La prima edizione del Premio Innovazione Sicilia ha chiuso i battenti con una celebrazione di talento e idee rivoluzionarie. L’evento, che ha avuto luogo all’Ecomuseo Urbano Mare Memoria Viva di Palermo, alla presenza del governatore siciliano Renato Schifani, ha rappresentato una vetrina per oltre 200 candidature e altrettante proposte imprenditoriali, tutte pronte a tracciare il futuro dell’innovazione nella regione.

Premio Innovazione Sicilia, i vincitori

Il premio “Innovatore dell’anno” è stato conferito a Pasqualino Monti, presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mare di Sicilia Occidentale. Monti, nel ritirare il premio, ha dichiarato: «Se fare innovazione significa essere un sovversivo, allora lo sono. Bisogna crederci, avere fiducia e non abbandonarsi alla rassegnazione».

Nel pomeriggio della giornata conclusiva, i riflettori si sono accesi sui tre vincitori principali. La startup catanese Letss si è aggiudicata il primo posto con “Guardian – Safely Around”, un’app dedicata al potenziamento della sicurezza personale nelle aree urbane. Antonino Leonardi, rappresentante di Letss, ha esaltato le caratteristiche innovative dell’app, che crea una rete di sicurezza tra gli utenti, contribuendo alla sicurezza generale attraverso feedback in tempo reale.

Il secondo posto è andato a Arianna Campione con il progetto “Kymia”, focalizzato sull’utilizzo rivoluzionario degli scarti del pistacchio. Campione si propone di trasformare il mallo, spesso considerato rifiuto, in estratti naturali per il benessere, contribuendo così alla sostenibilità e al recupero delle risorse.

La terza posizione è stata conquistata da Giuseppe Genova con “Easy-G”, un dispositivo biomedico indossabile che monitora continuamente il segnale elettrocardiografico (ECG). Il progetto offre un’alternativa comoda e accessibile ai dispositivi tradizionali, riducendo il carico di lavoro del sistema sanitario nazionale.

Menzioni d’Onore e progetti all’avanguardia

Il Premio Innovazione Sicilia ha inoltre assegnato menzioni speciali in diverse categorie. Tra queste, “Teccà” di Valentina Giorgio ha ricevuto la Menzione del Board di Valutazione, mentre “Park Friend” si è aggiudicato la Menzione Speciale Digitrend. Il Premio dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia è stato consegnato a “EcosMed – Polo Olivettiano di Roccavaldina” di Marco Giunta.

Le Menzioni del Comitato Tecnico Scientifico hanno riconosciuto progetti all’avanguardia, tra cui “Stanza del Mare” di Riccardo Cingillo per le Nuove Tecnologie, “SoundsOfThings” di Germano Marano per gli Angoli del Futuro, “Mamaseeds” di Alessia Montani per l’Imprenditorialità Femminile, “ESG MES – Sustainability Score” di Alberto Baesso per la sostenibilità, e “BoxGelina” di Pietro Di Noto per l’Innovatività Artigianale.

InnovationIsland.it: il giornale dell’innovazione siciliana

In concomitanza con l’evento, è stato lanciato “InnovationIsland.it“, il giornale dedicato all’innovazione siciliana. Diretto da Antonio Giordano ed edito da Digitrend, il portale mira a collegare le isole dell’innovazione, rappresentate non solo dalle scoperte rivoluzionarie, ma anche dai nuovi approcci al lavoro e alle sfide quotidiane. «Siamo come una barca che naviga nel mare chiamato innovazione che finora, però, ha avuto pochi collegamenti – ha dichiarato Giordano – Invitiamo tutti a bordo».

La prima edizione del Premio Innovazione ha evidenziato insomma un panorama interessante nella Sicilia che innova. Tra progetti all’avanguardia e talenti emergenti, la regione si conferma ancora una volta terreno fertile per l’evoluzione e il cambiamento.