L'etica conviene al businesspurché non sia una moda
Massimo Folador, docente della LIUC Business School

L’Italia è la patria dell’impresa etica e sostenibile. Lo dimostra da ultimo, a onta della nostra atavica abitudine di piangerci addosso, il primo rapporto nazionale sull’economia circolare in Italia 2019, realizzato dal Circular Economy Network e da Enea: siamo a 108 punti, seguiti a distanza da Regno Unito con 90, Germania con 88 e Francia con 87. Proprio in tema di business ethics la Liuc Business School promuove un corso di formazione itinerante tra alcune delle aziende che, accanto al valore economico, costruiscono valore sociale e ambientale. Un percorso per imprenditori, manager e professionisti ideato da Massimo Folador, docente di Business Ethics della Liuc Business School, che prende il nome dal suo libro “Storie di ordinaria economia”. «Mi occupo da anni, da tempi non sospetti, di business ethics» racconta Folador, «di imprese che si occupano di sostenibilità in modo serio, mettendo assieme persone, ambiente e profitto secondo l’efficace slogan americano “people, planet, profit”: l’equilibrio tra queste tre componenti è essenziale per renderle sostenibili». Non tutte le aziende che affermano di lavorare in direzione della sostenibilità e dell’etica lo fanno davvero: «Ci sono quelle che fanno “green washing”: essere etici è trendy e c’è qualcuno che cavalca la moda» mette in evidenza il docente di Business Ethics, «ma per mia fortuna svolgo questa attività da anni e incontro o allontano le aziende in base al loro vero atteggiamento verso la vita e il mondo economico».

Nuova operatività ristori Emilia-Romagna: banner 1000x600

Nuova operatività ristori Emilia-Romagna

A partire dal 21 novembre ampliata l’operatività dei Ristori da €300 milioni riservati alle imprese colpite dall’alluvione in Emilia-Romagna. La nuova misura, destinata a indennizzare le perdite di reddito per sospensione dell’attività per un importo massimo concedibile di 5 milioni di euro, è rivolta a tutte le tipologie di impresa con un fatturato estero minimo pari al 3%.


Il percorso ideato da Massimo Folador, docente di business ethics, si rivolge a imprenditori, manager e professionisti

Il primato italiano in tema di impresa etica deriva in primo luogo dalla storia: «Quello del business ethics è un pensiero che si rifà all’economia civile italiana di Antonio Genovesi» spiega Folador, «un filone che fa capo anche a Verri, Beccaria, Cattaneo. La prima cattedra di economia fu istituita in Italia a metà del Settecento con questo tipo di approccio. Poi venne Adam Smith e l’economia tradizionale, basata sul profitto, ebbe il sopravvento. Le conseguenze oggi sono evidenti in termini di clima, ambiente, diseguaglianza, disoccupazione». La tradizione italiana dell’impresa etica ha prodotto esempi di eccellenza: «Ferrero in primis, è impressionante quel che ha fatto per 40, 50 anni» sottolinea il docente della Liuc Business School, «facevano i focus group sui clienti negli anni ’60, azioni di welfare aziendale 30 anni fa. Sono aziende che precedono i tempi, non aspettano gli obblighi di legge perché ci credono». E ci guadagnano anche: «La componente profitto deve andare insieme a persone e ambiente. Si pensi a Brunello Cucinelli: è l’azienda di fashion italiana che ha l’ebit maggiore» conclude Folador.

UN VIAGGIO AL CENTRO DELL’IMPRESA ETICA

Il percorso di formazione della Liuc Business School “Storie di ordinaria economia” prevede 4 tappe in altrettante diverse realtà, nelle quali non solo la qualità del prodotto, del processo e l’innovazione, ma anche l’attenzione alle persone, alle relazioni e all’apertura al contesto territoriale locale divengono le linee guida per lo sviluppo di nuovi modelli d’impresa, in cui si restituisce al lavoro il suo vero valore sociale.
Ecco i 4 appuntamenti:
9 maggio – Storia di creatività che si trasforma nel tempo: Frigoriferi Milanesi – Milano
27 giugno – Storie di tradizione e innovazione: Mazzucchelli 1849 e NAU! – Cast. Olona (VA)
24 ottobre – Storia di passione e family business: Tenuta Montemagno (AT)
5 dicembre – Storie di lavoro, dignità e riscatto: Istituto Penale Minorile Beccaria – Milano
Per info e iscrizioni: www.liucbs.it/formazione-manageriale/formazione-a-catalogo/storie-di-ordinaria-economia/