A marzo il colosso cinese dell’ecommerce Alibaba si era impegnata a dividere la sua attività in sei parti, in modo che ogni divisione potesse concentrarsi meglio, competere più duramente e prosperare di più. Poteva essere il tonico giusto dopo la pandemia e il giro di vite del governo sul settore tecnologico, ma ora potrebbe essere necessario bere qualcosa di più.

Poi, però, Alibaba è stata costretta a cancellare lo scorporo della divisione cloud, che compete con Amazon Web Services e Microsoft Azure. È un’attività importante: serve la maggior parte delle aziende tecnologiche cinesi e la metà delle aziende cinesi di IA generativa, comprese le iniziative di IA di Alibaba. Il problema è che per funzionare ha bisogno di chip super intelligenti, come quelli prodotti da Nvidia, e ora che gli Stati Uniti hanno vietato l’esportazione in Cina di questi minuscoli strumenti, la divisione è in bilico. Se a questo si aggiungono i risultati peggiori del previsto dell’ultimo trimestre, non c’è da stupirsi che le azioni di Alibaba siano inizialmente scivolate del 10% dopo il comunicato.

Nvidia sta cercando di aggirare il divieto sui chip – dopo tutto, una vendita è una vendita. Ma per ora le aziende tecnologiche cinesi devono cercare sul mercato nero o affidarsi a chip obsoleti. Questo ha fatto sì che anche le più grandi aziende del Paese siano rimaste indietro rispetto ai rivali statunitensi e alcuni hanno definito il blocco “una sfida esistenziale” per lo sviluppo della Cina. Dopotutto, più si resta indietro, più è difficile recuperare, soprattutto quando questa tecnologia si muove alla velocità della luce.