Bonus 150 euro disoccupati
Bonus 150 euro disoccupati

Bonus 150 euro per i disoccupati: i requisiti e da quando è possibile fare la richiesta. Facciamo chiarezza caso per caso. Intanto, per richiederlo bisognerà aspettare il decreto e l’aggiornamento Inps. Per molti però, arriverà direttamente sul conto o in busta paga.

VEDI ANCHE: Bonus 200 partite iva, click day rimandato: quando e come fare domanda

Il decreto Aiuti ter prevede ulteriori sostegni in favore di imprese e famiglie alle prese con gli aumenti delle bollette e il caro energia. Oltre ai vari benefici, potrete richiedere anche il Bonus 150 euro per i disoccupati.

A chi spetta il Bonus 150 euro

Il Bonus 150 euro è destinato alle stesse categorie per le quali è previsto il Bonus 200 euro. Quindi dipendenti precari, pensionati, autonomi, partite Iva, cococo, precari e lavoratori stagionali. Tutti i cittadini che hanno un reddito inferiore ai 20mila euro all’anno.

La differenza rispetto al Bonus 200 euro è che questa misura sarà accreditato direttamente in busta paga. Arriveranno 150 euro netti sulla busta paga. Inoltre, il Bonus 200 euro è stato concesso anche per redditi inferiori ai 35mila euro.

Potranno riceverlo anche i beneficiari del Bonus 200 euro, molti dei quali non l’hanno ancora ricevuto.

Il Bonus 150 euro spetta anche ai beneficiari del Reddito di Cittadinanza.

Per alcuni non basta essere disoccupati

La condizione per ottenere il Bonus 150 euro per disoccupati è che i beneficiari disoccupati risultino titolari di Naspi (disoccupazione) o Dis-Coll, almeno dal mese di novembre.

Lo riceveranno anche coloro i quali percepiscono l’indennità di disoccupazione agricola di competenza del 2021.

In questi due casi non conta il reddito percepito. Non vi è un limite di reddito.

Come arriva il Bonus 150 euro

Per dipendenti precari, pensionati, autonomi, partite Iva, cococo, con reddito inferiore ai 20mila euro, il Bonus 150 euro arriverà direttamente in busta paga. Viene assegnato d’ufficio dall’Inps. Oppure sul conto corrente.

Come richiedere il Bonus 150 euro

Bonus 150 euro: chi deve fare la domanda

I lavoratori stagionali (a tempo determinato e intermittenti, che nel 2021 ha svolto la prestazione lavorativa per almeno 50 giornate), devono fare la domanda e avere un reddito inferiore a 20mila euro.

Per richiederlo bisognerà aspettare il decreto attuativo. Dopodiché si dovrà procedere tramite patronato Caf, commercialista o direttamente all’Inps. Ma anche sul portale Inps, in via telematica tramite il servizio web. Cliccando sul servizio “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche”, si potrà accedere con le credenziali Spit, Cie, Cns. O al numero verde 803 164 da rete fissa gratuitamente oppure al numero 06 164164 da rete mobile a pagamento.

Se non ho la Naspi

I disoccupati senza Naspi devono fare domanda come sopra.

I disoccupati, che beneficiano di assegni sociali o Reddito di Cittadinanza, non devono presentare domanda. Il Bonus 150 euro gli verrà accreditato direttamente sul conto corrente.

Quando arriverà il Bonus 150 euro

In un primo momento si era detto novembre 2022. In realtà potrebbe slittare a dicembre, o addirittura nel gennaio 2023.