Warren Buffett, investitore statunitense, capo di Berkshire Hathaway
Warren Buffett, investitore statunitense, capo di Berkshire Hathaway

Warren Buffett ha nuovamente colpito i mercati: la sua holding Berkshire Hathaway ha annunciato di star per comprare la compagnia di assicurazioni Alleghany per 11,6 miliardi di dollari. Buffett stava cercando il prossimo grande investimento della Berkshire Hathaway da un po’ di tempo, e aveva detto solo il mese scorso che stava avendo difficoltà a trovarlo. Ma sembra che la perseveranza sia stata ripagata: Berkshire ha annunciato lunedì di aver accettato di acquistare il conglomerato Alleghany – il cui core business è l’assicurazione di proprietà e infortuni – per 11,6 miliardi di dollari in contanti, il 29% in più di quanto la società valesse in media negli ultimi 30 giorni.

Per il guru l’investimento più grande dal 2016
L’affare – il più grande di Berkshire dal 2016 – non è la sua prima mossa nell’assicurazione. L’azienda possiede già molte aziende del ramo – come Geico, uno dei più grandi assicuratori d’auto americani – e il settore ha già giocato un ruolo importante nel far crescere Berkshire nel conglomerato che è oggi, con un valore di mercato di oltre 750 miliardi di dollari. Attenzione: 11,6 miliardi di dollari sembrano tantissimi, ma contano meno del 10% dei quasi 150 miliardi di dollari in contanti della Berkshire. Così, anche dopo aver fatto uno dei suoi cinque più grandi accordi di sempre e aver promesso di tenere solo 30 miliardi di dollari in contanti il mese scorso, la Berkshire ha ancora circa 100 miliardi di dollari che potrebbero essere spesi su accordi ancora più grandi in futuro.

Tempi di acquisizioni in Usa
Berkshire non è l’unico a fare affari in queste settimane: la società di private equity (PE) Thoma Bravo ha annunciato l’acquisto di Anaplan – una società che fornisce software di previsione alle imprese – per 10,7 miliardi di dollari. L’accordo è l’ultimo di una serie di acquisizioni di Pe nel settore del software, compresa quella della società di sicurezza informatica McAfee l’anno scorso. Alcuni ritengono che potrebbe essere un segno che la volatilità del mercato e l’aumento dei costi di prestito non hanno scoraggiato le aziende del settore, quindi altri accordi potrebbero essere in arrivo quest’anno.