second hand

Comprare di seconda mano non è più solo un ripiego o un modo di risparmiare, ma anche un vero e proprio stile di vita. Senza arrivare a liquidare la questione col vecchio adagio del “cheap and chic” oggi c’è chi rivendica con orgoglio la propria capacità di mettere a segno buoni acquisti nell’usato. Lo conferma la piattaforma on line Subito, dal 2007 è leader in un mercato che nel 2022 ha riguardato 24 milioni di persone con un valore di 25 miliardi di euro, pari all’ 1,3% del Pil.

Il sondaggio di Subito

Secondo un sondaggio dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa* per Subito, il canale online, preferito dal 65% dei rispondenti con un volume d’affari di 11,9 milioni di euro (47% del totale), ha contribuito negli ultimi anni alla diffusione di questa forma di economia circolare, ma tornano a crescere anche i canali offline come i mercatini o i negozi dell’usato. Il 67% di chi acquista inizia proprio dalla second hand. Chi per risparmiare (51%), o per fare economia sostenibile (44%) e riusare degli oggetti (41%), oppure solo per abitudine (38%) sono sempre di più gli acquirenti di seconda mano. Chi vende lo fa per liberarsi degli oggetti inutilizzati (76%), per fare spazio e ordine (38%) e anche per guadagno (36%).

LEGGI ANCHE: Seconda mano, chi compra usato risparmia e protegge l’ambiente

E tu che Second-Hand lover sei?

Ma chi, come e perché fa second hand in Italia? L’osservatorio è entrato più nel dettaglio tracciando alcuni profili simbolo.

LA MAMMA ECO-FRIENDLY (24%)

É una donna giovane, tra i 24 e i 44 anni, con una famiglia e figli piccoli, attiva e che ama prendersi cura di sé. User abituale, acquista o vende accessori per bambini, console e videogiochi, ma anche cose per sé, come vestiti vintage e accessori sportivi.

L’UTILITARISTA (21%)

Sono uomini pragmatici e utilizzatori occasionali di mezza età. La second hand per loro è un modo per guadagnare vendendo o risparmiare, se non possono permettersi il nuovo. Categorie di riferimento: motori, ma anche strumenti musicali e sport.

LA SMART CHIC (17%)

Un’altra grande acquirente di oggetti usati, che non disdegna la vendita è la Smart-Chic, donna di mezza età attiva e raffinata, che ama la possibilità di acquistare tanti oggetti diversi, con particolare attenzione al mondo dell’Arredamento e Casalinghi (anche d’epoca) oltre ad abbigliamento vintage.

L’IDEALISTA (16%)

Attenta alla sostenibilità, questa giovane tra i 18 e i 44 anni crede fortemente nel riuso degli oggetti ed è una venditrice abituale di beni usati, proprio perché non ama sprecare. Acquista soprattutto abbigliamento o oggetti legati a uno stile di vita green come le biciclette.

IL TECNOLOGICO DIGITALE (12%)

Uomo tra i 18 e i 44 anni, vero appassionato di elettronica di consumo in merito alla quale è sempre informato e aggiornato. Acquista per passione soprattutto smartphone, PC e videogames.

L’INGEGNOSO (10%)

Uomo 25-44, grande acquirente di beni usati. Per lui la second hand è il mezzo per realizzare le proprie passioni, collezionismo e restauro in primis. Anche quando acquista online, privilegia lo scambio di persona perché vuole scoprire le storie degli oggetti e riscoprire le relazioni con le persone, soprattutto quelle con cui condivide le passioni. Cerca soprattutto nelle categorie biciclette, collezionismo e mobili vintage.