Crowdfunding
Tommaso Baldissera Pacchetti

Una raccolta da più di 39 milioni di euro nel solo 2022 nel mondo della finanza alternativa, del crowdfunding, del private debt e del real estate. Si chiude così il primo anno di CrowdFundMe spa e di Trusters.

CrowdFundMe SpA, piattaforma di Crowdinvesting (Equity Crowdfunding, Real Estate Crowdfunding e Private Debt) quotata su Euronext Growth Milan (“CrowdFundMe”), e la controllata Trusters, acquisita per il 51% in data 10 novembre 2022 e per un ulteriore 7,3% in data 25 novembre 2022, operante come piattaforma di investimenti immobiliari, annunciano i principali risultati integrati relativi al 2021, anno in cui si è registrata una crescita per linee esterne.
Il risultato dell’anno appena concluso ha portato gli investimenti totali effettuati sulle piattaforme di CrowdFundMe e Trusters a oltre 129 milioni di euro. I dati confermano pertanto la capacità del gruppo di favorire la raccolta di capitali verso l’economia reale, a vantaggio di startup, PMI e operazioni immobiliari, che necessitano di risorse finanziarie altrimenti inaccessibili, soprattutto nei periodi più complessi per l’economia mondiale.

Nel 2022, inoltre, a fronte di 119 campagne lanciate, il numero di investimenti ha superato quota 18mila. Tale risultato mostra l’ampiezza e la solidità della base di investitori del gruppo CrowdFundMe, che non sarebbe possibile raggiungere tramite altri canali di finanziamento.

Relativamente ai risultati 2022 delle raccolte in ambito equity, Crowdfundingbuzz ha analizzato i numeri delle piattaforme italiane sottolineando che “in termini di performance, CrowdFundMe è quella cresciuta di più (+6,1 milioni, pari al 37% di crescita)” – report pubblicato in data 09/01/2023.

Oltre al portale, continuano a crescere anche le società emittenti, superando la media del mercato. Lo evidenziano le analisi dell’Osservatorio Crowdinvesting del Politecnico di Milano: l’Equity Crowdfunding Index, ossia il NAV (net asset value) che segnala la rivalutazione delle aziende che hanno chiuso campagne di successo tramite Equity Crowdfunding, indica 248 punti per CrowdFundMe contro una media di 175 punti (numeri aggiornati a novembre 2022).

Equity Crowdfunding Index aggiornati a novembre 2022

In ambito minibond, che rappresentano strumenti obbligazionari a rendita cedolare per investire in PMI, nel 2022 si è conclusa con successo l’operazione di Biovalley Investments Partner. Il gruppo industriale – specializzato in investimenti nel settore BioHighTech e in società innovative operanti nei mercati delle scienze della vita, della medicina e del digitale – ha raccolto sottoscrizioni per 1.700.000 di euro.

L’acquisizione di Truster

L’acquisizione della maggioranza di Trusters, perfezionata lo scorso novembre, è volta a rafforzare la presenza sul mercato della finanza alternativa, creare importanti sinergie e ampliare l’offerta di prodotti finanziari per la costruzione di un portafoglio diversificato. Il gruppo CrowdFundMe, infatti, offre una variegata gamma di opportunità d’investimento:

Equity Crowdfunding (investimenti in startup e PMI) Real Estate Crowdfunding (investimenti equity in ambito immobiliare) Minibond (strumenti obbligazionari per PMI)
Lending Crowdfunding immobiliare (investimenti in operazioni immobiliari)

Questo mix di strumenti di finanza alternativa – in ambito equity, obbligazionario e lending immobiliare – risulta strategico per gli investitori. La breve durata delle operazioni proposte da Trusters permette infatti una maggiore rotazione del capitale degli investitori, rendendo i ricavi più prevedibili e ricorrenti. Si tratta pertanto di investimenti idonei per essere affiancati a quelli in capitale di rischio, che hanno un orizzonte temporale medio-lungo con potenziali rendimenti maggiori.

LEGGI ANCHE: Trusters (Crowdfundme) rimborsa 20 milioni di euro in 4 anni

Un’evoluzione prevedibile nel 2023

Nel 2023, con la progressiva ottimizzazione dell’unione tra CrowdFundMe e Trusters, il gruppo prevede di implementare significative sinergie sia lato ricavi che lato costi. Tra gli obiettivi vi è anche la crescita dei principali KPI e, in particolare, l’aumento della raccolta complessiva e l’ampliamento della base investitori, grazie alle opportunità offerte dalla finanza alternativa, le cui performance non sono collegate all’andamento dei mercati borsistici tradizionali.

Tommaso Baldissera Pacchetti, CEO di CrowdFundMe, dichiara: “Nel 2023 la sinergia tra CrowdFundMe e Trusters potrà liberare a pieno il suo potenziale. Il nostro obiettivo è quello di consolidarci nel panorama nazionale come player di riferimento della finanza alternativa. Il gruppo continuerà a offrire molteplici opportunità di investimento, che variano sia per la durata che per tipologia di monetizzazione. In pratica, gli investitori hanno e continueranno ad avere a disposizione tutti gli strumenti per costruire un portafoglio diversificato e profittevole”.