trasformazione digitale
Nico Losito, vice president Ibm Technology per l’Italia

Ibm ha avviato una collaborazione con UnipolSai con lo scopo di accelerare la trasformazione digitale e migliorare la customer experience. Per perseguire questo obiettivo, la compagnia sta modernizzando la propria architettura IT e adottando un approccio di progettazione funzionale al proprio ambiente cloud ibrido nel quadro dell’evoluzione strategica del Gruppo.

Ibm supporta Unipol Sai nella transizione digitale

Con l’obiettivo di porre il cliente sempre al centro con prodotti e piattaforme omni-canale, Ibm Consulting supporterà con i propri talenti e strumenti UnipolSai nel percorso di trasformazione digitale in un panorama dinamico come quello dei servizi finanziari e assicurativi. Questo includerà non solo il percorso di evoluzione verso l’hybrid cloud, i sistemi di automazione e il potenziamento della data platform e delle applicazioni AI, ma anche la collaborazione in progetti che coinvolgono gli ecosistemi digitali dell’azienda, l’esperienza del cliente, la cybersecurity e la compliance.

Al centro prodotti e piattaforme omni-canale

Nell’ambito del suo approccio al cloud ibrido, l’azienda sta migliorando la sicurezza, l’operatività e l’efficienza per rafforzare i servizi e i processi dei clienti attraverso un’ infrastruttura IT flessibile e ottimale dal punto di vista dei costi. I recenti accordi di collaborazione pluriennali con Ibm prevedono l’adozione di tecnologie di nuova generazione, tra cui le versioni più recenti di mainframe e storage Ibm, nonché le piattaforme multi-cloud ibride come Red Hat OpenShift, principale piattaforma hybrid cloud del settore, alimentata da Kubernetes. Inoltre, la Compagnia sta accelerando l’evoluzione dei sistemi integrati e sta facendo progredire la data platform e le applicazioni AI per promuovere l’innovazione.

LEGGI ANCHE: “Superbonus, stabilizzare le agevolazioni fiscali”

Ibm, al via l’accordo di collaborazione con Unipol Sai

«Il nostro settore evolve continuamente e non può prescindere dagli investimenti effettuati, in un’ottica di modernizzazione della nostra infrastruttura tecnologica», ha affermato Mario Bocca, Group cio di UnipolSai. «Questo nuovo accordo con Ibm ci permetterà di procedere, nel solco della collaborazione in essere, verso un’ulteriore miglioramento in termini di gestione e controllo dei dati, delle performance, della scalabilità e della sicurezza, grazie a un approccio al cloud ibrido by design che ci consente di rispondere in maniera sempre più efficace alle crescenti necessità dei nostri clienti».

Migliorare la customer experience

Per rafforzare la propria infrastruttura, la compagnia implementa la più recente versione di Ibm z16, con un acceleratore di AI integrato nel processore, che consente di analizzare transazioni in tempo reale, su scala, in un ambiente sicuro e più efficiente. Inoltre, adotta l’innovativa piattaforma Ibm Storage Fusion HCI, la soluzione Ibm di data service facile da usare e che opera su Red Hat OpenShift, per accelerare i tempi di elaborazione grazie a un’infrastruttura cloud nativa per le proprie applicazioni su macchine virtuali e container.

Adottare un approccio cloud ibrido

Il percorso di trasformazione di UnipolSai si caratterizza anche per aver avviato l’automazione dell’infrastruttura – attraverso la gestione dei server e l’aggiornamento dei sistemi, fino alla gestione ottimizzata delle risorse – con l’obiettivo di modernizzare e semplificare la scrittura del codice, oltre che gestire la connessione delle logiche di business con i canali digitali. Per supportare l’integrazione, UnipolSai utilizza Ibm Cloud Pak for Integration su RedHat OpenShift, che rappresenta non solo un importante aggiornamento delle tecnologie software e hardware, ma include anche una nuova architettura: una piattaforma aperta, ibrida, multi-cloud che permette di erogare servizi centralizzati ai canali tradizionali e digitali, offrendo controllo del dato, performance, scalabilità e sicurezza.

Losito: “Nuove funzionalità per supportare l’AI”

«Ibm continuerà a collaborare con UnipolSai nello sviluppo dei suoi progetti grazie a tecnologie aperte e sicure, oltre alle competenze dei propri consulenti, per migliorare, innovare e, allo stesso tempo, fornire esperienze atte a supportare la loro trasformazione digitale in maniera veloce, efficace e in totale conformità» ha dichiarato Nico Losito, vice president Ibm Technology per l’Italia. «Il percorso di crescita strategica e di modernizzazione valorizzerà al meglio l’approccio al cloud ibrido by design con nuove funzionalità software supportate dall’intelligenza artificiale, realizzate e gestite con la profonda esperienza di settore di Ibm nell’ottica di aiutare UnipolSai a raggiungere i suoi obiettivi di trasformazione e migliorare l’esperienza dei clienti».