Sanificazione di ambienti e impianti ecco come farla a regola d’arte

IL COVID-19 SI PUÒ DIFFONDERE ATTRAVERSO PARTICELLE VIRALI IN SOSPENSIONE NELL’ARIA, O PER VIA INDIRETTA CIOÈ ATTRAVERSO CONTATTO CON SUPERFICI CONTAMINATE DA BATTERI, VIRUS E SPORE. «Consigliamo ai nostri clienti di effettuare interventi di sanificazione di ambienti chiusi sia sulle relative superfici/oggetti, ma anche degli impianti aeraulici», spiega Rocco Ruggiero, Amministratore Delegato di Fervo, gruppo italiano specializzato in servizi di facility management ed energy management.

«Per le superfici è importante l’integrazione di due diverse modalità: sanificazione di contenimento quotidiana per la riduzione del livello di carica batterica e sanificazione preventiva di azzeramento della carica batterica.  Non bisogna dimenticare, appunto, che la diffusione del virus avviene anche attraverso particelle in sospensione nell’aria. La nostra società Fsi è impegnata in prima linea per decontaminazione e sanificazione impianti trattamento aria in ottemperanza e conformità delle leggi e normative vigenti». Prosegue Ruggiero.

Per fronteggiare la diffusione del virus giocano un ruolo fondamentale la verifica e il ripristino delle condizioni igieniche dell’unità di trattamento aria, con la disinfezione di tutte le sue superfici interne, compresa la pulizia dei relativi filtri, e la decontaminazione e sanificazione dei canali dell’impianto aeraulico. Attraverso mezzi robotizzati si effettua una video ispezione di valutazione per poi procedere con interventi di aspirazione, spazzolatura e sanificazione degli stessi con na speciale pellicola bioprotettiva. «Queste attività, da effettuare periodicamente, giocano un ruolo fondamentale per il contenimento della diffusione del Covid-19 a tutela della salute di lavoratori, fornitori e pubblica utenza», conclude Rocco Ruggiero.

https://fervo.net