risparmio bolletta

Sono 350mila le persone che hanno provato per la prima volta Switcho, il servizio che consente non solo di confrontare la spesa per le bollette, per scoprire se esistono offerte più vantaggiose, ma che si fa carico di tutta la burocrazia necessaria a cambiare fornitore. «I risultati del 2023 sono per noi una grande soddisfazione – racconta Marco Tricarico, CEO e co-founder di Switcho “perché ci indicano che siamo riusciti a portare un valore reale a moltissime famiglie. Abbiamo infatti analizzato oltre 400mila bollette e offerto proposte per risparmiare ben 95 milioni di euro in risparmio solo lo scorso anno».

Il risparmio in bolletta fa crescere i fatturati

Il successo tra l’utenza, in un periodo in cui si sta passando dal mercato tutelato a quello libero, ha comportato per l’azienda una notevole crescita economica con ricavi aumentati di 3.5 volte rispetto al 2022, Switcho nel 2023 ha raggiunto la profittabilità dopo 4 anni sul mercato. Prosegue Tricarico: «Tenevamo particolarmente a rendere l’attività profittevole il prima possibile perché nel contesto odierno è un aspetto fondamentale per una startup solida. La continua ricerca di equilibrio tra costi e ricavi è ciò che ci ha premiati fin qui: la sfida più grande non è solo crescere, ma farlo in modo sostenibile»

LEGGI ANCHE: Risparmi in bolletta, Agcm multa il comparatore supermoney.it

La partnership con Intesa Sanpaolo

Un valido contributo in tal senso arriva anche dalle partnership instaurate negli anni con varie realtà del mondo bancario, un canale che nel 2023 è stato ulteriormente potenziato. A marzo, infatti, ha preso il via la collaborazione con Intesa Sanpaolo che, grazie all’integrazione dei servizi di Switcho nell’app Intesa Sanpaolo Mobile, permette a milioni di clienti della banca di risparmiare semplicemente sulle utenze. Questa partnership si inserisce in un florido ecosistema – che include anche Banca Mediolanum, Credem Banca e HYPE, per citare alcuni esempi – dove l’interesse dell’utente è sempre al centro.