Chiara Ferragni onlus

Chiara Ferragni e la Coca Cola nel 2024 non collaboreranno più. La notizia l’ha data la multinazionale americana che ha comunicato di interrompere i rapporti con l’influencer italiana finita nel mirino dell’Antitrust per la pubblicità ingannevole del pandoro Balocco.

 

L’influencer avrebbe dovuto girare uno spot, che doveva andare in onda a fine gennaio ma, dopo i caso del pandoro Balocco e delle uova di pasqua Dolci Preziosi, la compagnia della bevanda analcolica più bevuta al mondo avrebbe deciso cancellare la pubblicità con Ferragni, secondo quanto riportato da Repubblica.

 

Coca Cola e Chiara Ferragni, un divorzio che piace al Codacons

La decisione della grande azienda americana è stata apprezzata dal Codacons che ha pubblicato una nota nella quale spiega: “Ora tutte le altre aziende che hanno contratti di sponsorizzazione con influencer famosi devono adottare analoghe misure o scatteranno inevitabili provvedimenti da parte dei consumatori. La scelta di Coca Cola dimostra attenzione e rispetto verso i consumatori lesi dallo scandalo del pandoro-gate, e fa seguito a quanto già deciso da Safilo nei giorni scorsi, società che hanno giustamente messo i diritti dei cittadini e dei loro clienti prima degli interessi economici degli influencer – spiega il Codacons – Ora però la questione deve allargarsi a tutto il mondo ambiguo e poco trasparente dei social network, e le aziende che hanno contratti di sponsorizzazione attivi sia con la Ferragni, sia con altri influencer famosi, devono adottare analoghi provvedimenti, considerati i gravi fatti emersi e la pubblicità ingannevole od occulta che troppo spesso viene fatta da tali personaggi attraverso i canali social. Nei confronti delle società che non si attiveranno per tutelare gli interessi dei consumatori e dei loro clienti, stiamo studiando la possibilità di un boicottaggio internazionale dei loro prodotti, in collaborazione con le associazioni dei consumatori europee con cui abbiamo avviato i primi colloqui – conclude il Codacons”.

LEGGI ANCHE: Sanzioni, l’Antitrust multa il Pandoro Balocco e Chiara Ferragni