Saldo da 606 miliardi. Il più basso degli ultimi sette anni
Kunal Kapoor, ceo di Morningstar

606 miliardi di dollari. A tanto ammonta l’ultimo saldo dei fondi comuni di investimento globali. Il più basso degli ultimi sette anni. Basti pensare che due anni fa i flussi si erano attestati a quota 2.000 miliardi. 

Lo rende noto Morningstar nel suo settimo rapporto “Global Fund Flows Report” che prende in considerazione l’andamento delle sottoscrizioni di 95mila prodotti (exchange traded products e fondi) distribuiti tra Usa, Asia e Ue. 

Per il Sole24Ore.it un grande peso su questo risultato lo ha ricoperto il fattore “incertezza”: “Alla delusione per il risultato complessivo si contrappone il miglior esercizio dell’ultimo decennio dei fondi monetari ( che investono in strumenti a brevissimo termine), con un incasso pari a 331 miliardi di dollari. La corsa degli investitori a porti più riparati è la conseguenza dell’avversione al rischio che ha invaso le Borse a partire dallo scorso ottobre”.

Se i fondi azionari resistono seppur dimezzando la raccolta (353 miliardi rispetto ai 604 del 2017), i fondi obbligazionari hanno risentito maggiormente il colpo facendo segnare una distanza tra acquisti e vendite di 156 miliardi. Una dato che riporta la memoria ai pessimi risultati del 2013.