Quantcast

Green Pass obbligatorio per lavorare, il plauso di Rasizza (Assossomm): "Avanti così"

Per l'imprenditore il provvedimento garantisce continuità economica e crescita del pil

Redazione Web
Rosario Rasizza

Rosario Rasizza ad Openjobmetis

“Valutiamo positivamente la decisione del Consiglio dei Ministri di estendere l'obbligo del Green Pass a tutti i lavoratori della Pubblica Amministrazione e del settore privato, incluse le partite IVA, chi offre servizi occasionali e i collaboratori familiari, come colf, badanti e baby-sitter. La riteniamo una decisione corretta perché va nella direzione di tutelare in primis la salute dei lavoratori e anche dei cittadini e delle famiglie, visto che molte delle categorie coinvolte prestano servizio presso le abitazioni private, gli ospedali e le RSA”. Lo ha dichiarato Rosario Rasizza, Presidente di Assosomm (Associazione Italiana delle Agenzie per il lavoro) e Amministratore delegato di Openjobmetis.

“Inoltre, questa misura consente di garantire la continuità dell’attività economica e mantenere il trend di crescita del PIL registrato negli ultimi mesi, fondamentale per rimettere in moto il Paese e proteggere i posti di lavoro. Le Agenzie per il Lavoro, come Openjobmetis, che hanno da sempre sostenuto pubblicamente la necessità di introdurre il Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro, si impegneranno nel verificare che le persone selezionate siano dotate di questo documento, così da facilitare le funzioni di controllo delle aziende a cui forniamo il servizio di somministrazione di personale” – conclude Rasizza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400