Btp Green

Boom di domanda per per i due Btp sindacati che il Tesoro sta collocando sul mercato. Le richieste in totale hanno raggiunto i 155 miliardi di euro. Il primo titolo settennale di nuova emissioni con scadenza febbraio 2031 – riporta Il Sole 24 Ore – ha raccolto ordini per oltre 51 miliardi di euro. Le richieste per il secondo, la riapertura di un trentennale con scadenza a ottobre 2053, hanno superato i 54 miliardi di euro.

Btp, dal Mef due nuove emissioni

La domanda da record ha consentito di ridurre i rendimenti offerti di due punti base sia per il Btp a sette anni che per quello a trent’anni. Per il Btp a sette anni è stato applicato uno spread di sei punti base rispetto al Btp con scadenza a novembre 2030, mentre per il Btp trentennale uno spread di 21 punti base rispetto al Btp con scadenza a settembre 2052.

Boom di richieste per i Btp sindacati

“È una richiesta estremamente significativa; basti pensare che il green bond emesso nell’aprile 2023, con una durata di 8 anni simile a quella dell’emissione odierna, sebbene fosse un titolo diverso, aveva ricevuto ordini per un totale di 53 miliardi di euro,” sottolinea chi ha monitorato l’operazione. “Se per il Btp a sette anni era più prevedibile un interesse considerevole, il risultato del trentennale è ancora più significativo a causa della sua lunga scadenza. Questo rappresenta un segnale di fiducia nell’Italia, come evidenziato anche dal calo dello spread al di sotto dei 170 punti base.”