Pagamento stipendio maggio 2022

Per il mese di maggio 2022 si aspettano importanti novità per quanto riguarda lo stipendio di diverse figure professionali – specie nel campo del pubblico – che subiranno degli aumenti. Si tratta, in particolare, degli insegnanti, ma ci sono anche delle novità per quanto riguarda altre figure professionali del comparto del pubblico impiego. Vediamo dunque quali sono le novità attese e, soprattutto, quando è previsto il pagamento dello stipendio di maggio 2022.

Pagamento stipendio maggio 2022, le date

A maggio 2022 alcuni lavoratori dipendenti beneficeranno di un aumento dato dal fatto che, al netto dei sabato e delle domeniche, il mese conta 22 giorni lavorativi, ma con il fatto che il 1° maggio corrispondeva ad una domenica, verrà considerato anch’esso in busta paga. I giorni per i quali si ha diritto alla retribuzione diventano dunque 23 anziché 22, oppure a 27 anziché 26 per chi lavoro anche il sabato.

Per quanto riguarda le date del pagamento di maggio 2022, il cedolino Noipa per gli stipendi della pubblica amministrazione sarà online dal 18 maggio. Gli accrediti dello stipendio arriverà poi con il seguente calendario:

  • dal 23 maggio 2022, gli insegnanti e il personale ATA;
  • dal 26 maggio 2022, il comparto della sanità;
  • dal 27 maggio 2022, i vigili del fuoco e i supplenti brevi e saltuari.

Sugli insegnanti è bene ricordare che il loro stipendio subirà, nel mese, un aumento nell’accredito. A darne notizia è stato il Miur: “Sono in arrivo gli aumenti contenuti nel nuovo contratto per i lavoratori pubblici, scuola esclusa. In base alla nuova formulazione, ogni dipendente beneficerà nella sua carriera di cinque differenziali stipendiali fino a 2250 euro lordi. L’assegnazione dipenderà dall’anzianità e dal merito. Soprattutto il merito avrà una incidenza del 40% nella decisione”. “L’Aran – hanno aggiunto dal ministero – stima che i funzionari percepiranno in media un arretrato di 2.545 euro lordi. Gli assistenti di seconda area 1.906 euro lordi, gli operatori della prima area 1.680 euro. Grazie al nuovo contratto, ci saranno aumenti di stipendio che rientrano in una fascia compresa tra 63 euro lordi mensili per gli operatori della prima fascia e 117 euro lordi mensili per i funzionari di grado più elevato”.