parità di genere
Valeria Dal Corso, amministratore delegato di Sgss in Italia

Société Générale Securities Services (Sgss) fa un altro passo avanti in tema di parità di genere in Italia e ottiene la certificazione UNI/PdR 125:2022. La banca di diritto italiano conferma il proprio impegno a favore dell’azzeramento del gender gap e di un ambiente di lavoro più equo e inclusivo.

Parità di genere, una certificazione per Sgss

La certificazione si è basata su un processo di analisi di queste 6 aree di valutazione: cultura e strategia, governance e processi HR, opportunità di crescita e di inclusione in azienda per le donne, equità remunerativa, tutela della genitorialità e conciliazione vita/lavoro. Per il suo conseguimento, Sgss in Italia ha soddisfatto 33 KPI basati su tali criteri. Oltre ad aver identificato e promosso una serie di azioni specifiche, strumenti e processi per garantire la parità di genere.

Dal Corso: “Pari opportunità è un tema centrale”

«Il tema delle pari opportunità è per noi centrale», ha commentato Valeria Dal Corso, amministratore delegato di Sgss in Italia. «La certificazione UNI/PdR 125:2022 è un ulteriore riconoscimento del nostro impegno per promuovere un ambiente lavorativo sempre più inclusivo, dove queste buone pratiche siano di stimolo a tutta l’organizzazione per generare quei comportamenti virtuosi necessari per una reale svolta culturale e una società migliore».

LEGGI ANCHE: “Federica Chiarello è la nuova Coo di Bonfiglioli Consulting Usa”