Bonus Carovita

Lo hanno chiamato Bonus carovita, proprio perché serve a combattere l’aumento del costo della vita. Unicredit ha deciso di accreditare 800 euro, che  sono totalmente detassati a tutti i dipendenti. Una soluzione che ha trovato l’approvazione anche del mondo sindacale.  “Nella serata di ieri è stato firmato in Unicredit un accordo per l’erogazione a tutto il personale di 800 euro totalmente detassati – spiega il Segretario Nazionale Unisin/Confsal Massimiliano Lanzini – quale erogazione straordinaria Welfare a sostegno del carovita, unitamente ad un premio una tantum di produttività, per l’anno 2022, che si attesta tra i più alti del Settore. Un riconoscimento di circa 2.400 euro totali a beneficio di tutti i lavoratori del perimetro Italia”.

Un numero di assunzioni al pari dei licenziamenti

Anche a livello occupazionale è stato trovato un accordo tra l’istituto di credito e i sindacati. A fronte di 850 esodi, la banca è riuscita a integrare altrettanti nuovi lavoratori.  “Inoltre – prosegue Massimiliano Lanzini – il sindacato unitariamente è riuscito ad ottenere, a
fronte di ulteriori 850 uscite volontarie incentivate di colleghe e colleghi, l’assunzione di 850
giovani la cui entrata garantirà inalterati i relativi livelli occupazionali di Gruppo, con particolare attenzione alla rete commerciale”. Tra i nuovi arrivi ci sono anche diversi lavoratori che coprono nuove figure professionali.
“Con questo accordo, che peraltro va a normare anche nuove figure professionali rivenienti dalla recente riorganizzazione della rete commerciale – aggiunge il Segretario Nazionale
– sono state interamente accolte le richieste del tavolo Sindacale il cui contenuto ha un alto valore sia in termini sociali che strategici, in una logica di consolidamento e di ulteriore crescita del Gruppo Unicredit”.

LEGGI ANCHE: Innovazione Sostenibile, UniCredit, CDP e SACE finanziano Unox

Le politiche occupazionali del gruppo bancario trovano quindi il semaforo verde dei dipendenti.  “Grande lungimiranza – conclude Lanzini – è stata dimostrata dai responsabili e dai colleghi delle Relazioni Industriali del gruppo che hanno capito ed accolto le giuste istanze presentate dal sindacato a nome di tutte le lavoratrici ed i lavoratori del gruppo”.