Ubs Am, un Etf su mercato delle valute per investire sullo yen
Lo yen giapponese

Il Giappone sta lottando per finanziare piani che rafforzerebbero in modo significativo la sua preparazione militare in presenza di crescenti pressioni regionali. Scrive il NYT.
Il crollo dello yen, che quest’anno ha toccato i minimi da quattro decenni, sta compromettendo i piani del Giappone per il più grande potenziamento militare nella storia del dopoguerra.

Il governo ha ridotto gli ordini di aerei e i funzionari avvertono che ulteriori tagli potrebbero essere imminenti. Il Giappone acquista gran parte delle sue attrezzature militari da aziende americane, in transazioni effettuate in dollari. Il potere d’acquisto del governo è stato drasticamente eroso dalla diminuzione del valore dello yen.

“Quello che stiamo ottenendo in termini di capacità di difesa effettive e il nostro obiettivo originale non sono allineati”, ha dichiarato in un’intervista Satoshi Morimoto, ex ministro della Difesa giapponese. Il valore del bilancio della difesa in cinque anni “è stato effettivamente ridotto del 30%”, ha detto Morimoto.

Il problema valutario del Giappone arriva in un momento critico. Il grande aumento della spesa militare del Paese era destinato a rafforzare le difese mentre Tokyo affronta le crescenti minacce missilistiche della Corea del Nord e altre sfide poste dalla Cina, tra cui i timori di un potenziale conflitto Cina-Taiwan.

Nel 2022, il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha annunciato una nuova strategia di sicurezza nazionale che avrebbe più che raddoppiato l’importo destinato alla difesa. Il budget di 43.000 miliardi di yen in cinque anni, equivalenti a circa 319 miliardi di dollari dell’epoca, avrebbe aiutato il Giappone a scoraggiare gli attacchi, dandogli la capacità di colpire le basi in territorio nemico.

Il nuovo bilancio ha rotto i precedenti di lunga data in materia di contenimento delle spese e di dipendenza dalle forze statunitensi. Kishida ha salutato l’aumento della spesa militare come un “punto di svolta” nella storia del Giappone.
Il problema: il bilancio si basava su un tasso di cambio di 108 yen per dollaro, che anche allora era ben lontano dal tasso reale di circa 135 yen per dollaro. Ora, con l’indebolimento dello yen rispetto al dollaro, il costo delle attrezzature, tra cui elicotteri, sottomarini e carri armati, è salito alle stelle.

Storicamente, uno yen debole ha aiutato i grandi esportatori giapponesi, come Toyota Motor, rendendo i loro prodotti più economici e competitivi all’estero. Ma rende le importazioni più costose. La lotta del governo per permettersi le attrezzature militari è un esempio di come questi costi più elevati stiano comprimendo l’economia giapponese. La caduta del valore dello yen negli ultimi tre anni ha fatto aumentare il prezzo di beni di prima necessità come cibo e carburante e ha pesato sulla spesa delle famiglie.

Recentemente, la Banca del Giappone, la banca centrale, si è preoccupata soprattutto dell’impatto dello yen sui prezzi delle importazioni. Molti analisti di mercato e trader si aspettano che la banca aumenti i tassi di interesse quest’anno, forse già questo mese. Tassi di interesse più alti attirano più investitori verso gli asset giapponesi, aumentando la domanda di yen e sostenendo il valore della valuta.

“A questo punto, anche le attrezzature militari prodotte in Giappone stanno aumentando di prezzo perché molte parti interne vengono acquistate all’estero”, ha dichiarato Takeuchi. “Il Giappone sta già tagliando gli acquisti di alcuni aerei e se non si riesce ad aumentare il budget, altri tagli diventano inevitabili”, ha aggiunto.

Quando è stato annunciato per la prima volta, il bilancio militare quinquennale del Giappone è stato visto dagli esperti di sicurezza come una dichiarazione forte: Il Paese, ufficialmente pacifista, stava dimostrando la sua determinazione agli Stati Uniti e agli altri alleati, spaventati dalla recente espansione militare della Cina e da altre minacce territoriali.

Mentre la Cina stringe legami economici e militari con la Russia, anche altri Paesi dell’Asia-Pacifico hanno aumentato i loro bilanci militari. Per il Giappone, il bilancio redatto due anni fa prevede una spesa per la difesa pari a circa il 2% della produzione economica del Paese nel 2027, allineandosi all’obiettivo fissato dall’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico.

I finanziamenti per il bilancio della difesa sono stati vincolati nel 2022 a vaghi piani per aumentare le tasse in “un momento appropriato nel 2024 o dopo”, secondo i documenti dell’ufficio di gabinetto. L’aumento delle tasse è già stato rimandato a quest’anno, e qualsiasi ulteriore aumento sarebbe probabilmente un’impresa ardua per Kishida, che deve già fare i conti con un indice di gradimento record.

Questa settimana, Kishida parteciperà a Washington a un incontro della NATO per celebrare i 75 anni dalla fondazione dell’alleanza. I funzionari della NATO hanno dichiarato che il vertice si concentrerà sul potenziamento della difesa alleata e sul rafforzamento delle partnership nella regione indo-pacifica.

“Se non si possono aumentare le tasse e non si può aumentare il debito, ci sono poche opzioni oltre al perseguimento di un coordinamento multilaterale più profondo”, ha detto Grady, riferendosi alla collaborazione del Giappone con gli Stati Uniti, l’Australia e altri alleati su iniziative come esercitazioni e addestramenti marittimi congiunti.

In questi giorni il Giappone e le Filippine hanno firmato un accordo che aumenterà la loro capacità di effettuare esercitazioni militari congiunte. Ciò è avvenuto dopo che Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud hanno tenuto tre giorni di esercitazioni aeree e navali congiunte alla fine del mese scorso nel Mar Cinese Orientale. L’esercitazione, chiamata “Freedom Edge”, aveva lo scopo di aumentare la preparazione contro le minacce missilistiche e nucleari della Corea del Nord.

La Corea del Nord ha risposto alle esercitazioni lanciando due missili balistici la scorsa settimana. Ha giurato una risposta “schiacciante” a quello che i media statali hanno descritto come il rapporto tra Giappone, Stati Uniti e Corea del Sud.
La Corea del Nord ha risposto alle esercitazioni lanciando due missili balistici la scorsa settimana. Ha giurato una risposta “schiacciante” a quello che i media statali hanno descritto come un rapporto tra Giappone, Stati Uniti e Corea del Sud che comincia ad assomigliare alla “versione asiatica della NATO”.

Morimoto, ex ministro della Difesa, ha detto che sta valutando come il Giappone possa sopportare gli attuali vincoli finanziari mantenendo intatto il suo potenziamento militare.
Morimoto, 83 anni, che ha prestato servizio nelle forze di autodifesa giapponesi per 14 anni, è membro di un gruppo di esperti istituito quest’anno per fornire consulenza sulle strategie di difesa del Giappone. Il gruppo si è riunito a febbraio e continuerà a riunirsi fino alla fine dell’anno, quando dovrà decidere cosa raccomandare per il bilancio della difesa del prossimo anno.

Morimoto ha affermato che la lezione appresa dal Giappone dalle recenti fluttuazioni valutarie è che la spesa militare non può più essere fissata a un numero preciso. Piuttosto, ha detto, bisogna concentrarsi sulla costruzione di capacità militari in termini di sostanza.

Per quanto riguarda le fluttuazioni valutarie, “nessuno si aspettava un cambiamento così grande in soli tre anni, e non ho dubbi che ci saranno altri imprevisti”, ha detto Morimoto. “Ma se questo e quello vengono rimandati, questo e quello vengono ritardati, la nostra difesa – la difesa del Giappone – non sarà completa”.