ricorso al Tar commercialisti

Il Tribunale di Busto Arsizio ha dato il via libera alla procedura di concordato preventivo per Eisenmann Italia. Il programma prevede un piano in continuità diretta con la generazione di flussi di cassa idonei al pagamento entro i primi mesi del 2025, anche grazie ad un contratto di appalto già sottoscritto con Automobili Lamborghini, oltre alla salvaguardia di una ventina di posti di lavoro. I debiti concordatari ammontano a circa 5 milioni di euro su un fatturato di oltre 15 milioni. Eisenmann Italia fa parte dell’omonimo  gruppo internazionale attivo nel settore dell’automotive, della robotica e degli impianti per la produzione di energie alternative.

Lo studio padovano Bogoni, con un team composto dal commercialista partner Renato Bogoni, dagli associate Valentina Magarotto per gli aspetti finanziari e Emanuele Artuso per gli aspetti fiscali, con la commercialista milanese Beatrice Lombardini, ha seguito la società. Per gli aspetti legali Eisenmann è stata assistita dagli avvocati Alessandro Honert e Chiara Fiorini dello studio Schultze & Braun, mentre l’attestatore del piano di concordato è il commercialista milanese Maurizio Scazzina.