I mercati hanno preso una batosta nelle ultime sedute, ed è probabile che il vostro portafoglio sia sceso. Ora, per quanto sia bello vendere tutti i tuoi investimenti e ricomprarli più tardi ad un prezzo più basso, è praticamente impossibile cronometrare perfettamente il mercato quando vendi, figuriamoci quando ricompri. Una mossa migliore, quindi, è semplicemente quella di seguire i colpi. Ecco alcuni modi per farlo.

Riequilibrare il portafoglio

Se investite stabilendo delle allocazioni target per varie classi di attività, scoprirete che il vostro portafoglio si è allontanato da questi obiettivi dopo questo periodo di volatilità del mercato. Quindi la prima cosa da considerare è il riequilibrio del portafoglio per riportarlo all’allocazione prevista. Il ribilanciamento, dopo tutto, ti costringe a prendere dei profitti sulle classi di attività che hanno performato bene e a investire quel denaro in classi di attività che sono andate male e sono di conseguenza più economiche. In questo modo ci si assicura di comprare basso e vendere alto, che è quello che ogni investitore dovrebbe cercare di fare.

Rivalutare l’asset allocation

Durante il processo di riequilibrio del vostro portafoglio, potrebbe essere saggio fare prima un passo indietro e rivalutare i vostri obiettivi di asset class – specialmente alla luce dell’attuale ambiente di mercato. Quello che sta succedendo ora è che le banche centrali hanno cambiato radicalmente i loro toni dopo un anno in cui hanno affermato che l’inflazione alle stelle è solo transitoria, e stanno iniziando ad aumentare i tassi di interesse per rallentare la spirale dei prezzi. Alcune classi di attività e sottoclassi di attività si comportano meglio di altre in un ambiente di tassi di interesse in aumento, e quindi questo potrebbe giustificare un cambiamento nell’asset allocation target del vostro portafoglio. I titoli di stato, per esempio, hanno un rendimento scarso in questo scenario, quindi potreste voler ridurre la loro allocazione target nel vostro portafoglio. Potreste anche abbassare la duration del vostro portafoglio di obbligazioni, o sostituire parte dell’allocazione con prestiti che hanno tassi d’interesse variabili (vedere il mio precedente Insight per saperne di più).

Aggiungere titoli bancari

Allo stesso modo, potreste modificare la vostra allocazione azionaria scambiando la crescita con il valore e aggiungendo alcuni titoli bancari – gruppi che se la cavano meglio in un contesto di aumento dei tassi d’interesse. Potrebbe anche valere la pena di introdurre una nuova classe di asset allocation nel vostro portafoglio: asset reali, come materie prime, risorse naturali, immobili e infrastrutture. Gli asset reali offrono protezione dall’inflazione e una fonte di reddito, sono resistenti all’aumento dei tassi d’interesse e sembrano molto più convenienti di azioni e obbligazioni in questo momento. L’analista di Finimize Stéphane ha alcune idee su come investire in essi.

Controlla le tue partecipazioni azionarie

Se possedete un mucchio di azioni diverse, vale la pena rivedere adeguatamente la vostra tesi di investimento per ciascuna di esse. Non importa se il titolo è in ribasso o in rialzo – la domanda chiave da porsi invece è la seguente: se non possedessi già questo titolo, lo comprerei? Se la risposta è sì, resistete all’impulso di vendere nel panico ora che i prezzi stanno scendendo. Potresti anche investire un po’ di più se il prezzo scende sotto un livello che hai predeterminato. Questi sono idealmente titoli di aziende di alta qualità e redditizie che sono state scaricate indiscriminatamente dagli investitori durante il recente sell-off del mercato. Se, d’altra parte, la risposta a questa domanda è no, considerate di vendere la vostra posizione – anche se questo significa realizzare una perdita. Ricordate, in questo attuale ambiente di tassi d’interesse in aumento, il mercato non perdona i titoli di crescita speculativi e costosi con profitti molto lontani nel futuro. Questo perché questi profitti (se ci sono) valgono molto meno quando vengono scontati a oggi con tassi di interesse più alti.

Proteggi il tuo portafoglio da ulteriori perdite

A volte la cosa migliore da fare durante un mercato ribassista è niente. Fai un bel respiro, spegni le notizie e non controllare i saldi dei tuoi conti. Questo è particolarmente vero se avete un portafoglio sensato e diversificato in diverse classi di attività, e le vostre partecipazioni azionarie individuali hanno tutte solide tesi di investimento che sono ancora intatte. Ma nel caso in cui il sell-off della scorsa settimana sia solo l’inizio di un più grande crollo del mercato, potrebbe essere saggio comprare qualche assicurazione per proteggere il vostro portafoglio nel caso in cui questo sia l’inizio di qualcosa di più grande. Potete farlo facilmente senza dover toccare nessuna delle vostre partecipazioni esistenti acquistando opzioni put out-of-the-money su ETF del mercato azionario. L’ulteriore vantaggio di usare le opzioni è che il loro valore aumenta con la volatilità, quindi possono proteggerti sia contro il calo dei prezzi delle azioni che contro l’aumento della volatilità del mercato. Notate solo che se i mercati finiscono per andare di traverso o rimbalzare, perderete l’intero premio dell’opzione, che è il costo che dovete pagare per la protezione dal crollo.

Formulare un piano per comprare il ribasso

Gli investitori a lungo termine sanno che il mercato alla fine si riprenderà, e voi dovreste essere posizionati per un tale rimbalzo. Quindi, se avete un po’ di denaro libero che avevate intenzione di investire comunque, dovreste considerare ogni crollo del mercato azionario come un’eccellente opportunità di acquisto. Ma non comprate semplicemente alla cieca ogni volta che il mercato crolla – cercate invece un modo intelligente per farlo. Un modo per farlo è attraverso una strategia nota come dollar-cost averaging: comprare periodicamente un importo costante, indipendentemente dal prezzo del bene. Diciamo che hai 2.000 dollari che vuoi investire in un ETF S&P 500. Potresti, per esempio, investire 400 dollari nell’ETF ogni settimana per le prossime cinque settimane. Questa strategia riduce l’impatto della volatilità sull’acquisto complessivo e rimuove qualsiasi elemento di cercare di cronometrare (senza successo) il mercato. Un’altra opzione è quella di dividere l’investimento man mano che il mercato azionario colpisce livelli progressivamente più bassi. Per esempio, l’S&P 500 è attualmente in bilico a circa 4.400: potresti dividere i tuoi 2.000 dollari in cinque porzioni da 400 dollari e investire ognuna di esse ogni volta che l’S&P 500 scende di 200 punti. Quindi investiresti 400 dollari a 4.200, altri 400 dollari a 4.000, altri 400 dollari a 3.800 e così via.

Imparare da ciò che è successo

I migliori investitori del mondo non si fanno prendere dalle emozioni o incolpano le circostanze esterne per le loro perdite. Ammettono i loro errori e imparano da essi. Solo imparando dagli errori puoi evitare di ripeterli, il che ti aiuterà ad evitare grandi perdite in futuro. Quindi, se il vostro portafoglio ha subito un colpo sproporzionato nell’ultima settimana o due, è molto importante chiedersi perché è successo. Eravate, per esempio, eccessivamente concentrati nei titoli tecnologici e in altre attività che si muovono fondamentalmente in linea con i titoli tecnologici, come le criptovalute? Allora questo è un vero errore che avete fatto, e la lezione chiave da trarre è quella di diversificare meglio il vostro portafoglio attraverso diversi settori del mercato azionario e classi di attività che non si muovono allo stesso modo in un dato ambiente economico.