rassegna stampa estera

Le Monde, la guerra in Ucraina, colloqui sulla Siria 

Il Presidente russo Vladimir Putin ha incontrato martedì a Teheran i suoi omologhi iraniani e turchi in occasione di un vertice sulla Siria che è stato in realtà dedicato al conflitto in Ucraina. Nel tentativo di aggirare le sanzioni occidentali, Iran e Russia stanno cercando di rafforzare la loro cooperazione energetica e militare.

L’Iran ha steso il tappeto rosso per la visita del Presidente russo Vladimir Putin, accolto calorosamente all’aeroporto Mehrabad di Teheran martedì 19 luglio dal Ministro del Petrolio iraniano Javad Owji. La visita di Putin, la seconda all’estero dopo l’invasione dell’Ucraina, è una risposta al recente tour del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden in Israele e Arabia Saudita, durante il quale ha discusso della lotta all’Iran.

Le sanzioni dell’Occidente – il primo per le sue ambizioni nucleari, il secondo per la sua offensiva in Ucraina – l’Iran e la Russia stanno cercando di approfondire la loro intesa tenendo la Turchia nella loro scia.

Martedì – leggiamo su Le Monde – i tre leader di Russia, Vladimir Putin, Turchia, Recep Tayyip Erdogan e Iran, Ebrahim Raissi, si sono incontrati a Teheran per discutere della Siria, dove il trio è impegnato nel cosiddetto processo di “Astana” che dovrebbe aprire la strada a una soluzione del conflitto siriano. Ma la guerra in Ucraina ha conquistato il centro della scena.

È stata discussa la possibilità di esportare il grano ucraino bloccato dalla Russia, ma senza successo. Sebbene Putin abbia parlato di “progressi” sulla questione del grano ucraino, elogiando la mediazione turca, la sua posizione non è cambiata di una virgola. Continua a chiedere la revoca di parte delle sanzioni, soprattutto finanziarie, imposte dall’Occidente contro il suo Paese.

Le sue richieste potrebbero essere state ascoltate, dato che la Commissione Europea ha proposto agli Stati membri di sbloccare “alcuni fondi” dalle banche russe congelati a causa delle sanzioni per favorire la ripresa delle esportazioni russe di prodotti agricoli, tra cui grano e fertilizzanti. Nel mezzo di un confronto con il campo transatlantico, il padrone del Cremlino cerca il sostegno di Teheran, se non altro per dimostrare che il suo Paese non è isolato come sostiene l’Occidente.

Mosca vuole i droni

Il rapporto con Khamenei è molto importante“, ha dichiarato Yuri Ushakov, consigliere diplomatico del Presidente russo prima del suo incontro con Ali Khamenei, la Guida Suprema iraniana. Le posizioni dei due Paesi sulle questioni più importanti sono “vicine o identiche“, ha dichiarato. Entrambi sono i principali sostenitori del regime siriano. Mosca, che ha dovuto ridurre la sua presenza sul campo siriano a causa dell’offensiva nel Donbass, conta sulle milizie sciite iraniane per continuare a sostenere militarmente Bashar Al-Assad.

Concentrandosi sull’Ucraina, la Russia sta cercando, dietro le quinte, di acquisire centinaia di droni da combattimento dall’Iran da utilizzare nella sua guerra contro l’esercito ucraino, cosa che Teheran e Mosca negano.

Eppure, a giugno, funzionari russi hanno visitato due volte l’aeroporto di Kachan, a sud della capitale iraniana, dove hanno familiarizzato con tipi di droni (Shahed-191 e Shahed-129) in grado di trasportare missili a guida precisa, come ha riferito di recente Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale del Presidente degli Stati Uniti. I droni da guida e da combattimento sono molto carenti nell’esercito russo. “Non produciamo droni da un giorno all’altro“, ha ammesso Yuri Borissov, allora vice primo ministro responsabile degli armamenti, il 14 giugno.

Il vertice ha visto ogni partito avanzare le proprie pedine. L’Iran ha annunciato in pompa magna la firma di un memorandum d’intesa del valore di 40 miliardi di dollari (39 miliardi di euro) tra il gigante russo del gas Gazprom e la National Oil Company iraniana (NIOC). Secondo l’agenzia iraniana Shana, Gazprom propone di aiutare l’Iran a sviluppare diversi giacimenti di petrolio e gas e promette di partecipare a progetti di modernizzazione delle infrastrutture energetiche.

Il sostegno dell’Iran alla guerra in Ucraina

I leader iraniani hanno interesse ad avvicinarsi a Mosca in un momento in cui sta nascendo un’alleanza tra Israele e gli Stati del Golfo, sponsorizzata da Washington. Ricevendo martedì Vladimir Putin, Ali Khamenei ha giustificato l’invasione dell’Ucraina, affermando che se il Cremlino “non avesse preso l’iniziativa, la controparte avrebbe provocato una guerra“. La Guida Suprema ha poi suggerito di “ritirare gradualmente il dollaro USA dal commercio mondiale“, un’idea cara al presidente russo, che è fermamente favorevole all’utilizzo delle valute nazionali piuttosto che del dollaro negli scambi con i suoi alleati.

Il pagamento delle importazioni energetiche russe in valute diverse dal dollaro è di grande interesse per il Presidente Erdogan, che ha sollevato l’argomento durante l’incontro faccia a faccia con il suo omologo russo.

Si dice che la Turchia, che dipende dalla Russia per il consumo di gas e petrolio, d’ora in poi pagherà i suoi acquisti in lire turche, il che dovrebbe consentire al governo di Ankara, alle prese con una grave crisi valutaria, con la lira turca che ha perso il 60% del suo valore rispetto al biglietto verde negli ultimi due anni, di arrestare il drastico calo delle riserve valutarie della banca centrale.

Soprattutto, il vertice è stato l’occasione per Erdogan di cercare di convincere i suoi partner della validità dell’operazione militare che intende lanciare nel nord della Siria per cacciare i curdi siriani, descritti da Ankara come “terroristi” affiliati al Partito autonomista dei lavoratori del Kurdistan (PKK).

Il suo obiettivo è estendere la “zona di sicurezza” profonda trenta chilometri conquistata dal suo esercito e dai suoi ausiliari siriani nel corso dei precedenti interventi (2016, 2018, 2019) per insediarvi un milione di rifugiati siriani dei 3,7 milioni attualmente ospitati in Turchia.

Opposizione sulla questione curda

Le città di Tall Rifaat e Manbij, controllate dall’YPG curdo siriano nel nord-ovest della Siria, sono annunciate come i principali obiettivi della futura operazione. I preparativi proseguono: negli ultimi giorni Ankara ha rafforzato le sue forze e i suoi equipaggiamenti nelle aree sotto il suo controllo nel nord della Siria.

Mosca e Teheran si oppongono a questa operazione. Ali Khamenei ha avvertito martedì Recep Tayyip Erdogan che un attacco alla Siria “danneggerà la regione e favorirà i terroristi“. L’Iran si oppone anche alla campagna militare in corso della Turchia contro il PKK nel nord dell’Iraq.

Anche la Russia non è favorevole. I curdi siriani, descritti da Erdogan come una minaccia per la sicurezza del Paese, hanno relazioni cordiali con il governo russo, che ha permesso loro di aprire una rappresentanza a Mosca.

Agli occhi dei russi, la minaccia proviene piuttosto dai combattenti jihadisti che controllano la sacca ribelle di Idlib con il sostegno dell’esercito turco schierato lì. Prima del vertice, il Cremlino aveva detto che le misure per sradicare il “nido del terrorismo internazionale” a Idlib sarebbero state discusse con urgenza.

In una dichiarazione congiunta rilasciata dopo l’incontro, Teheran, Ankara e Mosca si sono impegnate a continuare la loro cooperazione per “eliminare i terroristi” in Siria. Tuttavia, Erdogan non sembra aver rinunciato al suo progetto offensivo, poiché ha dichiarato di voler continuare le operazioni militari contro i curdi siriani “presto“, senza bisogno dell’approvazione di nessuno.

El Paìs: l’UE riprende l’allargamento nei Balcani 

L’UE-27 raggiunge l’unanimità necessaria dopo un accordo che costringe Skopje a modificare la propria costituzione per un conflitto identitario e culturale con la Bulgaria.

La parola “storico” è stata ripetuta più volte a Bruxelles martedì, in occasione dell’apertura dei negoziati di adesione all’UE con l’Albania e la Macedonia del Nord, due Paesi parcheggiati per anni nell’anticamera del club senza nemmeno avere la possibilità di dimostrare le proprie credenziali di adesione. L’UE – scrivono i giornalisti di El Pais – ha finalmente raggiunto l’unanimità necessaria per avviare il processo dopo che la Bulgaria ha risolto le ultime divergenze con la Macedonia del Nord. L’UE spera che i negoziati con entrambi i candidati diano un impulso all’allargamento nei Balcani occidentali, un’area sensibile e vulnerabile, soprattutto nel contesto della guerra contro l’Ucraina.

Siamo davvero a un crocevia della storia e stiamo assistendo a cambiamenti nel nostro scenario geostrategico, di cui voi fate parte“, ha dichiarato il vicepresidente della Commissione europea e Alto rappresentante dell’UE per la politica estera Josep Borrell all’inizio delle conferenze intergovernative che hanno segnato l’apertura dei negoziati con Skopje e Tirana. “Possiamo andare avanti solo insieme, integrando i Balcani occidentali nell’UE. Senza i vostri Paesi non saremo completi“, ha aggiunto. La Macedonia del Nord è stata riconosciuta come candidato ufficiale all’adesione nel 2005 e l’Albania nel 2014, ma l’apertura dei negoziati (la prima in otto anni) è avvenuta solo martedì.

Alle conferenze intergovernative hanno partecipato il primo ministro macedone Dimitar Kovacevski e il primo ministro albanese Edi Rama. La delegazione europea era guidata da Jan Lipavsky, ministro degli Esteri della Repubblica Ceca, Paese che detiene la presidenza del Consiglio dell’UE per questo semestre. Le conferenze stampa che ne sono seguite sono state molto più tranquille rispetto al vertice dell’UE con i Balcani di fine giugno, quando Kovacevski, Rama e il presidente serbo Aleksandar Vucic si sono scagliati contro i partner europei e, soprattutto, contro la Bulgaria, che si è rifiutata di aprire i negoziati a causa di un conflitto identitario e linguistico con la Macedonia del Nord.

Mediazione francese

La controversia è stata risolta grazie alla mediazione della Francia, che ha detenuto la presidenza dell’UE negli ultimi sei mesi. Sofia ha tolto il piede dal freno in cambio di una nuova modifica della costituzione da parte di Skopje. Questa volta, per includere l’etnia bulgara (circa 3.500 in un Paese di 1,8 milioni di abitanti) tra i gruppi costitutivi riconosciuti dello Stato. Verrà inoltre rivisto il resoconto del libro di testo sull’occupazione da parte della Bulgaria (alleata dei nazisti) dell’attuale Macedonia del Nord durante la Seconda guerra mondiale.

Uno dei problemi dell’accordo di Parigi è che ha un punto di partenza. I negoziati inizieranno solo dopo l’approvazione dell’emendamento costituzionale, che richiede il sostegno dei due terzi dei parlamentari. Una maggioranza che il governo socialdemocratico non ha. Sta prendendo piede anche un’iniziativa per sottoporre l’accordo a referendum.

La sensazione generale tra i candidati balcanici all’adesione all’UE è che la mancanza di volontà politica li condanni a procedere a passo di lumaca. In otto anni di negoziati, la Serbia ha chiuso appena due dei 35 capitoli dell’acquis comunitario e il Montenegro tre. Ma il caso di Skopje è un percorso ad ostacoli particolare.

L’ex Repubblica jugoslava di Macedonia, allora denominata provvisoriamente, ha presentato domanda nel 2004 e ha ottenuto lo status di candidato un anno dopo. La Grecia ne ha bloccato l’ingresso fino a quando gli allora primi ministri Zoran Zaev e Alexis Tsipras hanno firmato uno storico accordo sulle rive del confinante lago Prespa nel 2018, ponendo fine a 27 anni di conflitto sul nome del Paese. Zaev ha messo in gioco il suo lavoro per far passare una riforma costituzionale che ha rinominato il Paese Repubblica di Macedonia del Nord.

Si è poi scontrato con il presidente francese Emmanuel Macron, che ha finito per imporre un inasprimento dei criteri di adesione. Una volta risolti i dubbi di Parigi, Skopje si trovò con un nuovo ostacolo da saltare: Sofia esercitava un veto a causa delle differenze sulle radici bulgare della nazione e della lingua macedone prima della sua creazione nel 1944 come repubblica all’interno dell’ormai defunta Jugoslavia socialista di Tito.

Non è un caso che uno Stato membro approfitti della sua appartenenza all’UE per usare la sua posizione di forza per affrontare conflitti bilaterali con un Paese – di solito confinante – che aspira all’adesione all’UE. La Francia l’ha fatto con la Spagna per la questione agricola negli anni ’80, e la Slovenia l’ha fatto nel 2009, quando ha bloccato il primo tentativo della Croazia di entrare nell’UE per la disputa territoriale ancora in corso sulla baia di Pirano. Alla fine Zagabria è diventata l’ultimo Paese ad aderire all’UE nel 2013, quando lo spirito di allargamento cominciava a scemare.

La novità di questo caso è che “per la prima volta in un processo di adesione l’UE ha sostenuto le richieste di identità di un Paese candidato (la Bulgaria) da parte di uno Stato membro e le ha integrate nei criteri di adesione“, sostiene in un’e-mail Malinka Jordanova, analista ed ex direttrice dell’Istituto di politica europea di Skopje specializzata nel processo di adesione.

La proposta francese non è un accordo di compromesso, ma un ricatto edulcorato“, afferma Jordanova, che si rammarica del fatto che il patto abbia “aumentato la divisione e la crisi” nel Paese e “scoraggiato gli attori più pro-europei“, sia nella Macedonia del Nord che nel resto dei Balcani che non appartengono all’UE: Serbia, Montenegro, Albania, Bosnia e Kosovo, che è riconosciuto come Stato da tutti i Paesi dell’UE tranne cinque, tra cui la Spagna.

Il segnale di avvio dei negoziati è stato accolto in modo diverso nei due Paesi. L’Albania – che era stata tenuta in ostaggio dal veto bulgaro e stava considerando di ritirarsi e di avviare i negoziati da sola – tira un sospiro di sollievo, anche se è consapevole che l’adesione effettiva è ancora lontana molti anni, se mai avverrà. Nella Macedonia del Nord, invece, le reazioni vanno dall’indignazione alla rassegnazione. Nelle ultime settimane Skopje è stata teatro di manifestazioni contro il patto e la seduta in cui è stato approvato (con 68 sì su 120 deputati) è stata molto turbolenta, con urla, striscioni come “Ultimatum, no grazie” e persino un deputato con una vuvuzela. I deputati del partito nazionalista di opposizione Organizzazione Rivoluzionaria Macedone Interna-Partito Democratico di Unità Nazionale Macedonia si sono assentati dal voto.

Consapevole di ciò, il Commissario europeo per il vicinato e l’allargamento Olivér Várhelyi ha avvertito Kovacevski durante la conferenza stampa di martedì che tutte le parti, compresa la società civile, dovranno essere coinvolte. “Abbiamo bisogno che tutti nella Macedonia del Nord lavorino per il Paese e per l’adesione all’UE“, ha detto.

Várhelyi ha rivolto una richiesta simile a Rama. Ha ricordato a entrambi i leader che il consenso nazionale è una conditio sine qua non per un negoziato che trasformerà i loro Paesi man mano che procede. In cambio, ha promesso, le riforme intraprese per conformarsi al diritto dell’UE avranno “un impatto enorme e positivo sulla società, sull’economia e porteranno benefici immediati ai cittadini“.

I due Paesi attendono da anni questo passo verso l’adesione al club dei 27, due dei quali – Slovenia e Croazia – facevano precedentemente parte della Jugoslavia, così come la Macedonia settentrionale.

L’impazienza dei Paesi balcanici è stata stimolata dall’Ucraina, un Paese che ha presentato domanda di adesione dopo l’invasione russa del 24 febbraio e che in soli tre mesi è stato riconosciuto come candidato insieme alla Moldavia. L’interesse dell’UE a completare la sua mappa è stato accresciuto anche dal rischio di destabilizzazione dell’area da parte del presidente russo Vladimir Putin, grazie soprattutto alle sue buone relazioni con la Serbia e l’entità serba della Bosnia-Erzegovina, la Republika Srpska.

 

The Economist, America stanca della guerra in Ucraina?

Il Presidente Joe Biden si impegna a sostenere l’Ucraina “fino a quando sarà necessario”. Finora la sua amministrazione ha speso circa 8 miliardi di dollari solo per gli aiuti militari. A maggio, il Congresso ha approvato un bilancio supplementare di 40 miliardi di dollari – più di quanto richiesto da Biden e più dei bilanci annuali della difesa della maggior parte degli alleati europei – per assistere l’Ucraina e affrontare le conseguenze globali della guerra.
Ma a quasi sei mesi dall’inizio della battaglia, con la prospettiva di una lunga guerra a venire, anche gli alleati più stretti di Biden si chiedono se l’America possa presto stancarsi di questo onere. Il Presidente è più impopolare persino di Donald Trump a questo punto della sua presidenza. L’inflazione e i prezzi elevati del carburante stanno indebolendo la capacità di spesa degli americani. E i repubblicani sono destinati a ottenere importanti risultati nelle elezioni di metà mandato di novembre: si prevede che prenderanno il controllo della Camera dei Rappresentanti e forse anche del Senato – scrive The Economist.

Chris Coons, senatore democratico e stretto alleato di Biden – talvolta definito il “segretario di Stato ombra” del Presidente – ha recentemente scritto un commento in cui elogia la dimostrazione di unità della NATO al vertice di Madrid del mese scorso. Ha aggiunto: “Sono preoccupato per l’impegno del popolo americano e dei suoi leader eletti a mantenere la rotta mentre l’invasione continua”. Vladimir Putin, leader russo, “conta sul fatto che l’Occidente perda la concentrazione”, ha dichiarato all’Economist il 14 luglio.

Gli aiuti all’Ucraina sono destinati a durare fino alla fine dell’anno fiscale, il 30 settembre, ma nessuno è sicuro di quando i soldi finiranno. Pochi al Congresso pensano che un altro grande pacchetto per l’Ucraina possa essere approvato prima delle elezioni di metà mandato, e molti sostengono che potrebbe rimanere difficile anche dopo. “Sarà una battaglia in salita”, dice un membro repubblicano del Senato. “La strategia adottata l’ultima volta non è più sufficiente, perché la guerra è cambiata radicalmente e la situazione interna è diversa”.

Data l’acuta polarizzazione del Paese, forse non sorprende che i repubblicani siano scettici nei confronti di una guerra per procura condotta da un’amministrazione democratica. Gli americani sono complessivamente meno disposti a pagare un prezzo economico per sostenere l’Ucraina di quanto non lo fossero all’inizio della guerra a marzo. Ma un recente sondaggio dell’Università del Maryland ha rilevato che anche il divario tra democratici e repubblicani si sta allargando. Tra i democratici, il 78% accetterebbe un aumento del costo del carburante e il 72% sopporterebbe una maggiore inflazione per aiutare l’Ucraina; tra i repubblicani solo il 44% e il 39% rispettivamente lo farebbe.

Gli assistenti del Congresso affermano che tre fattori possono influenzare il sostegno all’Ucraina. Il primo è l’assetto del Congresso dopo le elezioni di metà mandato. Se i repubblicani riconquisteranno una o entrambe le camere, quale fazione del partito avrà il sopravvento? Quella dell’establishment, come Mitch McConnell, il leader della minoranza del Senato che a maggio ha portato i suoi colleghi più anziani a Kiev per incontrare il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky? O i devoti di Trump e del suo maga (“Make America Great Again”) nativismo?

Trump tiene ancora in pugno gran parte del suo partito. Ha denunciato l’ultimo pacchetto di aiuti all’Ucraina, dicendo: “I democratici stanno inviando altri 40 miliardi di dollari all’Ucraina, mentre i genitori americani faticano persino a sfamare i propri figli”. La sua base potrebbe essere energizzata se, nelle prossime settimane, annunciasse la sua intenzione di ricandidarsi alla presidenza nel 2024. Nel frattempo, problemi inaspettati sono arrivati da Victoria Spartz, una repubblicana di origine ucraina che in passato aveva esortato Biden ad agire in modo più deciso in Ucraina, ma che di recente ha iniziato ad accusare di corruzione alcuni collaboratori di Zelensky.

“Il fatto è che se i repubblicani prenderanno il controllo della Camera nel 2022 il nostro sostegno all’Ucraina si fermerà”, ha twittato Ruben Gallego, un democratico della Camera. I leader repubblicani, ha previsto, non saranno in grado di impedire ai trumpisti come Marjorie Taylor Greene e Matt Gaetz “di dettare la nostra politica sull’Ucraina”. Gaetz ha risposto: “Ruben ha ragione”.

Queste vanterie equivalgono a un “wish-casting”, sostiene Eric Edelman, ex alto funzionario del Pentagono sotto George W. Bush. I discepoli di Maga sono ancora una minoranza tra i repubblicani del Congresso ma, teme, potrebbero aumentare dopo le elezioni di metà mandato. Se questi ultimi costituiranno una quota maggiore dei repubblicani alla Camera, dove hanno origine le proposte di legge sulla spesa, e soprattutto se deterranno l’equilibrio di potere, sarà più difficile fornire maggiori aiuti all’Ucraina. Kevin McCarthy, il leader repubblicano della Camera, considera Zelensky un “moderno Winston Churchill”. Ma pochi si aspettano che opponga molta resistenza alla destra trumpiana. La pressione sul Senato (sia esso controllato dai democratici o dai repubblicani di McConnell) aumenterà per domare gli eccessi del Maga-World. La questione dell’Ucraina, dice Edelman, “è un surrogato della più ampia battaglia per l’anima del Partito Repubblicano”.

Un secondo fattore è la misura in cui gli alleati sono disposti a continuare ad aiutare l’Ucraina ad affrontare la Russia. “Quanto stanno facendo i nostri partner europei? È letteralmente la prima domanda che mi viene rivolta”, afferma Coons. Per la maggior parte degli americani, osserva, l’Ucraina è “a mezzo mondo di distanza”. I Paesi europei sono più vicini alla minaccia militare della Russia e anche più vulnerabili al pericolo di un’escalation, alla perdita delle forniture energetiche russe e al flusso di rifugiati.

Forse la considerazione più importante è il terzo fattore: i progressi sul campo di battaglia. Se l’amministrazione Biden riuscirà a dimostrare che l’Ucraina sta guadagnando terreno, invece di rimanere impantanata in un’altra “guerra per sempre”, sarà più facile raccogliere il sostegno per il Paese. Ma un conflitto prolungato sembra fin troppo probabile. Negli ultimi tempi, l’Ucraina ha avuto successo nell’uso di lanciamissili guidati himar, forniti dagli Stati Uniti, per colpire i posti di comando e i depositi di munizioni dietro le linee del fronte russo. Ma le forze ucraine sono ancora pesantemente superate e sulla difensiva, se non addirittura in ritirata.

L’obiettivo di Biden nella guerra non è chiaro. La sua amministrazione ha smesso di parlare di aiutare l’Ucraina a “vincere” e parla invece di impedire che venga sconfitta. Sta consegnando gli Himar in piccoli pacchetti di quattro lanciatori alla volta. (Ma la preoccupazione principale di Biden è quella di evitare un conflitto diretto tra la NATO e una Russia dotata di armi nucleari. L’America ha chiesto garanzie che le munizioni gmlrs a 84 km di gittata fornite con gli Himars non saranno sparate contro il territorio russo; finora si è rifiutata di fornire le munizioni atacms, che hanno una gittata di circa 300 km.

Per alcuni la guerra non è vincibile. L’amministrazione Biden dovrebbe affrettarsi a trovare un accordo diplomatico. Ma per i sostenitori dell’Ucraina, democratici o repubblicani, la risposta è che Biden deve affrettarsi e vincere: dare all’Ucraina più aiuti militari, farlo più velocemente e accettare più rischi. Edelman ha lanciato un avvertimento alla squadra di Biden: “Se pensano che lo stallo sia la risposta, o anche se non stanno intenzionalmente giocando per uno stallo, perderanno sul campo di battaglia e perderanno la battaglia per l’opinione pubblica in patria”.

Financial Times, il caldo mette a dura prova il sistema energetico 

Temperature da record alimentano la domanda e colpiscono la produzione di elettricità da nucleare, idroelettrico e carbone

L’ondata di caldo torrido che ha colpito l’Europa sta mettendo a dura prova il sistema energetico del continente, facendo salire i prezzi dell’energia elettrica e aumentando il rischio di gravi carenze nelle forniture di gas per l’inverno. Scrive il Financial Times.

Le temperature record di quest’estate hanno fatto aumentare la domanda di energia per il raffreddamento e hanno colpito la produzione di elettricità da fonti nucleari, idroelettriche e a carbone, in un momento in cui l’Europa sta cercando di ridurre la sua dipendenza dal gas russo.

“La speranza era che l’estate potesse dare un po’ di respiro al mercato energetico europeo”, ha dichiarato Fabian Ronningen, analista della società di consulenza Rystad. “Ma questa ondata di caldo si aggiungerà alla crisi più avanti e si preannuncia negativa per l’inverno. Si avvicina al nostro scenario peggiore”.

Temperature estremamente elevate, che hanno alimentato pericolosi incendi in Spagna, Portogallo, Francia e altrove, sono state registrate in tutto il continente mentre il Met Office britannico ha emesso il suo primo “allarme rosso” per il caldo estremo.

Questo ha contribuito a far aumentare la domanda di energia, in quanto i consumatori accendono i condizionatori d’aria, ha limitato la produzione di energia nucleare in Francia e Svizzera perché l’acqua dei fiumi è diventata troppo calda e ha ridotto la produzione di energia idroelettrica a causa della siccità.

L’interruzione della fornitura di energia elettrica causata dalle ondate di calore – che, secondo gli scienziati, stanno diventando sempre più frequenti e intense a causa dei cambiamenti climatici – ha alimentato il rally da record dei prezzi dell’energia elettrica in alcune parti d’Europa, anche se i prezzi del gas sono diminuiti negli ultimi giorni.

In Francia, l’energia elettrica da consegnare il giorno successivo è salita del 23%, raggiungendo martedì il massimo storico di 640 euro per megawattora, mentre l’ondata di caldo ha esacerbato i problemi della flotta nucleare del Paese, assediata da problemi di manutenzione. Prima dello scorso inverno, i prezzi superavano raramente i 100 euro per megawattora.

L’acqua dei fiumi viene utilizzata per raffreddare i reattori nucleari francesi e l’acqua riscaldata viene scaricata nuovamente nei fiumi. Tuttavia, le temperature stanno raggiungendo una soglia regolamentare volta a impedire che lo scarico dell’acqua riscaldata danneggi l’ambiente locale.

Questo mese l’autorità di regolamentazione francese ha derogato ai requisiti di quattro impianti gestiti da EDF – che lo Stato si sta muovendo per nazionalizzare completamente – “per garantire la sicurezza della rete elettrica” e consentire agli impianti di continuare a funzionare.

“È molto insolito alzare questi limiti” e la mossa dimostra “quanto siano disperate” le autorità francesi, ha dichiarato Reinhard Uhrig di Friends of the Earth Austria.

Di conseguenza, la Francia, di solito il più grande esportatore di energia in Europa, sta importando elettricità dal Regno Unito e da altri Paesi, tra cui la Spagna, per colmare il divario.

William Peck, analista del mercato energetico dell’UE presso ICIS, un gruppo di analisi dell’energia, ha dichiarato che i prezzi all’ingrosso dell’elettricità in Francia e Germania sono in procinto di raggiungere i livelli settimanali e mensili più alti dalla liberalizzazione del mercato alla fine degli anni ’90, anche dopo aver aggiustato l’inflazione.

Altrove, le alte temperature e le scarse precipitazioni in Germania hanno portato il fiume Reno al livello più basso di luglio in oltre un decennio. Questo ha limitato la fornitura di carbone alle centrali elettriche e minaccia di ripetere la siccità del 2018 che ha interrotto i trasporti e colpito l’economia del Paese.

Uwe Kiwitt, un capitano di nave che trasporta carburante ai siti lungo il Reno, ha detto che l’ondata di caldo ha complicato le sue consegne.

“Con l’abbassamento del livello dell’acqua, il calcolo della quantità trasportabile diventa sempre più difficile”, ha detto il dipendente della HGK Shipping, una compagnia di navigazione interna. “Ogni tonnellata che possiamo portare con noi è importante”.

Le ulteriori pressioni sulla rete energetica si aggiungono alla sfida per l’Europa di riempire i propri depositi di gas prima dell’inverno, mentre regna l’incertezza sulla possibilità che la Russia riprenda i flussi lungo il gasdotto Nord Stream 1 verso la Germania, che sono stati sospesi.

Anche la generazione di energia da fonti rinnovabili è diminuita, poiché l’alta pressione nelle calde giornate estive genera meno vento. Anche gli impianti a gas e quelli solari diventano meno efficienti con il caldo e la produzione di energia idroelettrica diminuisce con il prosciugamento dei bacini.

La produzione di energia idroelettrica in Francia è stata di 2,3 gigawatt domenica, rispetto alla media dello stesso giorno di 4,1GW negli ultimi sette anni, secondo RTE, l’operatore di trasmissione francese.

L’Europa non è l’unica a dover affrontare un clima caldo che ha messo sotto pressione le forniture energetiche. Le ondate di calore in Cina hanno fatto sì che le centrali elettriche bruciassero più carbone, facendo lievitare i prezzi già record di sempre. Secondo le previsioni di S&P Global Commodity Insights, gli Stati Uniti dovranno ricorrere a livelli elevati di produzione di energia elettrica da gas per rimanere al fresco durante l’ondata di caldo che sta colpendo il Texas e altri Stati.

Mentre il caldo è un problema per l’Europa, i dirigenti del settore energetico sperano che il clima mite venga in soccorso durante l’inverno per aiutare a tenere sotto controllo la domanda.

“Il clima sarà più importante di qualsiasi altra cosa quest’inverno”, ha dichiarato Marco Alverà, ex amministratore delegato di Snam, l’operatore italiano di gasdotti. “Dobbiamo incrociare le dita e sperare che sia un inverno caldo”.