festival del lavoro
L'edizione dello scorso anno di Nobilita

Nobìlita, il Festival della cultura del lavoro, approda finalmente a Roma. È organizzato da FiordiRisorse – la business community premiata nel 2008 da LinkedIn come ‘best practice italiana’ a cui aderiscono in oltre 8.000 tra manager e aziende per condividere competenze e networking di alto livello – e SenzaFiltro – il giornale della cultura del lavoro. A Roma verranno presentati il primo Osservatorio italiano sulle crisi aziendali – dopo un monitoraggio durato un anno a cura della redazione di SenzaFiltro e il sondaggio 2023 ‘Abbiamo ancora voglia di lavorare?’ – promosso da FiordiRisorse, che ha indagato motivazioni, scelte professionali e sentimenti di 3mila lavoratori tra pubblico e privato.

Un’edizione 2023 in due blocchi per il festival del lavoro 

Lunedì 15 maggio a Palazzo delle Esposizioni, dalle 17 alle 20 (riservato alla stampa e alle istituzioni) ci sarà l’apertura ufficiale di Nobìlita. Ospiti: Pasquale Tridico, presidente Inps, con cui ragioneremo di futuro del lavoro e di come la precarietà sia diventata in Italia una patologia; gli operai di ex Whirlpool Napoli e di ex Gkn Firenze per presentare l’Osservatorio sulle crisi aziendali. A seguire la lezione-spettacolo OvviEtà, di e con Enzo Memoji, per riflettere sul tema centrale della questione anagrafica e delle diverse generazioni a contatto sui luoghi di lavoro.

Martedì 16 maggio, dalle 10 alle 18,30 all’Acquario Romano, i temi portanti della vera e propria giornata di festival saranno: ‘Abbiamo ancora voglia di lavorare?‘, presentazione dei dati del sondaggio 2023. Il dibattito si muoverà tra salari immobili, nuove povertà, cambi di rotta dei lavoratori nelle proprie scelte di vita e professionali, urgenza di politiche attive. ‘Dove sta andando il lavoro?’, tirando i fili dalla pandemia in poi, attualizzeremo le nuove modalità organizzative tra smart working, settimana corta, lavoro al sud, congedi parentali, debito demografico e lavori di cura; ‘Dalla scuola all’azienda: troppa formazione, zero lavoro’. il paradosso italiano è che da almeno vent’anni si punta alla formazione professionale, spesso scadente, ma nel frattempo è venuto meno il mercato del lavoro stesso: che ne facciamo ora delle competenze, che ne facciamo di una scuola che si è aziendalizzata ma non sa orientare i giovani perché non li sa capire?; “L’intelligenza artificiale ci fa male?”, da chat-gpt ai suoi affini, come l’intelligenza artificiale e generativa sta mettendo a soqquadro il mondo del lavoro tra diritti non regolamentati, scarsa conoscenza delle risorse da parte degli utenti e implicazioni commerciali, di concorrenza e di privacy.

Tra gli ospiti più attesi: Chiara Saraceno, sociologa, Marco Damilano, giornalista, Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente Anci, Alessandro Rosina, economista, Gaetano Pecoraro, giornalista Le Iene e autore di uno speciale sul Reddito di cittadinanza, Christian Iansante – doppiatore e voce italiana di Bradley Cooper, Pasquale Tridico, presidente Inps, Nicoletta Prandi, esperta di intelligenze artificiali e generative.