Si è svolto il 7 luglio, a Palazzo Lombardia, un incontro tra il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, e i vertici delle associazioni del mondo delle imprese lombarde.

Un confronto, voluto e organizzato dall’assessore regionale allo Sviluppo economico, Guido Guidesi, cui ha preso parte il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana.

MINISTRO GIORGETTI: LA LOMBARDIA ANTICIPA I TEMPI – “È sempre importante – ha detto il ministro Giorgetti -, aldilà dei consessi internazionali, di quelli europei e delle aule della politica, avere un confronto diretto con l’economia reale, con i problemi specifici e con quello che ci racconta la realtà quotidiana. La voce della Lombardia, regione oggettivamente trainante, è particolarmente importante perché in qualche modo segnala anticipatamente quello che potrà accadere in futuro”.

PRESIDENTE FONTANA: UNA CONFERMA PER IL NOSTRO MODELLO – “La presenza del ministro – ha commentato il governatore Fontana – è un’ulteriore conferma dell’importanza del ‘sistema lombardo’. Una Lombardia che sta producendo numeri eccellenti. Qui c’è un modello che funziona e che si sviluppa nella collaborazione tra pubblico e privato. Il continuo confronto con il mondo produttivo caratterizza il nostro modo di lavorare. Guardiamo avanti con fiducia, pur in un contesto internazionale che continua a essere complicato”.

Le associazioni e i rappresentanti delle imprese all’unanimità hanno risposto con ‘soddisfazione’ alla proposta di incontro del ministro.

I TEMI SUL TAVOLO – Tra le istanze presentate dal sistema imprenditoriale, l’urgenza di sostenere l’accesso al credito in un contesto caratterizzato da una politica ‘rialzista’ della BCE in materia di tassi di interesse; la politica monetaria e i crediti di imposta; la riforma fiscale che porti ad un sistema semplificato e orientato alla crescita economica e alla stabilità sociale; le politiche di sviluppo dell’industria, del commercio, dell’artigianato e della cooperazione che tengano conto delle specifiche caratteristiche del nostro sistema imprenditoriale e la valorizzazione degli ecosistemi/filiere; l’autonomia differenziata come opportunità di valorizzazione delle chances della Lombardia di competere meglio con gli altri ‘motori d’Europa’ e il costante supporto ad investimenti capillari nell’economia circolare.

LA VOCE DELLE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA LOMBARDE – Conclusa la riunione, le associazioni e i rappresentanti del sistema lombardo hanno dichiarato quanto segue: “Apprezziamo la disponibilità del ministro Giorgetti che, con la sua presenza, ha confermato il ruolo strategico che riveste il ‘sistema lombardo’ nel contesto europeo e lo ringraziamo per l’impegno a portare avanti le istanze presentate. Altresì ringraziamo il presidente Fontana e l’assessore Guidesi che, anche con questa iniziativa, dimostrano la vicinanza al mondo economico e produttivo lombardo. Confermiamo inoltre la disponibilità a proseguire il dialogo costruttivo con tutte le istituzioni in quanto crediamo fondamentale il rapporto pubblico-privato, modello vincente per continuare a sostenere la competitività delle imprese e del tessuto sociale lombardo”.

I SOGGETTI COINVOLTI – Erano presenti rappresentanti di Confindustria Lombardia, Confapindustria Lombardia, Confimi Industria Lombardia, Confartigianato Lombardia, CNA Lombardia, CLAAI Lombardia, Casartigiani Lombardia, Confcommercio Lombardia, Confesercenti Lombardia, Federdistribuzione, Sistema Impresa, Legacoop Lombardia, Confcooperative Lombardia, AGCI Lombardia, ABI Lombardia, Confprofessioni Lombardia, Unioncamere Lombardia, ANCE Lombardia.