buoni del tesoro postali

Nel 2023 le emissioni dei titolo di stato sono tornate al di sopra dei 500 miliardi di euro (non succedeva dal 2020) e oggi è stato reso disponibile il calendario dal Ministero dell’economia e delle finanze, che fissa le date in cui si terranno le aste del nuovo anno, indicando anche le tempistiche per il regolamento di tutte le operazioni, nonché i giorni delle comunicazioni ufficiali previste per l’annuncio dei Titoli offerti in ciascuna asta.

Quali sono le linee guida per la gestione del debito pubblico

Oggi sono state comunicate anche le Linee guida per la gestione del Debito Pubblico. Le informazioni disponibili riguardano i titoli in offerta nello stesso trimestre, il volume complessivo di emissione di debito a medio-lungo termine atteso per il prossimo anno e una sintesi del quadro macroeconomico e di finanza pubblica di riferimento.

LEGGI ANCHE: Titoli di Stato Isee, lo scorporo spinge l’acquisto di Btp

Quanti titoli di stato sono stati emessi nel 2023

Nel corso del 2023, sono stati rilasciati titoli per un valore complessivo di quasi 516 miliardi di euro. Questa cifra include circa 360 miliardi di euro di titoli a medio-lungo termine e poco più di 156 miliardi di euro di BOT. Nel confronto con il 2022, durante il quale sono stati emessi titoli per un ammontare totale leggermente superiore a 424 miliardi di euro, di cui circa 285 miliardi di euro erano rappresentati da titoli a medio-lungo termine e poco più di 139 miliardi di euro da BOT, si evidenzia un aumento significativo. Il costo medio annuo all’atto dell’emissione, al termine delle collocazioni del 2023, ha registrato un incremento, attestandosi al 3,76%, rispetto al 1,71% del 2022. Nel 2021, l’emissione complessiva di titoli è stata di 477,295 miliardi di euro, di cui 318,154 milioni di euro in titoli a medio-lungo termine e 159,141 milioni di euro in BOT.

La vita media a fine anno riguardo al 2023 resta stabile intorno ai 7 anni (6,97 anni, rispetto ai 7,04 anni del 2022). Il dato migliora ulteriormente se si considerano anche i finanziamenti europei SURE e NGEU. In questo caso la vita media passa da 7,31 del 2022 ai 7,25 anni di fine 2023.