Risparmio famiglie

Supera quota 5.256 miliardi di euro la ricchezza finanziaria degli italiani a fine 2021, cresciuta di quasi 1.700 miliardi (+50%) nell’ultimo decennio. E’ quanto si legge in una ricerca della Fabi da cui emerge che “la liquidità resta la forma preferita di allocazione del risparmio”.

Cresce il contante, forte calo delle obbligazioni

Il contante è cresciuto di 509 miliardi (+45%) a quota1.629 miliardi, con la percentuale di denaro lasciato su conti correnti e depositi stabile al 31% del totale delle masse. In forte calo le obbligazioni (-67% a 233 miliardi di euro), mentre crescono le polizze assicurative (+78% a 1.213 miliardi miliardi), che coprono il 23% dei risparmi complessivi. È il quadro, sottolinea la Fabi a dieci anni dal ‘Whatever it takes’ dell’allora presidente della Bce Mario Draghi per salvare l’euro”

Sileoni (Fabi) i governi tutelino il risparmio
Lando Maria Sileoni, segretario generale della Fabi

Non tassare due volte i risparmi

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane “dovrebbe oggi essere maggiormente considerata nei programmi elettorali dei partiti in vista del 25 settembre e del futuro Governo”. Lo afferma il segretario generale della Fabi, Lando Sileoni rivolgendo il proprio appello affinché “tutte le forze politiche tutelino, con proposte serie e concrete, i risparmi degli italiani”. “Si tratta – spiega il sindacalista – di oltre 5.200 miliardi di euro, che potranno giocare un ruolo essenziale per il rilancio e la crescita economica”. A suo dire “sarebbero dannosi, in quest’ottica, interventi fiscali, come ad esempio la patrimoniale, che aumenterebbero il carico fiscale su denaro che è frutto di risparmi sui redditi delle lavoratrici e dei lavoratori, quindi già ampiamente tassato dallo Stato“.