ricariche auto elettriche

Da E-Distribuzione ed RSE è in arrivo la mappa interattiva per potenziare la rete
delle ricariche per le auto elettriche in Italia, grazie all’applicazione di un nuovo nuovo strumento digitale, che rende più semplice per gli operatori scegliere le stazioni di rifornimento
urbane ed extra-urbane dove installare le proprie infrastrutture di ricarica. La nuova mappa fornisce la possibilità di individuare le stazioni di rifornimento di carburante, su strade urbane ed extraurbane, più adatte alle loro esigenze di installazione. È il nuovo strumento digitale sviluppato da E-Distribuzione, società che gestisce la più ampia rete di distribuzione elettrica del Paese, e RSE – Ricerca sul Sistema Energetico, società impegnata nell’analisi, studio e ricerca applicata al settore energetico. La mappa fornirà ai CPO (Charging Point Operator) indicazioni qualitative sulle aree di rifornimento presenti negli oltre 7.400 Comuni italiani in cui E-Distribuzione gestisce la rete. L’iniziativa
nasce per dare un’accelerazione al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che dedica settecento milioni di finanziamento all’incentivazione della mobilità elettrica sul territorio nazionale.

LEGGI ANCHE: Con Octopus Power Pack le auto elettriche si caricano gratis

Come sta andando l’installazione della rete delle ricariche di auto elettriche

Attraverso i dati relativi alle oltre 17.600 stazioni di rifornimento di carburante tradizionale servite da E-Distribuzione sulle strade urbane ed extraurbane del Paese, lo strumento online fornisce un quadro informativo per eventuali richieste di connessione sia in bassa (100 kW) che in media tensione (350 kW). La valutazione qualitativa e l’entità degli interventi necessari per l’installazione delle infrastrutture di ricarica sono segnalate da tre diversi colori – verde scuro, verde chiaro e grigio – che identificano, tra l’altro, l’eventuale necessità di avviare ulteriori e specifiche pratiche autorizzative.