EMMANUEL MACRON

Una legge che vieta gli imballaggi di plastica per un gran numero di frutta e verdura entra in vigore in Francia il giorno di Capodanno, per porre fine a quella che il governo ha chiamato “l’aberrazione” di carote, mele e banane avvolte, mentre gli attivisti ambientali e gli acquirenti esasperati sollecitano altri paesi a fare lo stesso. Emmanuel Macron ha definito il divieto sugli imballaggi di plastica dei prodotti freschi “una vera rivoluzione” e ha detto che la Francia stava prendendo l’iniziativa a livello globale con la sua legge per eliminare gradualmente tutta la plastica monouso entro il 2040. La Spagna introdurrà un divieto sugli imballaggi di plastica di frutta e verdura dal 2023. Per anni, gli attivisti internazionali hanno detto che gli imballaggi di plastica inutili stanno causando danni ambientali e inquinamento in mare.

Niente plastica attorno a cetrioli, peperoni e zucchine

Da Capodanno, la Francia ha vietato dunque ai supermercati e ad altri negozi di vendere cetrioli avvolti nella plastica, e peperoni, zucchine, melanzane e porri in imballaggi di plastica. Un totale di 30 tipi di frutta e verdura sarà vietato di avere qualsiasi involucro di plastica, tra cui banane, pere, limoni, arance e kiwi. Le confezioni superiori a 1,5 kg saranno esenti, così come la frutta tritata o lavorata. Alcune varietà, tra cui i pomodori ciliegia o i frutti di bosco come i lamponi e i mirtilli, avranno più tempo a disposizione dei produttori per trovare alternative alla plastica, ma l’imballaggio di plastica sarà gradualmente eliminato per tutta la frutta e la verdura intera entro il 2026. Con una stima del 37% di frutta e verdura venduta in imballaggi di plastica in Francia nel 2021, il governo ritiene che il divieto taglierà più di 1 miliardo di pezzi di imballaggi di plastica monouso all’anno. Il Ministero dell’Ambiente ha detto che ci devono essere dei limiti alla “quantità scandalosa di plastica monouso nella nostra vita quotidiana”.

Zero Waste France: «divieto da ampliare a tutti i tipi di frutta»

Frutta e verdura avvolte in strati di plastica hanno esasperato i consumatori non solo in Francia ma nei paesi vicini. Quasi tre quarti dei britannici hanno provato “ansia, frustrazione o disperazione” per la quantità di plastica che accompagna la loro spesa e il 59% pensa che i supermercati e le marche non stiano facendo abbastanza per offrire prodotti ricaricabili, riutilizzabili o senza imballaggio, secondo un sondaggio commissionato da Friends of the Earth e City to Sea in giugno. Un sondaggio Ifop per il World Wildlife Fund (WWF) in Francia nel 2019 ha rilevato che l’85% delle persone era a favore del divieto di prodotti e imballaggi di plastica monouso. Più di 2 milioni di persone hanno firmato una petizione del WWF che chiede ai governi mondiali di fermare la crisi dell’inquinamento da plastica. In post arrabbiati sui social media, gli acquirenti si sono lamentati di ciò che ritenevano un involucro assurdo come le noci di cocco in diversi strati di plastica o singole banane in singoli sacchetti di plastica. Moïra Tourneur, responsabile dell’advocacy presso l’ONG Zero Waste France, ha detto che la legge francese è stata una mossa “buona e appropriata”, anche se ha messo in discussione quello che ha chiamato la lista “sorprendente” di frutta e verdura esenti, data un tempo di transizione più lungo di almeno un altro anno prima di andare senza plastica. Questi includono cavoletti di Bruxelles, cipollotti, fagiolini, broccoli, funghi, pesche e albicocche, alcuni dei quali sono già venduti sfusi in molti negozi. Tourneur ha detto: «Il divieto è giusto e appropriato… Dare più tempo a certa frutta e verdura è un po’ un peccato. C’è un’emergenza climatica. La gente è consapevole della necessità di agire con urgenza su questo tema».

Il Wwf brinda ma dice: «Lontani da un’economia senza plastica»

Il WWF Francia, che ha condotto una campagna sull’impatto della plastica sulla biodiversità e la vita marina nel Mediterraneo e attraverso gli oceani, ha detto che era importante accogliere la legge come “un passo positivo nella giusta direzione“, ricordando ai governi che c’era più lavoro da fare per porre fine all’inquinamento da plastica, anche sulle microplastichePierre Cannet, il suo direttore di advocacy e campagne, ha detto che la legge ha inviato un messaggio positivo e “mette la plastica al centro del dibattito nazionale”. Ha aggiunto: “Dobbiamo rimanere umili e vigili dicendo che c’è ancora molto da fare. Siamo ancora molto lontani da un’economia senza plastica e da tutti i passi necessari per sradicare l’inquinamento da plastica”.