Superbonus

Si chiama bonusfiscali.enea.it  ed è il portale dove trasmettere i dati degli interventi di efficienza energetica e utilizzo delle fonti rinnovabili di energia con data di fine lavori a partire dal 1° gennaio 2024 che accedono alle detrazioni fiscali Ecobonus e Bonus Casa.

Le comunicazioni vanno effettuate entro 90 giorni, a partire dal 26 gennaio. All’Enea devono essere inviati, attraverso la sezione Ecobonus, i dati degli interventi di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente (incentivi del 50%, 65%, 70%, 75%, 80%, 85%), mentre attraverso la sezione Bonus Casa, quelli degli interventi che usufruiscono delle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie, che comportano risparmio energetico e utilizzo delle fonti rinnovabili. Al servizio si può accedere con Spid e Cie. Per andare incontro alle eventuali difficoltà Enea, già da tempo, ha attivato l’assistente virtuale Virgilio che sfrutta l’intelligenza artificiale per rispondere in tempo reale ai quesiti on line sulle detrazioni fiscali relative agli interventi di efficienza energetica.

LEGGI ANCHE: Superbonus addio, il Mef boccia gli emendamenti per la proroga

Oggi in discussione alla Camera il Superbonus

Nella giornata di oggi intanto è andata in discussione alla Camera il decreto che di fatto dice addio al Superbonus, non concedendo proroghe per coloro che hanno i lavori in corso, come era stato ipotizzato in un primo tempo con degli emendamenti, che però sono stati bocciati dalla Commissione Finanze. L’ipotesi sul campo era quella di poter rimandare di 3 mesi l’addio a una misura che lascia ancora molti strascichi. Sono ancora molti i crediti che rimangono in pancia degli istituti di credito.