WSense

Altro prestigioso riconoscimento internazionale per la scale-up italiana della Blue Economy, WSense. La Commissione Eu e la Banca europea per gli investimenti (BEI) hanno annunciato nel corso dell’EIB AdVenture Debt Summit i venti “Campioni Blu dell’Unione europea”: riceveranno supporto per crescere più rapidamente.

Premiati i 20 Blue Champions dell’Ue

Provenienti da Croazia, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Portogallo, Spagna, Svezia e Norvegia, i 20 Blue Champions sono impegnati in un settore, quello della Blue Economy, che è stato stimato abbia un valore di oltre 1.500 miliardi di dollari l’anno a livello globale. Dato destinato a raddoppiare fino a raggiungere i 3.000 miliardi di dollari entro il 2030. Per l’Europa, la Blue Economy gioca un ruolo fondamentale: genera circa 667,2 miliardi di euro di fatturato e 183,9 miliardi di euro di valore aggiunto lordo, impiegando quasi 4,45 milioni di persone, con un peso quasi doppio rispetto a quello degli Stati Uniti.

Un importante riconoscimento per WSense

In linea con la missione dell’UE per gli oceani e le acque, i Campioni Blu si propongono di ripristinare la biodiversità e gli ecosistemi marini e di acqua dolce, di prevenire ed eliminare l’inquinamento e di decarbonizzare l’economia blu. E tutti sono stati considerati sufficientemente maturi dal punto di vista tecnologico e finanziario per “scalare” nei prossimi due anni. Le loro attività vanno dalle soluzioni per l’energia mareomotrice ed eolica alla robotica subacquea, alle applicazioni di dati satellitari, alla bio-raffinazione. In questo ambito, WSense si pone al centro dell’intero ecosistema di dati oceanici, come “enabler” della filiera dell’Economia Blu: attraverso la rivoluzionaria tecnologia proprietaria, offre infatti l’infrastruttura su cui costruire un futuro ecosistema oceanico sostenibile ed interconnesso, basato sulla connettività continua e lo scambio in tempo reale di dati.

Abilitato un Wi-Fi sottomarino

Pioniera delle reti wireless sottomarine e dell’Internet of Underwater Things, WSense è una società deep-tech nata come spinoff della “Sapienza” Università di Roma e specializzata in soluzioni “chiavi in mano” di monitoraggio e comunicazione subacquea wireless. Le sue soluzioni sono basate su tecnologie brevettate e utilizzano le onde acustiche multi-frequenza e tecnologie ottiche senza fili, che abilitano un Wi-Fi sottomarino e comunicazioni in tempo reale, affidabili e sicure, senza impattare sui fondali. I sistemi di “Internet of Things” sottomarini di WSense sono “osservatori wireless”, facilmente dispiegabili. Essi sono in grado di effettuare monitoraggio in continuo, lanciare allarmi e fornendo dati in tempo reale non solo sulla colonna d’acqua in zona costiera ma anche fino a 3000m di profondità su vari aspetti e parametri – dalla biodiversità, al rumore, alla solidità delle strutture collocate in ambiente marino. Questi sistemi possono trovare applicazione in tutti gli ambiti della Blue Economy: studio e tutela della biodiversità e dei cambiamenti climatici, ottimizzazione dei processi produttivi nell’ambito della transizione energetica, monitoraggio ambientale e protezione di infrastrutture critiche.

Petrioli: “Con Wsense informazioni in tempo reale”

“Attraverso i big data e la nostra capacità di acquisirli e diffonderli si può fare finalmente luce su quanto avviene in profondità”, ha commentato la ceo di WSense Chiara Petrioli. “Con WSense per la prima volta diamo a società, istituti di ricerca e policy maker per le politiche di protezione e mantenimento ambientale la possibilità di avere informazioni in tempo reale, con una densità di dati e parametri di osservazione senza precedenti.”

Nel 2023 un premio al World Economic Forum

Lo scorso anno WSense era già stata premiata dal World Economic Forum come azienda più innovativa al mondo nella raccolta e gestione dei Big Data allo scopo di proteggere l’ambiente oceanico, comunicare sott’acqua e monitorare milioni di asset che sono immersi e vitali per la nostra esistenza.

WSense, il team e i partner commerciali

Attiva dal 2017, WSense vanta oggi un team di oltre 50 professionisti, ingegneri e ricercatori con sedi in Italia, Norvegia e Regno Unito. Inoltre, annovera tra i suoi partner commerciali e clienti realtà come Fincantieri, Leonardo, Eni, Saipem, Terna, AkerBP, National Center for Wildlife, Alcatel Submarine Networks, ENEA e INGV.