parità di genere

Original Marines, azienda leader nel settore dell’abbigliamento per bambini, ha ottenuto la certificazione sulla parità di genere ai sensi della UNI/PdR 125:2022. Un attestato che riconosce la capacità dell’azienda di aver adottato negli anni misure concrete per promuovere una cultura aziendale e un ambiente di lavoro inclusivi e nel pieno rispetto delle pari opportunità.

Parità di genere, Original Marines certificata

Diffondere i valori di inclusione ed equità, infatti, è parte integrante della visione strategica di Original Marines che da sempre è ben consapevole di quanto sia importante offrire ai propri dipendenti un luogo di lavoro più sicuro, positivo e sempre più inclusivo. In questo percorso l’azienda è stata supportata da Focus Consulting, società di risorse umane e parità di genere e da Formeta, società di consulenza per i processi di gestione.

Focus su 6 indicatori principali

La certificazione, ottenuta sulla base di un processo di valutazione focalizzato su 6 indicatori chiave quali cultura e strategia; governance; processi delle risorse umane; opportunità di crescita e inclusione per le donne; equità retributiva di genere; sostegno alla genitorialità e all’equilibrio tra vita privata e vita professionale, è stata rilasciata da Kiwa Cermet Italia: organismo di certificazione accreditato e riconosciuto dal Ministero delle Pari Opportunità. Un traguardo ottenuto grazie al cambio di passo nella cultura aziendale in un’ottica più sostenibile e inclusiva voluto fortemente dal CdA dell’azienda presieduto da Antonio Di Vincenzo.

Il ruolo cruciale del Comitato Guida Parità di Genere

Nel processo di valutazione, è stato particolarmente significativo l’istituzione del Comitato Guida di Parità di Genere: un organo di governance che definisce la visione e le priorità dell’Azienda in materia di diversità e inclusione coordinato da Roberta Francavilla, chief people officer & csr director di Original Marines e responsabile di questo progetto. Original Marines ha dimostrato di avere un sistema di gestione per la parità di genere orientato al miglioramento continuo, raggiungendo punteggi elevati in tutti i Kpi necessari per l’ottenimento della certificazione. L’azienda ha definito, inoltre, specifiche policy focalizzate sulla parità di genere e inclusione, fissando azioni e obiettivi di riduzione del gender gap e favorendo la conciliazione tra vita personale e professionale.

Più donne in azienda, ecco come

La certificazione ha riconosciuto le azioni avviate per lo sviluppo e la crescita professionale della popolazione femminile in azienda. Tra queste la crescita di ruolo e sviluppi professionali interni nell’anno 2023 che hanno coinvolto n. 57 donne. Oltre alla trasformazione a tempo indeterminato del 41% del personale femminile. Un’altra azione è l’attuazione del programma “Back On Board”, un percorso formativo sulle competenze tecnico-professionali dedicato alle lavoratrici che rientrano dal periodo di maternità. Infine, il piano di welfare aziendale che hanno interessato il 90% del personale. Inoltre, ha tenuto conto dell’impegno ad assumere donne nel 2023/2024 affinché ci sia equilibrio di genere nei ruoli manageriali, dirigenziali e nel Top management, con ingresso a gennaio di 3 donne in ruoli di responsabilità manageriale.

LEGGI ANCHE: “Quando a vincere è ancora la disparità di genere”

Francavilla: “Questo risultato è un punto di partenza”

«Siamo particolarmente fieri di aver ottenuto la certificazione di genere e siamo
consapevoli che questo risultato non rappresenta un punto d’arrivo, bensì un punto di
partenza, un cammino da fare tutti insieme», ha sottolineato Roberta Francavilla, chief people officer di Original Marines. «Lo scorso novembre abbiamo infatti siglato una dichiarazione di intenti in cui l’azienda si è impegnata di fronte a dipendenti e stakeholder a favorire la parità di genere e ad eliminare ogni forma di discriminazione in tutte le attività, valorizzando il sistema di valori che ci guida». «Ci vorrà tempo e forza affinché la parità di genere sia ancora pienamente acquisita in Italia», ha aggiunto Giovanna d’Elia di Focus Consulting. «Sono fermamente convinta che strumenti come la UNI/PdR 125:2022 e testimonianze di valore come Original Marines siano in grado di propagare una nuova cultura, basata sulle pari opportunità e sull’inclusione».

Original Marines, aumentare le donne in azienda

Tra gli obiettivi futuri dell’azienda, infine, il costante impegno nel favorire una maggior crescita interna del personale femminile, la promozione di una partecipazione attiva ad eventi in tema di parità di genere e, non in ultimo, un maggior utilizzo delle piattaforme social per la condivisione dei valori aziendali anti-discriminatori. Inoltre, per l’anno 2024, Original Marines prevede l’organizzazione di sessioni formative dedicate a temi chiave quali: molestie nei luoghi di lavoro, leadership femminile, formazione dei district manager sulle soft skills (inclusa la gestione delle risorse umane) e le hard skills (comprendenti le competenze tecnico-professionali).