Taglio accise benzina proroga

La notizia era attesa da giorni ed oggi, lunedì 2 maggio 2022, ha trovato conferma nell’esito del Consiglio dei ministri tenutosi a Palazzo Chigi: il taglio sulle accise della benzina è stato prorogato fino all’8 luglio. La misura era stata adottata, in via emergenziale nei mesi scorsi per contrastare il forte caro carburante dovuto all’inflazione e alla crisi energetica e delle materie prime che aveva portato il prezzo di benzina e diesel alla colonnina oltre i due euro a litro. Il termine iniziale era fissato alla fine di aprile, poi prorogato all’inizio di maggio ed ora all’8 luglio.

La proroga sul taglio delle accise sulla benzina

“In considerazione del perdurare degli effetti economici derivanti dall’eccezionale incremento dei prezzi dei prodotti energetici – si legge in una nota diffusa da Palazzo Chigi – a decorrere dal 3 maggio 2022 e fino all’8 luglio 2022, le aliquote di accisa di cui all’allegato I del testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative approvato con il decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modificazioni, dei sotto indicati prodotti sono rideterminate nelle seguenti misure: benzina: 478,40 euro per mille litri; oli da gas o gasolio usato come carburante: 367,40 euro per mille litri; gas di petrolio liquefatti (GPL) usati come carburanti: 182,61 euro per mille chilogrammi; gas naturale usato per autotrazione: zero euro per metro cubo. Inoltre, per lo stesso periodo, l’aliquota IVA applicata al gas naturale usato per autotrazione è stabilita nella misura del 5 per cento”.

Il taglio previsto sui carburanti è 25 centesimi di euro al litro più Iva su benzina e diesel mentre è di 8,5 centesimi di euro più Iva per il GPL. Attualmente, secondo quanto riportato da Quotidiano Energia, il prezzo medio in modalità self service della benzina è di 1,798 euro al litro e di 1,931 euro al litro in modalità servito. Il diesel in modalità self service ha un prezzo medio di 1,815 euro al litro e di 1,948 euro al litro in modalità servita. Il GPL vede i prezzi oscillare tra gli 0,849 a 0,872 euro al litro, mentre per il metano il prezzo medio è tra 2,076 e 2,342 euro.