Salvataggio Eurovita
Matteo Del Fante, ad di Poste Italiane

Si va verso una soluzione di mercato per il salvataggio Eurovita, l’assicurazione in amministrazione straordinaria. A confermarlo è l’amministratore delegato di Poste Italiane Matteo Del Fante, a margine della conference call di presentazione dei risultati del primo trimestre. “Stiamo lavorando a una soluzione di mercato insieme alle autorità di supervisione e regolatorie. Una soluzione di mercato che coinvolgerà le maggiori società assicurative e ovviamente il settore bancario” ha spiegato Del Fante. Il salvataggio di Eurovita passa quindi per Poste Italiane, non solo per le garanzie che saranno le banche. Intanto con il passaggio del tempo crescono le preoccupazioni dei clienti, che temono di perdere i propri investimenti o di vedere dilazionati molto più a lungo i tempi in cui li riavranno indietro, nel caso in cui volessero dei riscatti.

LEGGI ANCHE: Riscatti Eurovita, appello delle associazioni di consumatori a banche e broker

Pagare o non pagare i dubbi dei clienti nel salvataggio di Eurovita

Nei giorni scorsi intanto si sono mosse anche le associazioni dei consumatori, che hanno chiesto garanzie sulle polizze da parte delle banche e delle assicurazioni. Sale, invece, la preoccupazione da parte di chi ha sottoscritto un’assicurazione. Nei giorni scorsi sono arrivate le rate e c’è chi sostiene non si debba pagare. Il fronte dei consumatori è spaccato a metà, dal momento che c’è chi sostiene che non pagando si riduce la liquidità di Eurovita e c’è il rischio che l’assicurazione che è in amministrazione controllata non sia solvibile. In molti si sono anche già rivolti a un avvocato per tutelare i propri interessi.  Intanto diverse associazioni di consumatori, sparse per tutta l’Italia si stanno attivando per organizzare ricorsi e tutelare gli interessi di quanti hanno contratto delle polizze con per poter avere dei rimborsi. Le prossime settimane saranno, quindi, decisive per risolvere una questione che sta toccando da vicino sempre più risparmiatori e famiglie italiane che sono preoccupate per quanto hanno investito.

LEGGI ANCHE: Caso Eurovita, pronta la class action