spread

Aprono tutte in positivo le principali borse europee,  Milano compresa, dove l’unica nota negativa è un lieve rialzo dello spread. Piazza Affari guadagna lo 0,71%, il Ftse Mib a 22.085 punti. Francoforte segna +0,54%, Parigi +1,02% e Londra +0,95%.

Sulla piazza asiatica, chiusura positiva per Tokyo a +0,66%, con il Nikkei a 27.049 punti.

Lo spread tra Btp e Bund tedeschi apre in leggero rialzo a 210 punti, contro i 209 della vigilia. Il rendimento del titolo decennale italiano si attesta al 3,64%.

La Borsa premia la green economy

Ha debuttato a Piazza Affari la società di tecnologia green Industrie De Nora Spa, specializzata in elettrochimica, leader nelle tecnologie sostenibili e con un ruolo fondamentale nella filiera della produzione industriale dell’idrogeno verde. A livello globale, Industrie De Nora è il più grande fornitore al mondo di elettrodi attivati.

Il prezzo è stato fissato a 13,50 euro ad azione per la quotazione su Euronext Milan Italia. Lo ha comunicato la società spiegando che sulla base del Prezzo di Offerta, la capitalizzazione della Società all’inizio delle negoziazioni sarà pari a 2.723 milioni di euro. L’offerta “è stata sottoscritta circa 3,5 volte al Prezzo di Offerta con una forte domanda da parte di investitori istituzionali a livello globale”.

L’Offerta comprende 35.075.682 azioni ordinarie (complessivamente pari a circa il 17,4% del capitale sociale), di cui 14.814.814 azioni offerte dalla Società e 20.260.868 offerte da Federico De Nora S.p.A., Asset Company 10 S.r.l. e Norfin S.p.A. (gli “Azionisti Venditori”). Inoltre, questi ultimi hanno concesso ai Collocatori un’opzione di acquisto di 5.261.352 ulteriori azioni o fino al 15,0% delle azioni offerte al Prezzo di Offerta (l'”Opzione di Over-allotment”). Se l’Opzione di Over-allotment sarà interamente esercitata, il flottante delle azioni della Società sarà pari a circa il 20,0% del capitale sociale della Società. Il ricavato complessivo derivante dall’Offerta ammonterà a circa 474 milioni di euro, di cui 200 milioni spettanti alla Società ed Euro 274 milioni spettanti agli Azionisti Venditori. In caso di integrale esercizio dell’Opzione di Over-allotment, il ricavato complessivo sarà pari a Euro 545 milioni. Il primo giorno di negoziazione su Euronext Milan e la data di consegna e pagamento delle azioni sono previsti per il 30 giugno 2022 e non per il 29 giugno 2022 come precedentemente indicato.

LEGGI ANCHE:Borsa: Milano chiude in negativo, spread in rialzo

Non è un buon anno per Nike

Risultati in calo per Nike nell’ultimo trimestre (marzo-maggio) con un utile netto di 1,4 miliardi di dollari, in calo del 5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e ricavi a 12,2 miliardi di dollari (-1%). Spicca però il crollo in Cina, importante mercato estero in cui Nike è in difficoltà da tempo, dove le vendite sono scese di quasi il 20%. Sui dati dell’azienda pesano le interruzioni della produzione dovute alla chiusura degli impianti e ad altre misure innescate dalle misure di contenimento del Covid-19, oltre a problemi alla catena di approvvigionamento che stanno ostacolando il commercio internazionale in generale.