inflazione
INFLAZIONE SPESA CARRELLO SOLDI DENARO BANCONOTE EURO PREZZI CARO VITA

Il patto Antinflazione non sarà prorogato oltre il 31 dicembre. Lo ha detto il ministro Adolfo Urso a margine del tavolo sull’accordo. «Non credo sia necessario prorogare l’accordo” che ha portato al Patto anti-inflazione. Lo ha detto il Ministro delle Imprese e Adolfo Urso a margine del tavolo sull’accordo che terminerà il 31 dicembre. «Questa è una misura straordinaria, – ha detto – un patto sociale con 36 associazioni che dalla coltivazione della terra lungo l’intera filiera ha coinvolto anche l’ultimo dei commercianti e farmacisti d’Italia e oltre 31 mila punti vendita. Il sistema Italia ha vinto coeso, ha raggiunto l’obiettivo», cioè quello di ridurre l’inflazione.

La diminuzione dell’inflazione nel mese di novembre

Nel mese di novembre l’inflazione è calata. L’indice nazionale dei prezzi al consumi, al lordo dei tabacchi, registra una diminuzione dello 0,4% su base mensile e un aumento di 0,8% su base annua, da +1,7% del mese precedente. Si tratta di valori che l’inflazione non toccava dal 2021. Ad abbassare l’inflazione sono soprattutto i prezzi degli Energetici e, in misura minore gli alimentari non lavorati.

Dopo essersi annullata a ottobre, la dinamica tendenziale dei prezzi dei beni scende su valori negativi (a -1,3%), mentre quella dei servizi rimane su valori positivi, sebbene in ulteriore rallentamento (da +4,1% a +3,7%), determinando un ampliamento del differenziale inflazionistico tra il comparto dei servizi e quello dei beni (+5,0 punti percentuali, dai +4,1 di ottobre).

In base alle stime preliminari, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) diminuisce dello 0,4% su base mensile e aumenta di 0,7% su base annua (in ulteriore decelerazione da +1,8% di ottobre). Se il patto anti inflazione ha raggiunto il suo obiettivo a livello italiano, sono in molti in Europa ad attendere che il rallentamento dell’inflazione porti anche alla fine della stretta sui tassi che da mesi sta preoccupando i mercati, ma anche i risparmiatori e il sistema bancario, visto la stretta sui mutui.