CLoud computing e sostenibilità: un matrimonio necessario

Innovazione e trasformazione per i nostri clienti, dipendenti e per la nostra community sono sempre all’ordine del giorno. Grazie a The Climate Pledge stiamo aprendo la strada alla sostenibilità, un impegno concreto per Amazon e per altri 50 firmatari nel garantire la produzione di zero carbonio in tutte le nostre sedi entro il 2040, 10 anni prima dell’accordo di Parigi.

Ci stiamo anche impegnando nell’aiutare i clienti di Amazon Web Services (AWS) a scoprire come i nostri servizi possano migliorare il loro impegno per la sostenibilità. A guidare questa iniziativa è Adrian Cockcroft, recentemente nominato VP of Sustainability Architecture di Amazon. Il nuovo ruolo è affidato a Kara Hurst, Vice President of Worldwide Sustainability di Amazon. Cockcroft, che è entrato a far parte di AWS nel 2016, aiuterà i clienti AWS a capire come applicare queste nuove politiche di sostenibilità al loro business. Sarà anche responsabile della creazione di un team selezionato che coordinerà e gestirà l’interazione del team di AWS dedicato alla sostenibilità con l’organizzazione Amazon Worldwide Sustainability. Di recente ha parlato con noi del suo nuovo ruolo e dell’importanza del suo lavoro.

Come descriverebbe il suo nuovo ruolo?

Lavorerò con i clienti AWS in modo che possano comprendere i vantaggi di servizi cloud più efficienti rispetto a quelli forniti dai più tradizionali data center locali. Questo è dovuto principalmente a due cose: il maggiore utilizzo e il fatto che l’infrastruttura e l’hardware di AWS sono più efficienti dei data center della maggior parte delle altre aziende. Il mio ruolo sarà inoltre quello di mostrare ai clienti tutti i vantaggi che sono in grado di ottenere grazie alle funzionalità di AWS, inclusa l’Amazon Sustainability Data Initiative.

Perché questo lavoro è così importante per la sua carriera in questo momento?

Sono sempre stato uno dei primi ad adottare nuove tecnologie e mi sono concentrato su un lavoro che potesse avere un impatto positivo. Credo sia molto importante di tanto in tanto esplorare nuovi territori ed affrontare nuove sfide per crescere costantemente a livello professionale. Negli ultimi dieci anni, la maggior parte delle persone ha imparato a conoscermi grazie al mio sostegno nel passaggio al cloud, ai microservizi, all’open source e all’ingegneria del caos, ma ho anche lavorato alle prime fasi di adozione di Unix e Internet con Sun Microsystems, agli anni formativi dell’e-commerce e delle app mobile mentre lavoravo nei laboratori di ricerca eBay, all’apprendimento automatico e alla personalizzazione di Netflix. Ho anche conseguito una laurea in fisica, appassionandomi per 15 anni alla scienza che regola la crisi climatica. Così, circa 10 anni fa, ho iniziato a investire personalmente in energia solare, auto elettriche e nelle pompe di calore. Ora è il momento giusto per focalizzare la mia carriera sulla sostenibilità dato che sto assistendo ad un costante e crescente interesse da parte dei clienti di AWS. Non solo stanno iniziando a pensare all’impatto ambientale che ha il carbonio delle loro infrastrutture tecnologiche, ma stanno addirittura cambiando la loro offerta per seguire la via della sostenibilità. Sto passando dalla preoccupazione per la trasformazione digitale all’inizio di un nuovo capitolo incentrato sulla trasformazione della sostenibilità.

In che modo i data center AWS sono più efficienti dei data center locali?

I tipici data center di una singola azienda operano a circa il 18% di utilizzo del server. Ciò significa che il restante 82% è alimentato, inutilizzato e tenuto in riserva poiché le aziende hanno bisogno di tale capacità in eccesso per gestire picchi di utilizzo di grandi dimensioni. AWS beneficia di modelli di utilizzo multi-tenant e opera a tassi di utilizzo dei server molto più elevati. Oltre a ciò, AWS è riuscita ad aumentare l’efficienza energetica delle proprie strutture e apparecchiature, utilizzando ad esempio un raffreddamento evaporativo più efficiente in alcuni data center anziché il condizionamento dell’aria tradizionale. Uno studio condotto da 451 ricercatori ha dimostrato che l’infrastruttura di AWS è 3,6 volte più efficiente dal punto di vista energetico rispetto a un data center medio di un’impresa statunitense. Insieme al nostro utilizzo di energia rinnovabile, questi fattori consentono ad AWS di eseguire le stesse attività dei data center tradizionali con una carbon footprint inferiore dell’88%.

Cosa sta facendo Amazon per diventare net-zero carbon entro il 2040? 

La scienza è alla base di questo lavoro. Gli sforzi di sostenibilità di Amazon vanno dai nostri investimenti in energie rinnovabili, efficienza energetica e trasporti sostenibili, alle iniziative di economia circolare e riduzione dei rifiuti, sostenibilità dei prodotti e responsabilità sociale. Nel corso degli ultimi 6 anni, Amazon si è impegnato nel costruire un team di centinaia di dipendenti impegnati a soddisfare i nostri obiettivi di sostenibilità, e continua a crescere. Questo include scienziati del clima che hanno creato e sviluppato un nuovo software per monitorare le emissioni di carbonio in tutta Amazon, dalle operazioni e dalla vendita al dettaglio fino ad AWS. Il team di Amazon dedicato alla sostenibilità fornisce questi dati ai team di tutta l’azienda per consentire loro di rimuovere il carbonio dal proprio settore di business e continuare ad agire per eliminare le emissioni di carbonio dal business di Amazon.

In che modo AWS contribuisce a far progredire la ricerca scientifica sul cambiamento climatico?

Un esempio è Amazon Sustainability Data Initiative (ASDI), che risiede su AWS Cloud. ASDI accelerala ricerca e l’innovazione in materia di sostenibilità riducendo al minimo i costi e i tempi necessari per acquisire e analizzare grandi set di dati sulla sostenibilità. ASDI supporta innovatori e ricercatori con i dati, gli strumenti e le competenze tecniche di cui hanno bisogno: questo include organizzazioni come la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). Queste organizzazioni usano ASDI per aiutare con la risposta alle catastrofi fornendo l’accesso ai dati aerei e alle immagini come dati aperti.

In che modo vuole aiutare le aziende quando pensano alla sostenibilità?

La crisi climatica sta causando un nuovo sconvolgimento in molte organizzazioni che cercano di capire come operare in modo sostenibile.In alcuni casi, il loro impatto è irrilevante, ma in altri casi è dannoso, e in questi casi AWS può giocare un ruolo importante fornendo alle aziende l’agilità di progettare, creare e realizzare nuovi prodotti per i propri clienti, permettendo loro di farlo in maniera sostenibile. Non vedo l’ora di sostenere la mission di Amazon verso il Net Zero Carbon, mostrando al contempo ai clienti il potere di agire in modo più sostenibile. Lavorare insieme è l’unico modo per combattere la crisi climatica.