avanzo di stato

L’emissione di Btp Green del 2021 ha vinto il premio ‘Sovereign Green Market Pioneer’ assegnato dall’organizzazione internazionale Climate Bonds Initiative. Si tratta di un riconoscimento al lavoro svolto e ai risultati raggiunti da istituzioni finanziarie e governative che si sono distinte nel settore della finanza sostenibile e nella lotta al cambiamento climatico.

La finanza supporta la transizione ecologica

Btp Green sono i nuovi Titoli di Stato italiani connessi al mondo della finanza sostenibile, i cui proventi sono destinati al finanziamento delle spese sostenute dallo Stato con positivo impatto ambientale per supportare la transizione ecologica del Paese.

Si tratta di titoli a medio-lungo termine e presentano le medesime caratteristiche degli altri Buoni del Tesoro Poliennali: garantiscono un reddito fisso stabilito dalla cedola, pagata semestralmente, ed il rimborso del valore nominale alla scadenza. Il primo BTP Green, emesso dal Tesoro Italiano il 3 marzo 2021, ha scadenza 30 aprile 2045.

A permettere all’Italia di ottenere il riconoscimento è stato i contributo allo sviluppo del mercato della finanza sostenibile con la prima emissione di Btp Green da 8,5 miliardi di euro del marzo 2021, poi seguita da una riapertura per 5 miliardi di euro nel mese di ottobre dello stesso anno, i cui ricavati sono stati utilizzati per diversi settori, fra i quali l’efficienza energetica, la riduzione dell’inquinamento, l’economia circolare e la protezione della diversità ambientale e biologica.

LEGGI ANCHE: BTP – le caratteristiche e il funzionamento dei Buoni del Tesoro Poliennali

Uno strumento per perseguire  la crescita sostenibile

«Siamo onorati di ricevere questo premio significativo che testimonia l’impegno dell’Italia nel rafforzare e sviluppare il settore della finanza sostenibile» ha sottolineato il direttore del Debito Pubblico, Davide Iacovoni, spiegando che tali strumenti consentono di «perseguire le linee guida nazionali ed europee e di proseguire lungo la strada della crescita sostenibile».

I titoli possono essere scambiati dagli investitori istituzionali sia sul mercato secondario regolamentato all’ingrosso (MTS), per operazioni non inferiori a 2 milioni di Euro, che su quelli non regolamentati, mentre, i risparmiatori individuali possono negoziare il titolo sul MOT (Mercato Telematico delle Obbligazioni e dei titoli di Stato), dove sono consentite operazioni dal taglio minimo di 1.000 euro, o sulle altre piattaforme di negoziazione, secondo il principio della best execution introdotto con la Mifid.

.