Ethereum è in procinto di vivere un grande cambiamento quest’anno: passerà da un modello di mining a un modello di picchettamento – un modo meno dispendioso in termini di energia di gestire la blockchain della Rete. E poiché questo significa che saremo in grado di allocare i nostri soldi a questo progetto e guadagnare di più in cambio, si può pensare di sollevare il coperchio su come  fare lo staking di ether – così come di una vasta gamma di altre criptovalute – da soli. Quando punti una criptovaluta, essenzialmente blocchi le tue monete esistenti per un determinato periodo di tempo. La rete blockchain poi mette queste monete al lavoro aiutando a verificare le transazioni, raggruppandole in blocchi e aggiungendo i blocchi alla fine della catena. Come ricompensa per aver puntato le tue monete esistenti, ricevi più monete – o quelle appena coniate, o da una quota delle commissioni di transazione della rete, o una combinazione di entrambe.

Mai lasciare le cripto a prendere polvere!

Ma allora, perché lasciare le criptovalute a prendere polvere nel tuo portafoglio se puoi metterle al lavoro e guadagnare ancora più criptovalute? E’ la domanda dei veri appassionati. La media dei rendimenti percentuali annuali (APY) delle prime dieci monete cripto è dell’8,8% – significativamente più alto di quello che qualsiasi deposito bancario pagherebbe al giorno d’oggi. Inoltre, alcuni progetti premiano anche i partecipanti che puntano le loro monete con airdropsNFT gratuiti o nuove crypto solo per ringraziarli. Quando si puntano le monete, la rete blockchain le mette al lavoro per aiutare a verificare le transazioni, raggrupparle in blocchi e aggiungere i blocchi alla fine della catena. In altre parole, la puntata supporta la rete blockchain rafforzando la sua capacità di elaborare le transazioni e rendendola più sicura ed efficiente. Alcuni progetti assegnano anche dei “token di governance” ai partecipanti allo staking, dando loro voce in capitolo nei futuri cambiamenti e aggiornamenti di quel progetto.

Attenzione, non si può vendere sempre!

Lo staking richiede di bloccare le tue monete per un periodo di tempo fisso, il che significa che non puoi venderle anche se il loro prezzo scende. Ma un investitore a lungo termine, lo considera una buona cosa: impedisce di vendere nel panico quando i prezzi scendono, solo per riacquistare ad un prezzo più alto quando si riprendono. E se stai investendo in progetti di criptovalute in cui credi veramente e hai intenzione di tenerli a lungo termine, dovresti aspettarti un rimbalzo. In parole povere, lo staking ti costringe ad evitare i comuni trabocchetti comportamentali che finiscono con il detrarre i rendimenti a lungo termine (di Reda Farran).