DEL VECCHIO LEONARDO MARIA DEL VECCHIO ROCCO BASILICO NICOLETTA ZAMPILLO

C’è la moglie Nicoletta Zampillo Del Vecchio e i 6 figli Claudio, Marisa, Paola, Leonardo Maria, Luca e Clemente ma anche Rocco Basilico, figlio della Zampillo. L’impero di Leonardo Del Vecchio – fondatore di Luxottica e imprenditore simbolo del Made in Italy deceduto lunedì scorso all’età di 87 anni – è stato ripartito in otto parti uguali.

Del Vecchio, testamento per otto eredi

Agli otto eredi spettano quote paritetiche del 12,5% ciascuno della Defin, la cassaforte di famiglia. Così ha deciso lo stesso Del Vecchio mettendolo nero su bianco nel testamento che è stato aperto ieri e di cui ha dato notizia la stessa Defin in una nota che conferma l’assetto societario.

«A seguito dell’apertura delle disposizioni testamentarie del fondatore Leonardo Del Vecchio, scomparso lo scorso 27 giugno 2022, è stata comunicata a Delfin l’attuale composizione dell’assetto societario», si legge, «in particolare, si rende noto che il capitale della società risulta ripartito tra i seguenti soci, ciascuno titolare del 12,5%: Nicoletta Zampillo Del Vecchio, Claudio Del Vecchio, Marisa Del Vecchio, Paola Del Vecchio, Leonardo Maria Del Vecchio, Luca Del Vecchio, Clemente Del Vecchio e Rocco Basilico».

Il nome inaspettato, uscito dalle disposizioni testamentarie di Del Vecchio, è proprio quest’ultimo, quello di Rocco Basilico figlio di Nicoletta Zampillo e del primo marito Paolo Basilico, banchiere e fondatore del gruppo Kairos. Paolo Basilico, il nome nuovo. Ci si aspettava che alla vedova andasse il 25% e ai sei figli di Del Vecchio il 12,5%. Quel 25% verrebbe, invece, è stato diviso in due, tra madre e figlio.

Rocco Basilico, chi è l’erede inaspettato di Del Vecchio

Rocco Basilico, 32 anni, è già da tempo inserito nell’organizzazione di Essilux nel ruolo di Chief wearable officer ed è A.d. di Oliver Peoples uno dei marchi di lusso di Luxottica. Basilco è entrato nel gruppo prima di Leonardo Maria, figlio di Nicoletta Zampillo e di Del Vecchio.

«La fabbrica era il suo amore più grande, ma non era una questione di successo o soldi. Era la sua missione in questo mondo», aveva detto Basilico ai funerali di Del Vecchio, due giorni fa ad Agordo. «Io ho avuto l’onore di lavorare con lui per molti anni, parlavamo solo quasi sempre di Luxottica», aveva ricordato ancora. «La sua famiglia è molto più grande di quella biologica».

Ora, informa Delfin, il consiglio si riunirà a breve per recepire il nuovo assetto azionario e per prendere atto dell’integrazione dell’organo amministrativo a norma di statuto, fermo restando che non sono state comunicate altre disposizioni testamentarie con effetti sulla governance della società. In una recente modifica dello statuto della holding, viene previsto che le decisioni più importanti dovranno avere un quorum dell’88% del capitale votante.

Francesco Milleri nuovo presidente di EssilorLuxottica

Sul fronte EssilorLuxottica, intanto, il Cda, che si è riunito martedì scorso, all’indomani della morte di Del Vecchio, ha nominato Francesco Milleri nuovo presidente per la durata residua del mandato. Il top manager, uomo di fiducia di Del Vecchio, mantiene anche l’attuale carica di amministratore delegato di EssilorLuxottica.

Il consiglio ha anche deciso di prendere in considerazione i vantaggi di nominare un lead director tra i propri amministratori indipendenti. Entro la fine dell’anno verrà presa una decisione definitiva in merito. Il consiglio ha inoltre confermato Paul du Saillant come vice amministratore delegato di EssilorLuxottica.

Il consiglio ha anche nominato per cooptazione tra i propri membri Mario Notari la cui nomina verrà sottoposta al voto durante alla prossima assemblea annuale degli azionisti.