È molto improbabile che l’attuale tecnologia dei veicoli elettrici (“Ev”) e delle batterie ci porterà a un mondo totalmente Ev, nonostante molti politici stiano cercando di imporlo. Detto questo, ci sono alcuni incentivi e sostegni da parte di molti governi, come negli Stati Uniti, dove c’è un credito d’imposta fino a 7.500 dollari per i veicoli elettrici e alcuni Stati aggiungono ulteriori incentivi locali. Il Canada offre un incentivo di 5.000 dollari canadesi e anche le province prevedono alcuni incentivi. Queste sovvenzioni governative aiuteranno tutti i produttori di veicoli elettrici, ma ci sono comunque per loro molte altre sfide da affrontare.

Una di queste sfide è la carenza di chip che ha colpito duramente l’industria automobilistica. Business Insider ha riportato che nel 2021 le case automobilistiche hanno costruito 3,23 milioni di veicoli in meno del previsto in Nord America a causa della carenza di chip. La situazione è proseguita anche nel 2022. Tuttavia, secondo il Wall Street Journal, ora c’è un’eccedenza di chip, quindi questa parte della tempesta dovrebbe attenuarsi nel 2023.

Un’altra grande ondata di tempesta nel 2022 è stata il mercato orso che ha colpito la maggior parte delle azioni, facendole scendere in modo significativo. L’S&p 500 (SP500) è sceso del -19,5% e il Nasdaq del -33%. Ma nel 2022 Tesla è stata colpita da qualcosa di più della carenza di chip e del mercato ribassista. General Motors (GM) e Ford (F) sono scese di circa il -45% e il -50%, mentre Tesla è crollata del -70%. Tutti hanno fatto molto peggio delle medie di mercato, ma un calo del -70% per Tesla è molto elevato.

Un altro fattore che probabilmente ha spinto Tesla al ribasso rispetto alle altre case automobilistiche è che Tesla è un’azienda puramente Ev. Molti investitori la considerano più un’azienda tecnologica rispetto a Gm e Ford, anche se oggi tutti i veicoli sono ricchi di tecnologia. Le aziende tecnologiche hanno subito il peso del mercato ribassista nel 2022 e Tesla ha subito un’altra ondata di tempesta in questo senso.

Elon Musk è stato sempre nei titoli dei giornali nel 2022 per quanto riguarda la sua acquisizione di Twitter. Il mercato sostiene che Twitter stia distraendo Musk dai suoi compiti alla Tesla. In realtà, Tesla è ormai ben consolidata e c’è un management efficiente a supervisionare le operazioni quotidiane.

Ciò che probabilmente viene trascurato dagli analisti è che Musk si è creato molti nemici con il suo programma di libertà di parola e di file su Twitter, soprattutto nell’estrema sinistra, che potrebbero essere venditori o acquirenti di Tesla. Non c’è bisogno di guardare oltre, se non al fatto che Tesla non è stata nemmeno invitata al summit sui veicoli elettrici alla Casa Bianca nel 2021. Questo, nonostante Tesla rappresenti circa il 74% degli Stati Uniti.

Non c’è dubbio che Musk non abbia amici nell’amministrazione Biden e che il fattore Twitter possa solo peggiorare.
Come se non bastasse, c’è il Dogecoin. Musk è stato un grande promotore del token Dogecoin e Tesla ha annunciato nel gennaio 2022 che avrebbe accettato Dogecoin per i pagamenti di alcuni prodotti. Dogecoin è crollata da un massimo di circa 0,65 dollari nel 2021 a un minimo di poco più di 0,05 dollari nel 2022, insieme allo scoppio della bolla delle criptovalute. Musk è stato etichettato da molti investitori come un “pump and dumper“. Che sia vero o meno, questo ha pesato negativamente sul sentiment delle azioni Tesla.

Tutto questo sentimento negativo derivante dalla scarsità di chip, dai mercati ribassisti (in particolare quello tecnologico) e da Dogecoin, insieme ad altri nemici provenienti dai file di Twitter, si è risolto in un enorme selloff.

Tesla è sempre stata criticata per la sua scarsa redditività, ma la situazione è cambiata grazie agli utili consistenti del 2020, che da allora sono migliorati. La prossima trimestrale sarà pubblicata il 25 gennaio e marketwatch.com ha una previsione media di 1,19 dollari per azione per il quarto trimestre. C’è il rischio che Tesla non soddisfi le aspettative, ma non è probabile. Secondo marketbeat.com, Tesla ha costantemente battuto il consenso sulle previsioni degli utili.

Un altro rischio superato era che Musk vendesse altre azioni, ma sembra che la vendita legata all’acquisizione di Twitter sia finita. Dopo la Covid-19 che ha colpito una parte della produzione in Cina, anche la situazione dovrebbe migliorare nel 2023. Detto questo, tutte le cattive notizie siano state prezzate nel titolo Tesla, Inc. e che attualmente sia ipervenduto.