Sace imprese: annunciata una nuova operazione di Push Strategy del valore di circa 500 milioni di euro destinata a sostenere da un lato la filiera della torrefazione in Italia, garantendo l’importazione di caffè crudo di qualità, e dall’altro nuove opportunità di export. L’operazione – riferisce una nota – vede infatti Sace al fianco di Olam food ingredients (Ofi), gruppo leader mondiale nel comparto degli ingredienti per il food and beverage, e in particolare nel settore del caffè crudo, di cui garantisce forniture responsabili e tracciabili. L’industria della torrefazione italiana, icona del made in Italy, è composta da circa 1.000 aziende – dalle piccole imprese ai grandi gruppi internazionali – con un fatturato complessivo di oltre 5 miliardi di dollari. Sace ha garantito finanziamento complessivo di circa 500 milioni di euro (organizzato in due tranche, rispettivamente da 250 milioni di dollari e 37,38 miliardi di yen) in favore di ofi, con Smbc in qualità di arranger dell’operazione e con Smbc stessa e Citi come finanziatori. Il prestito ha una durata di cinque anni per la tranche in Usd mentre per quella denominata in Jpy – che rappresenta il primo “Samurai Loan” garantito da Sace – la durata è di sette anni.

Sace imprese, obiettivo massimizzare le opportunità di business nella filiera del caffè

L’intervento di Sace ha l’obiettivo di massimizzare le opportunità di business per le imprese della filiera della torrefazione in Italia – che comprende circa un migliaio di piccole, medie e grandi imprese, per un fatturato complessivo di oltre 5 miliardi di dollari – garantendo sia l’importazione di caffè crudo di qualità sia nuove opportunità di export per tutte le supply chain interessate (Food processing, bottling, packaging, etc.). Ofi, che rappresenta oggi una quota del 16 per cento nel mercato italiano, continuerà a garantire le forniture di caffè crudo e si aprirà inoltre a nuove opportunità commerciali con l’Italia, attraverso attività di business matching, nell’ambito del programma Push Strategy di Sace. “Siamo orgogliosi di essere al fianco di Ofi, attore leader nel settore globale degli ingredienti per alimenti e bevande e partner strategico delle nostre aziende in tutto il settore alimentare, in particolare per l’industria della torrefazione del caffè. Infatti, una tazzina di caffè su sei che beviamo in Italia è fatta con i chicchi forniti da Ofi. Questa operazione Push aprirà opportunità per le Pmi italiane nella filiera agroalimentare, garantendo allo stesso tempo forniture sostenibili e di qualità alle migliaia di aziende italiane del caffè”, ha affermato Michal Ron, Chief International Officer di Sace.