Le Monde

Volodymyr Zelensky cerca di ottenere il sostegno dell’Unione Africana

Dipendendo da Mosca e Kiev per il grano, i leader difendono la loro neutralità.

È un discorso che l’Unione Africana (UA) ha rimandato il più a lungo possibile e che ha voluto mantenere a bassa voce, quasi segreto. Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, si è rivolto ai membri dell’organizzazione continentale a porte chiuse lunedì 20 giugno, in videoconferenza da Kiev. “Finalmente”, direbbe qualcuno. Scrive Le Monde.

Richiesto più volte dalla presidenza ucraina a partire da aprile e rimandato altrettante volte dall’UA, la laboriosa organizzazione di questo semplice videomessaggio illustra i difficili legami tra Volodymyr Zelensky e i leader del continente: il primo cercando di mobilitare l’Africa dietro il suo Paese nella guerra con la Russia, il secondo mantenendo una posizione neutrale, dai contorni poco chiari.

Per Zelensky si trattava di difendere la sua versione del conflitto e la responsabilità della crisi alimentare del continente. “L’Africa è ostaggio di coloro che hanno iniziato la guerra contro il nostro Stato”, ha detto riferendosi a Mosca. Il livello “ingiusto” dei prezzi dei prodotti alimentari “causato dalla guerra russa (…) è dolorosamente sentito in tutti i continenti”, ha lamentato.

Ha anche lanciato un’offensiva di fascino. Dopo aver ricordato il contributo dell’Ucraina alle missioni di pace in Africa e i legami commerciali che la uniscono al continente, il presidente ha annunciato la prossima nomina di un inviato speciale per l’Africa e ha proposto l’organizzazione di una “grande conferenza politica ed economica Ucraina-Africa”.

“Piani irrealistici”

Il messaggio di dieci minuti di Zelensky, tuttavia, ha suscitato scarso interesse da parte africana. “Progetti irrealistici che non hanno suscitato alcuna reazione qui”, ha sintetizzato un diplomatico africano che ha ascoltato il discorso. Solo quattro capi di Stato hanno assistito alla diretta. Contemporaneamente, sette leader si sono riuniti a Nairobi, in Kenya, per discutere della sicurezza nella regione dei Grandi Laghi.

L’organizzazione del discorso è stato un modo simbolico per l’UA di riequilibrare la propria comunicazione nei confronti della Russia. All’inizio di giugno, l’attuale presidente dell’UA e presidente del Senegal, Macky Sall, e il presidente della commissione UA, Moussa Faki, si erano recati a Sochi per incontrare Vladimir Putin. Sall ha criticato le sanzioni occidentali contro la Russia.

Secondo diverse fonti diplomatiche dell’UA, il tentativo di Zelensky di mobilitare il continente a favore della causa ucraina è quasi inutile. “Non so quale gesto si aspetti da noi, ma la nostra priorità rimane la fornitura di cereali e fertilizzanti”, afferma un diplomatico dell’Africa orientale. Durante una recente visita a Parigi, Sall ha ribadito il messaggio. “Non si tratta di un dibattito su chi ha ragione e chi ha torto. Vogliamo solo l’accesso ai cereali e ai fertilizzanti”, ha dichiarato in un’intervista a Le Monde.

Quasi la metà dei Paesi africani dipende dalle importazioni di grano dalla Russia e dall’Ucraina. Quattordici di essi ricevono addirittura più della metà del loro grano da questi due Paesi. Inoltre, anche i fertilizzanti scarseggiano, dato che è iniziata la stagione delle piogge e quindi la stagione delle semine.

“Falsa ingenuità”

In questo contesto, il Presidente dell’UA ha chiesto all’Ucraina di liberare il porto strategico di Odessa per consentire il carico delle navi da carico, affermando di aver ricevuto garanzie di non aggressione da Putin. Sul tema di Odessa, Macky Sall sta dimostrando una vera e propria falsa ingenuità”, afferma Paul-Simon Handy, ricercatore dell’Istituto per gli Studi sulla Sicurezza. Prende per buono ciò che dice Vladimir Putin.

In caso di sminamento, Kiev teme un’invasione russa attraverso il Mar Nero. Nel suo video, Volodymyr Zelensky ha presentato la soluzione del carico, ricordando che “la crisi [alimentare] è iniziata il 24 febbraio, quando la flotta russa ha bloccato i porti ucraini”. “Non sono ancora stati trovati strumenti reali per garantire che la Russia non attacchi di nuovo [i porti]”, ha sottolineato.

Nel concludere il suo discorso, il leader ha cercato di fare leva sulla vena antimperialista dell’UA. “La Russia sta cercando di conquistare la nostra terra, di trasformare l’Ucraina in una colonia russa”, ha affermato. Senza molto successo. I leader del continente in questa crisi, Sall e Faki, stanno camminando sul filo del rasoio, costretti a mantenere una posizione ambigua per compiacere i sostenitori africani di Mosca e i non allineati. Il presidente senegalese ha accolto lunedì su Twitter il “discorso amichevole” di Zelensky, ribadendo che “l’Africa rimane impegnata nel rispetto delle regole del diritto internazionale, nella risoluzione pacifica dei conflitti e nella libertà di commercio”.

The New York Times

Un nuovo gruppo di attivisti mira alla guerra in Ucraina e alla crisi climatica: TogetherGuidato da giovani donne dell’Europa dell’Es che stanno mettendo alle strette i leader europei e facendo pressione per un embargo energetico totale sulla Russia, per porre fine ai combattimenti e salvare il pianeta. Scrive il NYT

Emmanuel Macron, il presidente della Francia, aveva appena terminato un discorso a un’importante conferenza sull’Europa. Mentre si attardava sul palco, raccogliendo adulazioni e facendo foto con i fan, non sapeva che due giovani donne in fondo alla sala lo stavano osservando da vicino.

“Non ci sono barriere metalliche”, ha sussurrato Dominika Lasota. “È la nostra occasione”.

Lei e la sua compagna attivista, Wiktoria Jedroszkowiak, si sono alzate in piedi velocemente. Hanno acceso una macchina fotografica. Si sono avvicinate a Macron, che le ha accolte con un sorriso affascinante, pensando che volessero solo un selfie. Ma poi lo hanno tempestato di domande su un controverso nuovo oleodotto in Uganda (che la compagnia petrolifera francese Total sta aiutando a costruire) e sulla guerra in Ucraina.

“Il punto è…” Macron ha cercato di dire.

“So qual è il suo punto di vista”, ha detto la ventenne Lasota, interrompendolo. “Ma stiamo vivendo una crisi climatica e lei deve fermarla”.

La signora Jedroszkowiak, anch’essa ventenne, è intervenuta dicendo: “Potete fermare la guerra in Ucraina smettendo di comprare combustibili fossili dalla Russia”.

“Sì”, ha borbottato Macron, prima di essere subissato da una serie di altre domande.

Anche a distanza di settimane – la vicenda si è svolta a maggio a Strasburgo, in Francia – i due attivisti sono ancora entusiasti di quel confronto. Lasota e Jedroszkowiak sono emerse come leader di una nuova ala dinamica del movimento contro la guerra, e il video che le ritraeva mentre tenevano una lezione al signor Macron è diventato virale, rendendole per un momento delle celebrità in Francia e in Polonia, loro Paesi di origine.

Si tratta di un diverso tipo di attivisti – giovani, per lo più donne e per lo più provenienti dall’Europa dell’Est – che credono che la guerra in Ucraina sia una manifestazione brutale della dipendenza del mondo dai combustibili fossili. Hanno unito due cause – l’attivismo contro la guerra e il cambiamento climatico – per sfruttare al meglio questo momento in cui l’attenzione del mondo è concentrata sull’Ucraina. Per far valere le loro ragioni, affrontano i leader europei faccia a faccia. Girano per il continente, viaggiano in treno, alloggiano in hotel economici, si nutrono di cornflakes e latte di mandorla, cercando di mettere alle strette i politici e gli uomini d’affari più importanti d’Europa.

Anche se forse non sono famosi come Greta Thunberg, hanno la stessa tempra e lavorano a stretto contatto con il suo movimento Fridays for Future.

Il loro messaggio, che la Thunberg e la Lasota hanno rimarcato in un recente video, è che la dipendenza dell’umanità dai combustibili fossili sta causando miseria e spargimento di sangue. Non indicano solo la Russia, ma anche l’Arabia Saudita, il Venezuela e altri Paesi con una lunga storia di conflitti e repressioni.

“Queste cose sono collegate”, ha detto Thunberg. “Una sempre maggiore espansione dei combustibili fossili significa più potere per gli autocrati. Questo permette loro di iniziare guerre come quella in Ucraina”.

Nessuno di questi attivisti si è accontentato della decisione dell’Unione Europea di mettere sotto embargo il carbone e la maggior parte del petrolio russo entro la fine dell’anno: vogliono un embargo totale di tutta l’energia sovietica, che secondo loro affamerebbe la Russia di miliardi di dollari e spegnerebbe la sua macchina da guerra in otto settimane.

Si tratta di una richiesta enorme, con conseguenze di vasta portata, che pochi politici europei osano sollevare pubblicamente, per non parlare di abbracciare. Molte persone in tutto il mondo credono che non sia possibile abbandonare i combustibili fossili. L’80% dell’energia globale proviene ancora da questi .E l’Europa è strettamente legata ai combustibili fossili russi, in particolare al gas naturale.

Ma altri gruppi ambientalisti chiedono lo stesso embargo a tappeto. Sono disturbati dal fatto che l’Europa affermi di essere al fianco dell’Ucraina mentre continua a comprare miliardi di dollari di carburante russo, aiutandoli a raccogliere profitti record mentre i loro militari massacrano i civili e commettono altre atrocità in Ucraina. Gli esperti di energia concordano sulla necessità di fare qualcosa di diverso.

“Gli attivisti hanno ragione: l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia dovrebbe ricordare l’urgenza di abbandonare i combustibili fossili”, ha dichiarato Jason Bordoff, preside della Columbia Climate School. “Ma la dura realtà è che se l’Europa vuole eliminare la dipendenza dalla Russia, avrà bisogno di fonti alternative di petrolio e gas per un certo periodo di tempo durante la transizione”.

Lasota e Jedroszkowiak sostengono che l’unica soluzione sia accelerare la transizione verso le energie rinnovabili, come l’eolico e il solare, e che fino ad allora altri ucraini moriranno inutilmente. Hanno organizzato proteste in tutta Europa e si sono confrontate non solo con Macron, ma anche con Mateusz Morawiecki, il primo ministro polacco, Roberta Metsola, il presidente del Parlamento europeo, i più importanti uomini d’affari, tra cui gli azionisti della Total, e Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, che è sembrata impressionata.

“Sono giovani donne molto brillanti, molto preparate”, ha detto la von der Leyen, che ha incontrato la Lasota e le altre giovani attiviste a marzo.

Da allora, l’Unione Europea ha tenuto infinite riunioni sulle sanzioni alla Russia. Alla fine di maggio, i leader europei hanno programmato un altro vertice a Bruxelles. Lasota e Jedroszkowiak hanno visto l’occasione perfetta per “dirottare l’attenzione”.

The Financial Time

L’UE mette in guardia contro il “regresso” dei combustibili fossili mentre il carbone sostituisce il gas russoUrsula von der Leyen dice che l’attenzione deve rimanere sugli investimenti nelle energie rinnovabili mentre i Paesi cercano di evitare la crisi energetica

Il presidente della Commissione europea ha avvertito gli Stati membri dell’UE di non fare marcia indietro sul loro impegno a lungo termine per ridurre l’uso dei combustibili fossili, mentre Germania, Austria e Paesi Bassi hanno dichiarato che accenderanno le centrali a carbone dopo che la Russia ha deciso di limitare le forniture di gas. Scrive il Financial Times.

Ursula von der Leyen ha detto che i governi devono rimanere concentrati su “massicci investimenti nelle energie rinnovabili”.

“Dobbiamo fare in modo di usare questa crisi per andare avanti e non per tornare indietro sui combustibili fossili sporchi”, ha dichiarato in un’intervista. “È una linea sottile e non si sa se prenderemo la giusta direzione”.

I Paesi sono preoccupati per gli ulteriori tagli alle forniture di gas, che i leader dell’UE sostengono essere stati orchestrati dal Cremlino.

L’imminente aumento dell’uso del carbone, anche se temporaneo, ha alimentato la preoccupazione che i Paesi europei possano usare la crisi per ritardare il passaggio ad alternative meno inquinanti.

Lunedì Rob Jetten, ministro olandese per il clima e l’energia, ha dichiarato che il Paese modificherà le leggi che impongono alle centrali a carbone di funzionare con una capacità massima del 35%.

La Germania e l’Austria hanno annunciato il riavvio d’emergenza di impianti a carbone inattivi domenica, dopo che la Russia ha ridotto del 60% la capacità del gasdotto Nord Stream 1 la scorsa settimana. Il gasdotto, che attraversa il Mar Baltico fino alla Germania, è uno dei principali canali di trasporto del gas russo verso l’Europa. I funzionari dell’UE temono che Mosca possa ridurre ulteriormente le forniture prima dell’inverno.

La Russia ha attribuito la riduzione della capacità a problemi tecnici del gasdotto. Tuttavia, si è rifiutata di compensare la mancanza di capacità attraverso altre vie di trasporto.

Altri Paesi dell’UE, tra cui l’Italia, dovrebbero seguire la Germania nel riavvio delle centrali elettriche a carbone. Gli Stati membri stanno affrontando pressioni economiche crescenti a causa della carenza di energia, con i prezzi di riferimento del gas europeo aumentati di oltre il 50% nell’ultima settimana. Il gas è almeno sei volte più costoso nella zona euro rispetto a prima della pandemia.

La Von der Leyen ha dichiarato che l’UE ha adottato “misure di emergenza” per rispondere alla minaccia di un calo delle forniture dalla Russia, tra cui misure di risparmio energetico e la “definizione di priorità” per le industrie che ricevono il gas. Ha elogiato i recenti sforzi tedeschi per il risparmio energetico, affermando che si tratta di uno degli strumenti più efficaci dell’UE.

La Presidente della Commissione ha citato i dati che mostrano come il consumo europeo di gas sia diminuito del 9% nel primo trimestre, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’industria ha ridotto il consumo di gas anche in risposta ai prezzi quasi record. Se i consumatori abbassassero i termostati di 2°C potrebbero ridurre significativamente il consumo di gas, ha aggiunto.

L’UE vuole accelerare i piani per aumentare la generazione da fonti rinnovabili, trovando al contempo il modo di diversificare le forniture di gas, come ad esempio l’ingresso di carichi marittimi di gas naturale liquefatto (LNG) da altre regioni.

Von der Leyen ha dichiarato che la Commissione sta facendo tutto il possibile affinché l’UE possa dire in futuro “abbiamo fatto le scelte giuste”.

L’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca ha reso più urgenti i piani dell’UE per il passaggio alle energie rinnovabili. Nell’ambito del piano “REPowerEU”, il blocco mira a ridurre la dipendenza dall’energia russa, a diversificare le fonti di gas e ad espandere la capacità eolica e solare.

Von der Leyen ha sottolineato un recente viaggio nel Mediterraneo orientale, dove l’UE spera che le forniture di gas provenienti dalle acque di Israele, Cipro ed Egitto possano eventualmente fornire ulteriore GNL all’Europa.

Ha inoltre affermato che produttori come la Norvegia e l’Azerbaigian stanno “aumentando” la produzione per fornire all’UE alternative alle forniture di gas russo, che costituivano fino al 40% del totale del blocco prima dell’invasione dell’Ucraina.

REPowerEU aumenterà gli investimenti nelle energie rinnovabili e snellirà le norme di pianificazione in modo che i progetti, compresi i parchi eolici, possano essere costruiti più rapidamente.

“Ormai sappiamo che non solo fanno bene al clima, ma anche alla nostra sicurezza e indipendenza energetica”.

The Wall Street Journal

Il metaverso attira marchi come Nike e Gap con nuovi modi di fare marketing e denaro

Alcune delle più grandi aziende del mondo stanno iniziando ad aprire un negozio nel cosiddetto metaverso, delineando un primo schema per il modo in cui le persone potrebbero fare soldi veri nel tanto decantato regno digitale.
Per i marchi di moda, i produttori di giocattoli e altri, questo mondo online in cui gli utenti interagiscono nelle loro vesti digitali di avatar, non diversamente da quanto accade nel film “Ready Player One” o nel gioco online “Second Life”, sta emergendo come una nuova frontiera per il commercio.
Le aziende stanno creando versioni dei loro prodotti che esistono solo sugli schermi, con la proprietà sostenuta da atti digitali noti come token non fungibili o NFT. Stanno anche acquistando proprietà immobiliari virtuali. Oltre il 70% della “terra” di un mondo online chiamato “The Sandbox” è già stato acquistato – in gran parte da aziende come Binance, la più grande borsa di criptovalute del mondo, e Atari, un produttore di videogiochi di vecchia data – scrive il WSJ.

Sebbene le aziende stiano facendo delle incursioni nel metaverso per effettuare transazioni commerciali, per ora la maggior parte delle attività si concentra sul marketing per generare vendite nel mondo reale. Ad esempio, i musicisti si esibiscono in concerti su palcoscenici virtuali per promuovere i loro album, così come i marchi di abbigliamento partecipano a sfilate di moda virtuali per suscitare l’interesse per i loro ultimi abiti.

Alcuni di questi sforzi di marketing comportano anche opportunità di guadagno per le aziende. A gennaio, il rivenditore americano di abbigliamento Gap Inc. ha iniziato a vendere felpe digitali con cappuccio, sotto forma di NFT, un primo test di come potrebbe essere l’attività commerciale nel metaverso per l’azienda. Una felpa con cappuccio NFT è qualcosa che l’avatar dell’acquirente potrebbe indossare un giorno, mentre esplora i diversi angoli del metaverso. Per il momento, tuttavia, gli NFT di Gap non offrono questa possibilità, che richiederebbe a Gap di sviluppare un proprio regno virtuale o di trovare un modo per rendere i suoi NFT compatibili con i regni esistenti. Nel frattempo, i clienti possono collezionare sei di questi NFT, che attualmente costano circa 2-11 dollari l’uno. Acquistando la collezione completa, i clienti hanno la possibilità di acquistare NFT speciali più costosi.

Secondo l’azienda, il primo lotto di felpe con cappuccio NFT è andato rapidamente esaurito al momento dell’uscita. Gap ne ha distribuite altre in aprile e una serie di altri NFT in giugno. Alcune di esse sono disponibili per la rivendita su mercati online secondari per coloro che vogliono ancora completare la loro collezione. Gap e l’artista che ha contribuito a creare l’NFT intascano il 10% del prezzo di vendita ogni volta che ne viene rivenduto uno.

L’azienda ha dichiarato che intende continuare a rilasciare NFT di abbigliamento virtuale nel prossimo futuro e potenzialmente collaborare con altre piattaforme digitali.

“Poiché un numero sempre maggiore di persone trascorre il proprio tempo in spazi virtuali, crediamo sia importante percorrere questo viaggio con i nostri clienti”, afferma Avery Worthing-Jones, responsabile della gestione dei prodotti di Gap. “Stiamo affrontando un processo di scoperta per capire che cosa è significativo per i nostri clienti e quali esperienze possiamo promuovere attraverso il metaverso che migliorerà e aumenterà queste esperienze”.

Più coinvolgente
È ancora presto per quella che alcuni appassionati di metaversi definiscono la prossima evoluzione di Internet, ma i sostenitori la descrivono come molto più coinvolgente delle offerte online esistenti, con immagini tridimensionali di qualità superiore. In molti casi ci si aspetta che gli utenti abbiano la sensazione di interagire con i contenuti digitali e tra di loro, consentendo loro di vivere esperienze che altrimenti sarebbero troppo costose, impegnative o impossibili nel mondo reale. E le aziende possono trarre vantaggio dalla vendita di beni virtuali o dalla promozione dei loro marchi a questi utenti.

Aziende come la Nascar, la catena di fast-food Wendy’s e istituzioni finanziarie secolari come JPMorgan Chase & Co. si stanno buttando nel metaverso.

JPMorgan, la più grande banca americana, ha firmato un contratto di locazione di un anno all’interno di un centro commerciale virtuale da una startup chiamata Everyrealm Inc. La proprietà si trova a Decentraland, uno dei sempre più numerosi mondi online tridimensionali che sono sorti. La struttura non offre servizi bancari reali o virtuali, ma al momento presenta una lounge virtuale con un teletrasporto al secondo piano, schermi con video su argomenti come le criptovalute, un libro bianco sul metaverso, una biblioteca piena di libri e un gufo erudito.

I riscontri ottenuti finora dai clienti aziendali dimostrano che si tratta di “un ottimo modo per utilizzare le nostre risorse di marketing”, afferma Umar Farooq, amministratore delegato dell’unità Onyx della banca, fondata nel 2020 e che gestisce una piattaforma basata su blockchain per le transazioni di pagamento.

Sebbene JPMorgan dichiari che per il momento non ha intenzione di guadagnare direttamente nel metaverso e che intende rimanere presente solo come strumento di marketing, prevede che i fornitori di piattaforme e le aziende presenti nel metaverso cresceranno fino a generare 1.000 miliardi di dollari di entrate annuali totali.

Per far sì che il metaverso raggiunga una dimensione simile è necessario molto lavoro e persino alcune figure di spicco del settore tecnologico hanno espresso scetticismo da quando il cofondatore di Facebook Mark Zuckerberg ha rinominato la sua azienda Meta Platforms Inc. per riflettere il suo passaggio a questa tecnologia emergente. Secondo Zuckerberg, il metaverso rappresenterebbe un nuovo modo di interagire tra le persone, offrendo nuove opportunità di commercio, anche se con costi iniziali elevati, per apparecchiature come le cuffie per esperienze più coinvolgenti.

I primi ambiti
Tuttavia, i primi sforzi offrono un’idea dei nuovi tipi di opportunità commerciali che potrebbero emergere. Alcuni dei primi regni digitali includono giochi online con microeconomie proprie, come “Eve Online”. Un esempio più popolare e di tendenza è stato creato da Roblox Corp. dove gli utenti si teletrasportano da un hub virtuale all’altro della piattaforma per giocare, socializzare e partecipare a concerti.

Anche startup come Hololands LLC, la fondazione no-profit Decentraland e Pixowl Inc, un’unità di Animoca Brands che possiede il gioco “The Sandbox”, stanno cercando di costruire città virtuali. Queste organizzazioni vendono immobili virtuali agli early adopters – aziende e privati – che non hanno problemi ad acquistare terreni in un luogo in cui se ne aggiungono continuamente altri.

Gli acquirenti stanno diventando proprietari, affittando le loro proprietà online ad aziende che vogliono aprire negozi, ospitare eventi speciali o semplicemente mettere cartelloni pubblicitari ai passanti. Questi proprietari offrono anche proprietà virtuali ai consumatori, che possono costruire case digitali per conservare i loro NFT e frequentare gli amici.

L’anno scorso Nike Inc., Mattel Inc. e altri produttori di prodotti di consumo hanno creato i loro hub su Roblox per promuovere i loro marchi. Gucci ne ha creato uno in cui vendeva agli utenti circa due dozzine di oggetti, tra cui borse e fasce virtuali, nella maggior parte dei casi per un prezzo compreso tra 80 e 900 Robux (circa 1-10 dollari), la valuta della piattaforma. Più recentemente, a maggio Gucci ha iniziato a vendere una nuova serie di articoli, tra cui un paio di leggings virtuali, al prezzo di 130 Robux. I prezzi dei Robux partono da 99 centesimi per 80 e arrivano a 99,99 dollari per 10.000.

Uno dei grandi interrogativi che ancora incombono sul metaverso e sul suo potenziale di profitto a lungo termine è se il regno online sarà un mondo virtuale di libero scambio o un mosaico di feudi aziendali. Secondo gli analisti, per alcune aziende che hanno già economie virtuali consolidate con grandi comunità online, non c’è molto incentivo a collegare i mondi. Immaginate un’economia globale in cui le persone possono passare da un Paese all’altro, ma non possono commerciare e non possono portare i loro soldi dentro e fuori.

“Se ogni piattaforma di metaverso si comporta come un Paese le cui guardie di frontiera non permettono ai visitatori di portare le scarpe da ginnastica acquistate in un altro Paese, il metaverso sarà un minuscolo universo”, afferma Erik Gordon, amministratore delegato del Wolverine Venture Fund presso la Ross School of Business dell’Università del Michigan.

Per evitare ciò, alcune aziende stanno lavorando per collegare gli elementi del futuro metaverso.

La startup Tilia Inc. offre un modo per spedire denaro all’interno e all’esterno del metaverso e sta lavorando a modi per spedire denaro tra i regni virtuali. Inoltre, stanno nascendo mercati online per vendere una serie di NFT da utilizzare in più regni. OpenSea, Rarible e Objekt consentono ai consumatori di acquistare i token che funzionano come moneta digitale, nonché di rivenderli o scambiarli con altri.

“Siamo ancora nelle fasi iniziali”, afferma Lidiane Jones, vicepresidente esecutivo e direttore generale dell’unità Digital Experiences di Salesforce.com Inc. “Ma stiamo già vedendo nuovi modi in cui le aziende possono esprimere i propri marchi e offrire esperienze commerciali in questi ambienti virtuali”.