mutui

Intrum Italy, società di servizi tra i leader nel settore del credito in Italia, e le società del Gruppo Arrow Global, Sagitta Sgr, specializzata nella gestione collettiva del risparmio
tramite fondi che investono in asset alternativi illiquidi, e Zenith Service, leader del mercato del master servicing in operazioni di cartolarizzazione in Italia, comunicano che sono stati perfezionati accordi per il conferimento al fondo UTP Italia di due portafogli UTP (“Unlikely To Pay”) granulari derivanti da mutui e finanziamenti PMI per un valore complessivo pari a 520 milioni euro che accrescono le masse gestite a circa 700 milioni di euro.
I portafogli conferiti, inclusa la sottoscrizione da parte di 40 banche del Gruppo BCC Iccrea, ampliano ulteriormente la platea degli investitori a 5 tra i principali gruppi bancari italiani, e confermano la vocazione granulare del fondo, che conta oggi più di 15.000 debitori totali con un taglio medio dell’esposizione di circa 45mila euro.

Intrum va a supporto di famiglie e settore bancario

Lanciato a novembre 2022, UTP Italia è un fondo innovativo che coniuga lo strumento della cartolarizzazione con quello del Fondo di Investimenti Alternativo multi comparto riservato a investitori professionali, specializzato nella gestione di crediti Unlikely To Pay (“UTP”) granulari (derivanti principalmente da mutui e finanziamenti erogati a PMI e famiglie).
Alberto Marone, Amministratore Delegato di Intrum in Italia e Managing Director dei mercati Middle Europe, ha dichiarato: “Il nostro ruolo di player primario nel settore finanziario italiano acquisisce maggiore rilevanza nell’attuale scenario macroeconomico che vede il recente rialzo dell’inflazione con il conseguente impatto negativo sul potere di acquisto delle famiglie. In questo contesto, Intrum si pone in maniera complementare e a supporto sia delle famiglie che del sistema bancario, grazie a una gestione proattiva dei clienti. Inoltre il setup attuale fornisce ulteriori possibilità di conferimento, che potranno accrescere la già considerevole size del fondo – quasi 700 milioni euro, apportati da 44 istituti di credito – Tutto questo favorendo la sostenibilità finanziaria di circa 12.000
famiglie che avranno al loro fianco un partner etico e moderno”

Claudio Nardone, Amministratore Delegato di Sagitta SGR ha commentato: “Il Fondo UTP Italia, di cui Sagitta è gestore, sta ricevendo un elevato apprezzamento da parte del sistema bancario italiano, segno che si tratta di uno strumento che ben risponde alle esigenze del mercato sempre più focalizzato sui crediti UTP e che dovrà affrontare a breve anche il tema dei crediti in Stage 2. Le caratteristiche del nostro fondo, multi asset e multi-originator, con un approccio “back to bonis”, si stanno rivelando vincenti e auspichiamo possano essere determinanti nelle scelte strategiche di altre realtà bancarie nei prossimi mesi”.
Umberto Rasori, Amministratore Delegato di Zenith Service ha commentato: “Siamo lieti di far parte di una squadra che ha creato uno strumento con caratteristiche uniche, in cui la
cartolarizzazione di crediti UTP, gestita da Zenith Service in qualità di Master Servicer, ha fatto la differenza grazie a una struttura organizzativa e a una piattaforma tecnologica preparate a gestire questa tipologia di operazioni, occupandosi dell’acquisto dei crediti oggetto di cartolarizzazione, della creazione e della gestione della società veicolo (SPV) e dello svolgimento delle attività regolamentari”.