bonus fiscali

Superbonus 110%, bonus facciate bonus fiscali in generale? Grazie ma non più. A dirlo sono le imprese italiane che vi hanno fatto ricorso e che non si reputano disposte a riprovarci. Il 60% delle imprese che hanno usufruito degli incentivi è oggi scoraggiata dalla troppa complessità. Questo è quanto emerge da uno studio realizzato da TeamSysyem in collaborazione con Kantar.

LEGGI ANCHE: Manovra, Fondazione Inarcassa: “Su bonus fiscali per edilizia si doveva osare di più”

Troppa burocrazia fa scappare gli imprenditori

Per più dei due-terzi delle imprese (70%), infatti, la semplificazione della normativa e la riduzione dell’eccesso di burocrazia (62%) sono aspetti sui quali è indispensabile intervenire con la massima priorità per favorire l’utilizzo corretto e semplificato di queste agevolazioni. Rilevante anche la richiesta di fissare con certezza il periodo di applicazione della normativa, menzionata dal 42% del panel.

I Bonus Fiscali hanno avuto impatti positivi per le imprese edili, come testimonia l’aumento di fatturato del 56% e l’incremento degli ordini ricevuti (30%). Se i vantaggi dell’iniziativa sono palesi, lo sono altrettanto le criticità evidenziate dalle imprese tra cui: l’incertezza normativa che non permette di pianificare le iniziative legate ai bonus (65%), le difficoltà nell’accedere ai meccanismi di cessione del credito (66%), le complessità nella gestione delle pratiche (25%) e l’eccesso di burocrazia (21%).

Una sola volta è stato sufficiente 

In questo quadro, infatti, quasi il 60% delle imprese che non hanno fatto ricorso agli incentivi per Ristrutturazioni, Superbonus 110%, Bonus Facciate ed Ecobonus hanno confermato la volontà di non avvalersene anche in futuro.

Nell’agenda delle imprese edili, però, non mancano riflessioni sui possibili effetti benefici dell’applicazione del digitale anche al tema dei Bonus Fiscali. Il 61% delle stesse, infatti, è convinta che il digitale contribuirebbe all’ottimizzazione dei processi e il 58% lo vede come un fondamentale supporto gestionale per lo snellimento delle pratiche.

“L’eccesso di burocrazia e la generale complessità delle normative sono delle problematiche strutturali che scoraggiano le imprese e, più in generale, contribuiscono a frenare la competitività del nostro sistema paese – ha dichiarato Federico Leproux, CEO di TeamSystem. -In questo contesto, l’utilizzo del digitale può realmente essere d’aiuto e ha un enorme potenziale per semplificare tutti quei processi oggi molto ostici per le imprese. La trasformazione digitale del sistema, però, non potrà che essere un tassello, seppur fondamentale, all’interno di una semplificazione più ampia che dovrà necessariamente essere accompagnata da interventi normativi ad hoc”.