Controlli benzina

Un giro di vite   nei controlli sulla benzina da parte dell’Autorità Garante del Mercato e della Concorrenza, che ha messo nel mirino le principali compagnie. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con l’ausilio del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, ha svolto ispezioni nelle sedi delle società Eni Spa, Esso Italiana Srl, Italiana Petroli Spa, Kuwait Petroleum Italia Spa e Tamoil Italia Spa.

Un’azione in collaborazione con la Guardia di Finanza

I procedimenti sono stati avviati anche sulla base della documentazione fornita dalla Guardia di Finanza in merito alle infrazioni accertate sui prezzi dei carburanti praticati da oltre mille pompe di benzina (marchio ENI 376, marchio ESSO 40, marchio IP 383, marchio Kuwait 175, marchio TAMOIL 48) su tutto il territorio nazionale. Dai documenti delle Fiamme Gialle emergono da parte delle compagnie petrolifere condotte riconducibili alla omessa diligenza sui controlli rispetto alla rete dei distributori. Secondo gli uomini della Guardia di Finanza è stato violato l’articolo 20 del codice di consumo.

Ok il prezzo (pubblicizzato) è sbagliato 

In numerosi casi è risultata difformità tra il prezzo pubblicizzato e quello più alto in realtà applicato; in altri è stata riscontrata l’omessa esposizione del prezzo praticato, ovvero l’omessa comunicazione al portale “Osservaprezzi Carburanti”, utile al consumatore per trovare la pompa con il prezzo più basso. In particolare, Eni, Esso, IP, Kuwait Petroleum Italia e Tamoil non avrebbero adottato misure o iniziative idonee a prevenire e a contrastare queste condotte illecite a danno dei consumatori.

LEGGI ANCHE: Governo a rischio-benzina e Giorgia fa retromarcia

La stretta in accordo con il governo 

Nei giorni scorsi lo stato maggiore della Guardia di Finanza ha incontrato il presidente del consiglio Giorgia Meloni e il ministro dell’Economia e delle Finanze Giancarlo Giorgetti. L’incontro ha fornito l’occasione per predisporre un piano di maggiori controlli da parte delle Fiamme Gialle in merito ai prezzi della benzina, che negli ultimi mesi sono cresciuti in modo vertiginoso.

LEGGI ANCHE: Eni lancia un green bond dedicato agli italiani