private equity

Continua la crescita di Portolano Cavallo nel private equity. Dopo aver annunciato l’ingresso del socio Andrea Gritti a marzo, arriva in Portolano Cavallo Gianpaolo Scandone in qualità di socio e co-responsabile della practice private equity. Gianpaolo proviene da Gatti Pavesi Bianchi Ludovici, Studio in cui è entrato nel 2017 come junior partner e di cui è diventato partner nel 2022, dopo le precedenti esperienze in Bonelli Erede e Cleary Gottlieb.

Nel 2011, Gianpaolo ha conseguito un LL.M (Master in Legge) alla Columbia University di New York. Con oltre 15 anni di esperienza, ha fornito assistenza a importanti fondi di investimento italiani e internazionali in una vasta gamma di operazioni, tra cui fusioni e acquisizioni, finanza straordinaria e questioni di diritto societario. La sua esperienza nel campo del private equity copre tutti gli aspetti delle operazioni di investimento e disinvestimento, inclusi leveraged buyout, management buyout, strutture buy-and-build e add-on, investimenti di minoranza, ricapitalizzazioni e complesse strutture di reinvestimento.

LEGGI ANCHE: Portolano Cavallo punta sul private equity. Entra Gritti

Una grande esperienza nel private equity

Ha inoltre maturato un ampio track record in complesse operazioni di public M&A ed equity capital markets (incluse offerte pubbliche d’acquisto, IPOs e aumenti di capitale di società quotate). Gianpaolo ha negli anni lavorato anche su numerose operazioni nei settori Digital, Media & Technology e Life Sciences-Healtcare, ambiti in cui Portolano Cavallo è leader.

“Nei mesi scorsi avevamo annunciato un investimento importante nella practice Private Equity, come conferma l’ingresso di Gianpaolo Scandone – commenta Manuela Cavallo, partner di Portolano Cavallo – L’arrivo di Gianpaolo e Andrea è il primo tassello della nostra strategia che mira a essere riconosciuti come lo studio legale di riferimento per le operazioni di private equity nei settori Digital, Media & Technology e Life Sciences-Healthcare, comparti che da soli hanno rappresentato ben il 30% del totale delle operazioni in Italia nel 2022 e il 40% nel 2021, nonché della Digital Transformation. La combinazione di leadership in questi settori industriali, competenze full-service ed esperienza ai massimi livelli nel private equity costituiscono un’offerta unica nel mercato legale in Italia.”

LEGGI ANCHE: Family office: l’asset allocation è a un punto di svolta

“Sono entusiasta di entrare a far parte di Portolano Cavallo e fortemente convinto sia del potenziale dello Studio sia del progetto di crescita in atto – dichiara Gianpaolo Scandone – che perseguiremo facendo leva innanzitutto sulle forti sinergie tra la nuova practice di private equity e le practice in cui lo studio è già leader indiscusso. È un onore per me guidare lo sviluppo del Private Equity assieme ad Andrea Gritti, un professionista di grande esperienza e qualità, che conosco da anni e stimo molto. Insieme lavoreremo con determinazione con l’obiettivo di rendere lo studio un punto di riferimento per i clienti del mondo private equity.” Portolano Cavallo Portolano Cavallo è leader in Italia nei settori Digital, Media & Technology, Life Sciences-Healthcare e Digital Transformation. In questi ambiti, lo studio possiede competenze di alto livello in tutte le practice necessarie nelle operazioni di private equity: societario, regolamentare e amministrativo, IP (inclusi i brevetti), protezione dei dati e cybersecurity, antitrust e Golden Power, compliance, lavoro e altro ancora.