Satispay si lancia nell'M&A e acquisisce Advisoreat per entrare nel welfare
Alberto Dalmasso, Co-founder e ceo di Satispay.

Se il 2020 è stato l’anno in cui l’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus ha sconvolto profondamente la società e scosso alla radice l’economia di numerosi settori, con ripercussioni sul tessuto sociale e sulle famiglie, non sono mancati momenti di coesione e di solidarietà. Una tendenza chiaramente riflessa anche nella generosità della community di Satispay, l’azienda che ha rivoluzionato le abitudini di pagamento delle persone. Lo dimostrano i risultati raccontati nel report Satispay for Good 2020, documento che raccoglie tutti i dati di un 2020 all’insegna della solidarietà per l’azienda.

Al netto dell’anno appena concluso la community di Satispay, che in questi giorni ha superato il traguardo di 1,5 mln di utenti, si conferma sempre più attenta alle problematiche sociali: sono oltre 100.000 le persone che nel 2020 hanno donato almeno una volta alle campagne di donazioni attive sull’app, contribuendo a raccogliere oltre 1,6 milioni di euro.

Un risultato frutto dell’impegno messo da Satispay fin dalla sua nascita per semplificare le donazioni offrendo una modalità di sostegno ideale per sostenere progetti anche con micro contributi. 

 

La forte sensibilità verso la ricerca scientifica e l’attenzione alle emergenze sociali hanno permesso alla community Satispay di sostenere nell’ultimo anno grazie al servizio “Donazioni”, ormai potente strumento di sostegno per il Terzo Settore, sei campagne attive in app: Dynamo Camp, WeWorld, Protezione Civile Italiana – Emergenza Coronavirus, Banco Alimentare, Fondazione Veronesi, Telethon.

A queste si aggiungono centinaia di Associazioni e Organizzazioni che hanno integrato nei propri canali Satispay come modalità di raccolta fondi, tra cui anche Medici Senza Frontiere, Action Aid, WWF, AIRC, AISM, Save the Children.

 In particolare, dopo aver inaugurato l’anno al fianco di Dynamo Camp con una raccolta di 33.000€ a  favore della terapia ricreativa per bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni affetti da patologie gravi o croniche, Satispay ha orientato i propri sforzi a sostenere chi si è impegnato a contenere il grave impatto generato dalla pandemia, con l’obiettivo di rafforzare le capacità dei sistemi socio-sanitari, e impedire che a pagare il prezzo più alto fossero le fasce più vulnerabili e più povere della popolazione. Per questo ha sostenuto Protezione Civile Italiana – Emergenza Coronavirus, campagna che ha permesso di raccogliere in soli due mesi circa 1,2 milioni di euro, e Banco Alimentare, supportando con circa 80.000€ raccolti le persone maggiormente in difficoltà nel Paese grazie al recupero e alla distribuzione di eccedenze della filiera agro-alimentare a favore delle 7.500 strutture caritative che offrono loro aiuto alimentare. 

Al forte sostegno allo sforzo comune contro la minaccia costituita dalla pandemia, si affianca l’impegno costante di Satispay in favore della ricerca scientifica: grazie alla campagna a sostegno di Fondazione Umberto Veronesi per la ricerca sui tumori femminili con una raccolta fondi di 63.000€, confluiti nello sforzo della fondazione a favore di oltre 815.000 donne in tutta Italia; e a quella sostenuta insieme a Telethon, con una raccolta di 192.000€ per finanziare oltre 2.704 progetti di ricerca sulle malattie genetiche rare e sostenere 1.630 ricercatori.

A novembre, inoltre, in occasione della giornata internazionale dedicata all’eliminazione della violenza sulle donne, Satispay ha supportato con una raccolta fondi di 27.000€ il programma nazionale di WeWorld, che vede nella prevenzione e nella sensibilizzazione i propri strumenti fondamentali per la promozione dei diritti contro ogni forma di violenza.

Donare con Satispay è estremamente semplice: basta collegarsi alla pagina dedicata alla raccolta fondi, o direttamente dalla sezione “Servizi” dell’app per i dispositivi Android, selezionare l’importo che si desidera donare e inviare la richiesta di pagamento, apportando così il proprio contributo, che anche se piccolo, è sempre determinante.

“Il filo che lega Satispay al Terzo Settore è doppio. Da un lato l’impegno quotidiano delle tante associazioni e organizzazioni combacia con uno dei valori portanti della nostra società che è quello di pensare e agire sempre con l’obiettivo chiaro di migliorare la vita delle persone. Dall’altro il modello innovativo su cui fonda il nostro sistema di pagamento, che consente di effettuare e incassare anche piccole somme, nasce dall’originale intuizione che fosse necessario trovare un sistema di raccolta anche di micro donazioni che fosse immediato, economico e non dispersivo. Questi sono i due elementi che hanno portato la società fin dalla nascita ad avere un forte commitment su quest’area. I risultati dell’anno appena concluso ci rendono certo orgogliosi di essere riusciti a portare il sostegno della nostra Community a tanti progetti, ma al contempo ogni giorno abbiamo sempre più chiaro che c’è ancora moltissimo da fare, e proseguiremo con determinazione su questa strada” ha sottolineato Alberto Dalmasso, CEO e co-founder di Satispay.