Caro case e prezzi

I prezzi delle case saranno ancora più cari nei prossimi tre anni. In particolare si registrerà un aumento del 12% a Milano e 9% a Roma. Ma qual è il motivo di tali incrementi e cosa accadrà? Scopriamolo insieme.

Caro case e prezzi, le previsioni

Secondo la stima effettuata da Nomisma, lo scenario prefigurato sino al 2024 non è dei più felici in ambito immobiliare. In particolare si avrà un modesto calo delle compravendite, una diminuzione delle erogazioni di mutuo, nonché l’aumento dei prezzi delle abitazioni. Tuttavia, le conseguenze derivanti dalla guerra, dall’inflazione e dal rischio di una recessione al momento sono meno gravi del previsto. Secondo il centro studi, ciò è merito della domanda abitativa ai massimi storici: il 3,7% dei nuclei familiari è attualmente in cerca di una casa da acquistare ed un altro 9,6% si dichiara intenzionato ad avviare la ricerca entro l’anno.

Proprio la grande domanda di immobili, nonché l’inflazione, avranno effetti sui prezzi delle case, in aumento nei prossimi tre anni, soprattutto nelle grandi città. Rispetto a luglio dello scorso anno, Milano ha registrato una salita delle quotazioni del 6,3%, mentre Roma del 4,2. Nel triennio 2022-24 il capoluogo lombardo registrerà, secondo Nomisma, un aumento cumulato dei valori di oltre il 12%, mentre la Capitale si fermerà a quota 9%. Anche gli immobili di impresa (ad esempio uffici, magazzini o laboratori) costeranno di più. Dopo due anni in cui molte imprese si sono affidate allo smart working, tornano infatti a crescere gli investimenti in uffici. Basti pensare che solo a Milano sono stati affittati centotrentamila metri quadri.

Calano, invece, le erogazioni di mutui: per il 2022, infatti, la previsione è di erogazioni complessive per 47 miliardi a fronte dei 53,4 dello scorso anno, un calo del 12% cui ne seguirà uno di analoga portata nel 2023. Dei cali maggiori porterebbero conseguenze importanti: infatti, l’80% di chi vorrebbe comprare casa, secondo Nomisma, pone come condicio sine qua non l’accesso al mutuo. Si registra, al contempo, un rialzo dei tassi di interesse.