Juventus
ANDREA AGNELLI GIANLUCA FERRERO PRESIDENTE JUVENTUS PAVEL NEDVED

Andrea Agnelli lascia le cariche nei consigli di amministrazione di Stellantis ed Exor, lo ha comunicato ieri all’assemblea della Juventus. il figlio di Umberto e nipote dell’Avvocato lo ha annunciato all’assemblea della società bianconera, dalla cui presidenza si è dimesso da poco, in seguito anche alle inchieste sulle plusvalenze, che lo vedono implicato.

“Con le assemblee delle società quotate alle quali partecipo, farò un passo indietro.É stata una mia decisione personale, presa in accordo con John con il quale il rapporto rimane assolutamente strettissimo su quella che è la condivisione dello sviluppo strategico del Gruppo, a Ajay Banga e Carlos Tavares. La mia volontà, dopo un periodo cosi’ intenso, è di poter affrontare il futuro con una pagina bianca, libera e forte e quindi il passo indietro lo reputo indispensabile”.

LEGGI ANCHE: Stellantis incentivi all’esodo e ricollocazione a 1820 lavoratori

“Si chiude così una parte importante della mia vita”

Non è stato un addio facile quello del rampollo della famiglia di Torino, che ha rinunciato alle cariche in quella che è la società di famiglia, dopo aver abbandonato da poco la presidenza della Juventus, la squadra di calcio che dal 1923 è di proprietà della famiglia. «Avendo chiuso una parte così importante della mia vita – ha aggiunto Agnelli – la mia volontà è, al termine di questa assemblea, di voltare pagina per poter ripartire con entusiasmo e passione, naturalmente dopo qualche giorno di vacanza”. Ha poi continuato:”Mia moglie e i miei bambini sono stati la parte fondamentale sulla quale mi sono appoggiato – ha detto ancora Agnelli – Non vedo l’ora di ricominciare insieme. Ti amo fino alla fine”.
Agnelli rimarrà nel cda della Giovanni Agnelli B.V., la holding che detiene la maggioranza di Exor.

Dall’assemblea ok al nuovo cda della Juventus

L’assemblea degli azionisti della Juventus ha,intanto, nominato il nuovo cda della società bianconera. Il consiglio sarà composto da 5 componenti e resterà in carica per un triennio, con scadenza all’approvazione del bilancio 2025. Del nuovo cda fanno parte, su indicazione di Exor, Gianluca Ferrero, indicato come presidente, Maurizio Scanavino attuale dg della società che assumerà l’incarico di ad, Laura Cappiello, Diego Pistone e Fioranna Vittoria Negri.

LEGGI ANCHE: Da Repubblica all’Economist, i giornali di Elkann sono anti-Meloni