Marco Foderà
Tommaso Dragotto, presidente e amministratore delegato di Sicily by Car

Sicily By Car, azienda quotata su Euronext Growth Milan e tra i principali operatori in Italia nel settore dell’autonoleggio a breve termine, ha chiuso il 2023 con un valore della produzione pari a 136,3 milioni di euro. La differenza rispetto al 2022, anno record in cui il dato si è attestato a 160,9 milioni di euro, è stata determinata da un diverso contesto competitivo caratterizzato da un forte incremento delle flotte a disposizione per il noleggio a breve termine. L’Ebitda si consolida a 47,1 milioni di euro, pari al 35% (nel 2022 68,6 milioni di euro, pari al 43%).

Sicily By Car, i numeri del 2023

L’utile netto si attesta a 17,5 milioni di euro, rispetto a 39,9 milioni di euro nel 2022, al netto di imposte pari a 6,3 milioni di euro (Euro 16,6 milioni di euro nel 2022). La differenza rispetto al target comunicato, pari a un range di 19-21 milioni di euro, è essenzialmente attribuibile al minore impatto delle plusvalenze di alienazione veicoli. il calo è la conseguenza di un minor numero di veicoli alienati nel periodo rispetto all’obiettivo prefissato. Tali veicoli sono stati alienati nel primo trimestre 2024.

Dragotto: “Continuiamo ad espanderci in Europa”

«A valle del bilancio appena consolidato, il 2024 segna, per Sicily by Car, l’inizio del new deal», ha commentato l’a.d. Tommaso Dragotto. «Il nostro recente ingresso in Portogallo, paese che registra uno straordinario potenziale di business, attesta e dimostra la nostra strategia di espansione in Europa. Questo è solo il primo passo del nostro progetto di sviluppo internazionale – così come dichiarato agli investitori e alla comunità finanziaria – che punta al presidio dei maggiori Paesi europei a riconosciuta vocazione turistica. Siamo consapevoli delle aspettative del mercato e delle sfide che ci attendono nell’immediato futuro, i prossimi mesi confermeranno il nostro impegno e la portata delle risorse investite».

Sicily By Car, positiva la posizione finanziaria netta

La posizione finanziaria netta è cash positive per 25 milioni di euro. Il dato è in miglioramento rispetto al 31 dicembre 2022 (negativa per 10,1 milioni di euro). Questo grazie all’aumento di capitale per 61 milioni di euro realizzato nel contesto del perfezionamento della business combination con la Spac Industrial Stars of Italy 4, avvenuto il 3 agosto. Nel 2023 la generazione di cassa operativa si è attestata a 6 milioni di euro. Gli investimenti netti sono stati pari a 39 milioni di euro (di cui -68 milioni di euro per acquisiti auto risk e +29 milioni di euro per cessioni auto risk e buyback).

LEGGI ANCHE: “Unipol, Cda approva bilancio 2023. Ok alla fusione delle società del gruppo”